Denuncia sanitaria

Cellulari e tumori: il Codacons lancia una class action


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

cellulari tumori
Il Codacons lancia una mega class action in Italia in favore dei possessori di cellulari e soprattutto di chi utilizza il telefonino per lavoro

Dopo le ultime sentenze dei Tribunali di Firenze e di Ivrea che hanno accertato la risarcibilità dei danni sanitari prodotti dai telefonini, il Codacons lancia una mega class action in Italia in favore dei possessori di cellulari e soprattutto di chi utilizza il telefonino per lavoro. 
Nel mirino dell'associazione in difesa dei consumatori vi sono l'Inail, ente per le malattie professionali dei lavoratori, ma anche le grandi marche produttrici, Apple e Samsung in testa.

I tribunali di Firenze e Ivrea hanno riconosciuto il collegamento tra l'uso non corretto dell' apparecchio e l'insorgenza di una malattia al nervo acustico, condannando l'Istituto nazionale per l' assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali a corrispondere una rendita a due lavoratori che per anni avevano trascorso al telefonino alcune ore al giorno.

Il Codacons ha deciso ora di imboccare un doppio percorso giudiziario: da un lato un ricorso al Tar del Lazio per imporre l' inserimento sulle confezioni dei cellulari delle avvertenze riguardanti i rischi per la salute; dall'altro appunto una class action, destinata ad una platea ben più ampia dei singoli utenti già colpiti da patologie correlate agli apparecchi e per questo legittimati a promuovere cause individuali.

“Si tratta – spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi - di un'azione risarcitoria collettiva in favore non solo di chi, in relazione all' attività lavorativa svolta, fa uso del cellulare per un tempo complessivo pari ad almeno due ore al giorno, ma anche di chi semplicemente possiede un telefonino, per le mancate informazioni rese circa i rischi sul fronte della salute”.

"La giurisprudenza italiana - spiega Rienzi - ha riconosciuto in modo incontrovertibile il nesso di causalità tra malattie come i tumori e l' utilizzo dei telefoni cellulari". "Ciò apre la strada a una azione risarcitoria collettiva in favore anche di chi semplicemente ne possiede uno.

Uno dei primi obiettivi – prosegue Rienzi - è obbligare il ministero della Salute e il ministero dello Sviluppo economico a inserire sui cellulari avvertenze sui rischi per la salute, come per i pacchetti di sigarette. In cantiere, a questo fine, c' è già un ricorso al Tar del Lazio”.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Troppo Connessi? Cellulari, smartphone, wifi, dispositivi elettrici  Martin Blank   Macro Edizioni

Troppo Connessi? Cellulari, smartphone, wifi, dispositivi elettrici

Le verità scientifiche sui pericoli delle radiazioni elettromagnetiche per la nostra salute

Martin Blank

Cellulari e smartphone sono diventati dispositivi onnipresenti nella vita del ventunesimo secolo – fusi con le nostre orecchie e incollati alle nostre tasche. Sarà poi vero che questi strumenti tecnologici causano il cancro? Nel 2011 l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha sconvolto la comunità internazionale… Continua »
Pagine: 296, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
15,50 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccini obbligatori in Francia: dov’è finita la “libertè”? 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini, Travaglio: “Che ho detto di scandaloso?” 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Etichette alimentari e allergeni: le nuove direttive Ue 19 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Disturbi del sonno? Un “trucco” per addormentarsi 17 GEN 2018 SALUTE
Bisfenolo A: Ue impone limiti più stringenti 15 GEN 2018 SALUTE
Sospeso bambino non vaccinato: il Tar lo riporta a scuola 15 GEN 2018 VACCINAZIONI
Ansia e depressione: rischio maggiore per chi dorme male 11 GEN 2018 SALUTE
L'ibuprofene può compromettere la fertilità maschile 10 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'abilità che tuo figlio deve imparare per avere successo nella vita 8 GEN 2018 INFANZIA
Francia: scatta l'obbligo di 11 vaccini 8 GEN 2018 VACCINAZIONI
Obesità infantile: diminuisce in Europa, ma l'Italia è tra i peggiori 8 GEN 2018 INFANZIA
Colesterolo e glicemia: una mela al giorno abbassa il rischio 5 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Bambini: ecco perché è importante mangiare in famiglia 5 GEN 2018 INFANZIA
Le proprietà curative del miele 5 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Inquinamento acustico: un quarto della popolazione europea soffre per il rumore 5 GEN 2018 SALUTE
Dimagrire dopo le feste: come farlo nel modo giusto? 3 GEN 2018 SALUTE
Lo yoga allevia i sintomi della menopausa 3 GEN 2018 SALUTE
Tristi e poco autonomi: così sono gli adolescenti figli dello smartphone 3 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Smettere di fumare: ecco come riuscirci 3 GEN 2018 SALUTE
Muore dopo il vaccino antinfluenzale. Familiari presentano esposto alla procura di Venezia 22 DIC 2017 VACCINAZIONI
Linfoma: lo sport allunga la vita 20 DIC 2017 SALUTE
Tumori testa e collo: anziani più a rischio 20 DIC 2017 SALUTE
Bambini: troppe bevande zuccherate aumentano il rischio di asma 20 DIC 2017 INFANZIA
Il tè fa bene anche alla vista 18 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Cibi scaduti: quali si possono mangiare? 18 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Paracetamolo a rilascio prolungato: prodotti sospesi dal mercato dal europeo 18 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Glifosato: la Commissione Ue respinge le richieste dei cittadini 15 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: l'obesità aumenta il rischio 15 DIC 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Corte Costituzionale: risarcimento danni anche per vaccini non obbligatori 15 DIC 2017 VACCINAZIONI
L'inquinamento influenza la fertilità maschile 13 DIC 2017 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione