Omeopatia

Cos'è Chamomilla Matricaria?


CATEGORIE: Omeopatia

camomilla
Chamomilla Matricaria

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Matricaria chamomilla
- Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia composite

DESCRIZIONE: il fusto è cilindrico, alto 40-60 cm e di solito ramificato; le foglie sono rare e molto divise, frastagliate e filiformi; i capolini hanno ricettacoli centrali gialli, sono composti da lingule radiali tubulari, circondate da una raggiera di lingule rivolta all’esterno. Ha un aspetto simile alla Chamomilla romana, o Anthemis nobilis, con la quale non deve essere confusa.

DISTRIBUZIONE: cresce allo stato spontaneo nel sud dell’Europa e nelle zone temperate.

CENNI STORICI: il nome Matricaria (da Matrix = utero) indica l’uso che ne facevano gli antichi per alleviare i dolori uterini.

PRINCIPI ATTIVI: olio volatile contenente chamazulene e abisabololo; flavonoidi tra cui apigenina, luteolina e quercetina; cumarine; sono contenute principalmente nei fiori.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica utilizza la Tintura Madre ottenuta con la pianta intera colta al momento della fioritura.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Sistema nervoso: eretismo psichico, notevole irritabilità, iperestesia e iperalgesia con spasmi e convulsioni di natura riflessa.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi acuti e cronici, nei bambini; nelle donne; negli anziani; nei soggetti neurolabili con spiccata intolleranza al dolore, irrequietezza, irritabilità e cattivo umore.

QUADRO CLINICO
• Bambino
Sin da neonato è molto irrequieto, urla, piange, di notte non dorme e si calma solamente se viene cullato o portato in braccio. La dentizione è difficoltosa e provoca notevoli disturbi. Le gengive sono molto infiammate e dolenti, il bambino mette le dita in bocca, piange, geme in continuazione ed è molto irritabile; può presentare diarrea, tosse, febbre, insonnia e crisi convulsive.
Va soggetto a: coliche gassose e diarrea verdastra riconducibili a colpi di freddo o abusi di caffè e arrabbiature della madre durante l’allattamento; otite con dolori intensi aggravati dal freddo; tosse secca, prevalentemente notturna o asma spesso secondaria a collera o rimproveri; febbre, caratterizzata da rossore in una guancia e pallore dall’altra, spesso secondaria a variazioni termiche improvvise o a reazioni emotive. Dal punto di vista mentale si può sottolineare: la capricciosità, l’irritabilità, l’irascibilità, l’ostinazione e il cattivo umore che lo rende disubbidiente, maleducato e spesso intrattabile.
• Adulto
Va soggetto a: nevralgie spesso accompagnate da parestesie, gastralgie, coliche addominali e diarrea; lipotimie; dismenorrea con intensi dolori irradiati alle cosce, menorragie e metrorragie con molti coaguli. Il quadro clinico spesso insorge o si aggrava dopo abuso di caffè e di tranquillanti, dopo arrabbiature o vessazioni, nel periodo mestruale, in gravidanza, in puerperio o durante l’allattamento.
Dal punto di vista mentale è irritabile, capriccioso, ostinato ma fondamentalmente insicuro, incapace di autocritica e portato a proiettare sul prossimo le proprie insoddisfazioni e malumori.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Intolleranza al dolore.
- Sensazione di intorpidimento delle parti affette.
- Irrequietezza.
- Notevole impazienza, irritabilità, irascibilità e capricciosità.
- Una guancia calda e rossa e l’altra pallida e fredda negli stati acuti.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Rimedio adatto ai temperamenti nervosi, eccitabili, specialmente a donne e bambini; a bambini durante la dentizione; diatesi reumatica.
2 - Brutto carattere, con qualsiasi sua espressione: accessi di irritabilità dispettosa; scortese persino con i suoi migliori amici (non ha il sottofondo collerico di Nux-v.); confessa i propri errori ma li rifà; afferma “Non ci posso far niente, sono fatto così”. Bambini scontrosi ai quali non garba nulla e che sono tranquilli solo quando vengono presi in braccio e coccolati.
3 - Ipersensibilità a tutti gli stimoli sgradevoli, ma soprattutto al dolore, che gli sembra intollerabile e lo spinge di notte a saltar fuori del letto e camminare per la stanza; il dolore si alterna a torpore.
4 - Intensa astenia, sproporzionato alla gravità della patologia.
5 - Tutte le secrezioni sono molto calde (sudore, feci, ecc.).
6 - Calore localizzato, di mani e piedi; una guancia arrossata e calda, l’altra pallida e fredda.
7 - Diarrea da dentizione; feci molto calde, acri, verdi, con odore di uova marce.
8 - Disturbi mestruali e puerperali con i car. dolori e irritabilità; mestruazioni troppo abbondanti e con coaguli scuri.
9 - Disturbi provocati da collera e da violenta eccitazione e anche da abuso di sostanze eccitanti.
10 - Il paziente è:
a) peggiorato dal calore e dalle applicazioni calde (ma non è nemmeno migliorato dal freddo); di sera e di notte;
b) sensibile al clima umido, freddo, e ai venti forti, soprattutto a livello delle orecchie.
Nota: È un rimedio che agisce velocemente, ma non molto in profondità.
Nota dominante: Ipersensibilità.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 MENTE. NERVI. EMOZIONI. Mucose [APPARATO
DIGERENTE]. Fegato. Organi sessuali.
- Lateralità del rimedio: Lato sinistro

EZIOLOGIA
Collera, vessazioni, disprezzo, mortificazioni, rimproveri; dentizione; malattie esantematiche; abuso di caffè, oppiacei e tranquillanti; avvelenamento da alluminio; abuso di medicinali e di zolfo; soppressione della sudorazione per effetto del freddo o del vento; soppressione di eruzioni.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: l’irritabilità, l’irascibilità, la capricciosità, l’ostinazione e il cattivo umore. L’abnorme risonanza affettiva a stimoli e situazioni di scarsa entità si esprime con reazioni di stizza e di collera. Queste, in realtà, celano un carattere instabile e fondamentalmente insicuro, un’incapacità di autocritica e la tendenza a proiettare sul prossimo le proprie insoddisfazioni e malumori. L’aggressività viene infatti liberata in modo infantile, sotto forma di capricci, cocciutaggine e comportamenti avversativi, non sostenuti da un reale convincimento sulle proprie affermazioni.

MODALITA'
• Peggioramento: RABBIA. NOTTE. DENTIZIONE. Aria fredda, aria umida. Vento. Prendendo freddo. CAFFE’. Narcotici. Alcool. Coricato a letto. Musica. Eruttazioni. Caldo. Cibo caldo, coprendosi. Contatto. Se guardato.
• Miglioramento : QUANDO VIENE PORTATO IN BRACCIO. Clima mite. Caldo. Sudando. Applicazioni fredde.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione