Salute

Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione


CATEGORIE: Salute

cellulari

In Francia l’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambiente e lavoro (ANSES) ha pubblicato nei giorni scorsi un parere sugli effetti sulla salute connessi alle onde emesse dai telefoni cellulari quando utilizzate vicino al corpo. Pur non evidenzando un pericolo grave e immediato, l'ANSES sottolinea che i risultati degli studi pubblicati fino ad oggi non escludono la comparsa di problemi negli esseri umani oltre determinate soglie.

 

Pertanto, come richiesto dal Governo, la Francia chiederà alla Commissione europea di rafforzare i requisiti applicabili ai nuovi telefoni cellulari immessi sul mercato. Il Governo, come raccomandato dall'ANSES, chiederà che le prove di per l’immissione in commercio vengano eseguite al contatto del dispositivo, e non a 5 mm come succede ora, in modo che siano più rappresentative della effettiva esposizione dell'utente.

 

L'Agenzia nazionale delle frequenze (ANFR) svilupperà poi alcuni strumenti per rafforzare le informazioni degli utenti. Tra questi l'applicazione mobile "Open Barres" che sarà completata entro la fine dell'anno e che consentirà a ciascun utente di conoscere le emissioni del proprio modello di telefono cellulare. Sul sito web di ANFR saranno inoltre indicate entro la fine dell'anno le distanze di utilizzo consigliate.

 

Il governo chiederà ai principali produttori di cellulari di impegnarsi per aggiornare il software dei loro modelli immessi sul mercato prima dell'applicazione dei nuovi standard, più restrittivi in termini di emissioni. Infine, nel 2020 l'ANFR aumenterà del 30% il controllo sui prodotti immessi sul mercato.

 

Agli utenti il Governo francese raccomanda di adottare alcuni accorgimenti per ridurre l'esposizione alle frequenze radio quando si usa un telefono cellulare:

 

1. Usare un kit vivavoce

2. Preferire i messaggi di testo per comunicare

3. Favorire le aree di buona ricezione del segnale

4. Evitare di tenere il telefono all'orecchio durante la guida

5. Scegliere un telefono cellulare con un basso tasso di assorbimento

6. Evitare le lunghe conversazioni.

 

Intanto nel nostro Paese  l'Associazione Italiana Medici per l'Ambiente – ISDE Italia è intervenuta in merito al report dell’Istituto Superiore di Sanità sui rapporti tra utilizzo dei cellulari e cancro definendolo inadeguato a garantire al meglio la salute pubblica.

 

Non condividendo le conclusioni né la metodologia adottata nell’elaborazione del rapporto. il Presidente del Comitato Scientifico ISDE, Dott. Agostino Di Ciaula e il Prof. Benedetto Terracini già Professore di Epidemiologia dei tumori all’Università di Torino, hanno promosso un appello per chiedere all’Istituto Superiore di Sanità e al Ministero della Salute di ritirare il documento e di rielaborarlo considerando in maniera adeguata tutte le evidenze scientifiche disponibili.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieta giapponese: i benefici per la salute dell'alimentazione del Sol Levante 9 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Pesticidi: l'esposizione sul posto di lavoro aumenta il rischio di malattie cardiache 7 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quanta plastica beviamo con una tazza di tè? 4 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quasi un milione di celiaci in Italia: si indaga sulle cause ambientali 30 SET 2019 SALUTE
Tumori in calo in Italia. È la prima volta 27 SET 2019 RICETTE
Bambini e stili di vita: le buone abitudini da imparare da piccoli 23 SET 2019 INFANZIA
Dal cioccolato alla barbabietola, dalla natura un valido aiuto contro le malattie 9 SET 2015 ALIMENTAZIONE
Kazakistan: il mistero dell'epidemia di sonno a Kalachi 27 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Non c'è posto in 3 ospedali di Catania. La neonata Nicole muore in ambulanza 13 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vitamina D: i consigli per fare il pieno in estate 6 GIU 2014 SALUTE
Torino: donna muore dopo aborto con Ru486. Si indaga sulle cause del decesso 11 APR 2014 ATTUALITà
Lazio: perché il parto in casa resta un miraggio? 31 MAR 2014 SALUTE
Sigarette: ecco le 40 malattie provocate dal fumo 24 GEN 2014 SALUTE
Erbe medicinali cinesi, un aiuto naturale contro il diabete 20 GEN 2014 SALUTE
Omeopatia, un valido aiuto contro ansia e disturbi del sonno 13 GEN 2014 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione