Salute

Cellule Natural Killer


CATEGORIE: Salute

cellule nk
Cellule Natural Killer

Le cellule NK sono dei grandi linfociti granulari in grado di uccidere le cellule bersaglio (virus e cellule tumorali) senza dover interagire con complessi antigene-MHC. Esse non si sviluppano nel timo, non vanno incontro a riarrangiamento genico dei propri recettori, non esprimono i recettori per l’antigene tipico dei linfociti T, né il CD3 e sono incapaci di memoria immunologica. Esse esercitano la loro citotossicità non specifica formando pori, mediante le perforine, sulle membrane di cellule tumorali e cellule infettate da virus.

L’IFN-α, l’IFN-β e l’IL-12, ossia le citochine che aumentano durante un’infezione virale, incrementano l’attività delle cellule NK, che rappresentano la prima difesa in caso di infezioni virali.

Le cellule NK producono IFN-γ, il segnale precoce per l’attivazione della risposta TH1, sotto lo stimolo dell’IL-12, rilasciata principalmente dai macrofagi. Questi, sotto l’influenza dell’IFN-γ rilasciato dalle NK, incrementano la loro produzione di IL-12.
L’IFN-γ attiva la produzione di radicali liberi, soprattutto ossido di azoto, da parte dei macrofagi e, in sinergia con l’IL-12, può attivare i linfociti T citotossici al fine di debellare l’infezione virale.

L’attività citotossica delle cellule NK non è MHC ristretta, per cui possono distruggere cellule tumorali che non presentano l’MHC di classe I e non sono riconosciute dai linfociti T citotossici.

Durante il sonno notturno, il ridotto livello di glucocorticoidi, associato all’incremento di melatonina, comportano la prevalenza della risposta TH1 con predomino dell’IFN-γ e incremento dell’attività citotossica delle NK. Anche il GH potrebbe intervenire nell’incremento dell’attività delle cellule NK e nell’aumento della risposta TH1.

L’attività simpatica è controllata in modo sinergico dagli oscillatori circadiani e dal sonno, mentre quella parasimpatica è controllata principalmente da fattori circadiani. Infatti, il sonno notturno nell’uomo è caratterizzato da una riduzione dell’attività simpatica e da un relativo incremento di quella parasimpatica. L’attività parasimpatica globalmente riduce la risposta proinfiammatoria sistemica dell’immunità innata e supporta alcune funzioni cellulo-mediate della risposta immunitaria acquisita. Durante il sonno l’aumentato tono parasimpatico aumenta la risposta TH1 e diminuisce alcuni aspetti della risposta immunitaria innata.

Nell’insonnia i pazienti presentano una diminuzione dei CD4+ e dei CD8+ e una diminuzione dell’attività delle cellule NK. L’attivazione β-adrenergica notturna media la soppressione dell’attività delle cellule NK, che rivestono un importante ruolo di difesa contro i tumori. Nell’insonnia cronica si osservano anche anomalie nelle citochine con viraggio dalla risposta TH1 a quella TH2 e bassi livelli di IFN-γ. Sono stati rilevati anche incrementi diurni dei livelli di IL-6, una citochina che normalmente è a livelli più elevati durante la notte ed è negativamente correlata con la percezione soggettiva di qualità del sonno.


Per ulteriori approfondimenti su questo argomento si rinvia al testo Multidisciplinarietà in Medicina



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Multidisciplinarietà in Medicina  Lucia Gasparini   Salus Infirmorum

Multidisciplinarietà in Medicina

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell’Omeopatia in ambito scientifico

Lucia Gasparini

La ricerca scientifica è tesa ad un'incessante soluzione di problemi e la conoscenza scientifica cresce e opera nel continuo dissenso, ma sempre orientata verso la teoria vincente. Il metodo scientifico, mediante il percorso delle congetture e delle confutazioni e quindi della falsificabilità fattuale delle teorie, è la… Continua »
Pagine: 832, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
63,67 € 74,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Lucia Gasparini

Tessuto adiposo e regolazione della risposta immunitaria 13 APR 2016 SALUTE
La regolazione dell’assunzione di liquidi 18 NOV 2015 SALUTE
Immunologia: interleuchina 1 (IL-1) 29 OTT 2015 SALUTE
Il metodo della fisica 15 OTT 2015 SALUTE
Genetica: gli oncogeni 8 OTT 2015 SALUTE
Strategie elementari di interazione sociale 5 OTT 2015 SALUTE
Immunologia: generalità sulle citochine 23 SET 2015 SALUTE
La scienza sperimentale e il suo metodo 23 SET 2015 SALUTE
I fitoestrogeni 10 SET 2015 SALUTE
Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute 2 SET 2015 OMEOPATIA
Gestione e trattamento della sindrome metabolica 26 AGO 2015 SALUTE
Dominanza sociale e immunità negli animali 24 LUG 2015 SALUTE
Gli antiossidanti 17 LUG 2015 SALUTE
Risposta immunitaria in alcune malattie cutanee croniche 13 LUG 2015 SALUTE
Malattie cutanee come manifestazioni di un quadro sistemico 20 DIC 2013 SALUTE
Aromatasi 12 DIC 2013 SALUTE
Mitocondri ed esercizio fisico 25 NOV 2013 SALUTE
Psoriasi e dermatite atopica, la risposta immunitaria nelle malattie cutanee croniche 6 NOV 2013 SALUTE
La sindrome metabolica 18 OTT 2013 SALUTE
Adiponectina 15 OTT 2013 SALUTE
Cos'è la leptina 14 OTT 2013 SALUTE
Sistema dello stress e concetto di allostasi e di carico allostatico 23 APR 2013 SALUTE
Ritmo circadiano degli ormoni e loro proprietà immunomodulatorie 16 APR 2013 SALUTE
Tessuto adiposo, obesità viscerale e infiammazione 12 APR 2013 SALUTE
Emozioni negative 9 APR 2013 SALUTE
Stress cronico: disfunzioni dell’asse HPA, alterazioni immunitarie e disturbi della sfera affettiva 3 APR 2013 SALUTE
Immunità innata e Toll-like receptors (TLR) 15 MAR 2013 SALUTE
Schema, struttura e processo dei sistemi viventi 1 MAR 2013 SALUTE
Steroidi sessuali e immunità 20 FEB 2013 SALUTE
Effetti inibitori dei glucorticoidi sul sistema immunitario 19 DIC 2012 SALUTE

Tutti gli articoli di Lucia Gasparini







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione