Salute

Chirurgia estetica: in aumento i pentiti del 'ritocchino'


CATEGORIE: Salute

ritocchi
Gli interventi con esiti non soddisfacenti sarebbero in forte aumento

Cresce l’esercito dei pentiti del 'ritocchino'. Da Nicole Kidman a Nina Moric, da Anna Tatangelo ad Alba Parietti: molte le donne pentite anche nel mondo dello spettacolo.

A queste si è aggiunta negli ultimi giorni l'attrice francese Emanuelle Béart che ha rivelato al quotidiano Le Monde di essersi rifatta le labbra molti anni fa per una sua insicurezza. Poi però, ha spiegato l'attrice, se ne è pentita.

Secondo gli ultimi dati emersi dal “Rapporto Pit Salute del Tribunale per i diritti del malato”, un paziente su cinque dopo un intervento di chirurgia plastica tornerebbe sotto i ferri del chirurgo estetico perché insoddisfatto del risultato. L’insoddisfazione, del resto, è spesso una diretta conseguenza del fatto di essersi rivolti a centri poco adeguati, magari per pagare meno l’intervento.

Secondo la ricerca gli interventi con esiti non soddisfacenti sarebbero in forte aumento: in testa si registra l’intervento che annovera i maggiori casi di errore, ossia la mastoplastica additiva con il 30% di segnalazioni; seguono la riduzione del seno (15%), interventi sui capillari (12%), rinoplastica (12%), blefaroplastica (9%) e infine la chirurgia plastica alle orecchie (6%).

“La consapevolezza delle proprie scelte, delle inevitabili conseguenze e soprattutto la valutazione delle strutture sanitarie e del personale medico devono essere i criteri fondamentali da considerare in questi casi”, ha spiegato a La Stampa.it il dottor Alfredo Borriello, Dirigente dell’Unità Operativa di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Pellegrini di Napoli, ricordando che è bene ponderare con attenzione il rapporto effetti/benefici, anche a distanza nel tempo.

“Negli ultimi anni ho ricevuto moltissime richieste soprattutto da parte di donne molto giovani, insicure del proprio aspetto forse anche a causa dell’età e poco consapevoli delle proprie scelte – ha aggiunto Borriello – Con il passare del tempo, poi capita che queste donne recuperino sicurezza e consapevolezza di sé e che non si riconoscano più nel loro 'nuovo' aspetto. Non sono mancati infatti casi di pazienti che, una volta raggiunta un’età più matura, hanno espresso il loro pentimento, chiedendomi di recuperare un aspetto naturale e meno conforme a canoni estetici spesso stereotipati”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Alessia Ferla

Dal cioccolato alla barbabietola, dalla natura un valido aiuto contro le malattie 9 SET 2015 ALIMENTAZIONE
Kazakistan: il mistero dell'epidemia di sonno a Kalachi 27 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Non c'è posto in 3 ospedali di Catania. La neonata Nicole muore in ambulanza 13 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vitamina D: i consigli per fare il pieno in estate 6 GIU 2014 SALUTE
Torino: donna muore dopo aborto con Ru486. Si indaga sulle cause del decesso 11 APR 2014 ATTUALITà
Lazio: perché il parto in casa resta un miraggio? 31 MAR 2014 SALUTE
Sigarette: ecco le 40 malattie provocate dal fumo 24 GEN 2014 SALUTE
Erbe medicinali cinesi, un aiuto naturale contro il diabete 20 GEN 2014 SALUTE
Omeopatia, un valido aiuto contro ansia e disturbi del sonno 13 GEN 2014 OMEOPATIA
Sanità in tempi di crisi: gli italiani rinunciano a cure mediche e dentista 12 DIC 2013 SALUTE
7 Milioni di italiani saltano la colazione. Quali rischi per la salute? 5 DIC 2013 SALUTE
Epatite A: frutti di bosco surgelati sotto accusa 12 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Endometriosi e pesticidi, quale legame? 5 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Cavie umane in India, verso il blocco dei test sui farmaci 25 OTT 2013 DENUNCIA SANITARIA
Conflitto di interessi e sicurezza alimentare: Efsa sotto accusa 13 SET 2013 DENUNCIA SANITARIA
Ogm: il Senato approva la clausola di salvaguardia 23 MAG 2013 ALIMENTAZIONE
Multinazionali del cacao: Oxfam denuncia sfruttamento e discriminazione delle lavoratrici 5 APR 2013 ATTUALITà
Caro bebè, quanto mi costi? Ecco i modi per risparmiare 14 MAR 2013 INFANZIA
Scandali alimentari: si allarga il caso della carne di cavallo 19 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Romania: bimbi legati ai letti in ospedale pediatrico 6 FEB 2013 INFANZIA
Mare toscano: mercurio nel pesce 23 GEN 2013 DENUNCIA SANITARIA
Energy drink: in aumento i casi di emergenza 21 GEN 2013 DENUNCIA SANITARIA
Ginseng, l'alternativa naturale al Viagra 10 GEN 2013 SALUTE
Aflatossine nel latte: l'analisi di Altroconsumo 10 GEN 2013 SALUTE
Perché le diete falliscono? 8 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Abuso di analgesici: quali rischi? 12 DIC 2012 SALUTE
Sindrome di Quirra: riesumate altre salme 10 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Influenza: no all'abuso di antibiotici. Come prevenirla e curarla a tavola 22 NOV 2012 SALUTE
Fitness in piscina, toccasana per il cuore 16 NOV 2012 MEDICINA PREVENTIVA
Fukushima: alti livelli di radioattività nel pesce 13 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione