Omeopatia

Cos'è Causticum?


CATEGORIE: Omeopatia

causticum
Causticum è un prodotto di distillazione di bisolfato di potassio e calce

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Causticum
- Ordine Naturale di appartenenza: prodotto di distillazione di bisolfato di potassio e calce; secondo il dr. Wagner sarebbe una soluzione debole di idrato di ammoniaca con tracce di solfito di ammoniaca.

DESCRIZIONE: è un liquido incolore e limpido come l'acqua; il sapore è astringente; si congela alle basse temperature; ha degli effetti caustici ed è in grado di favorire i processi putrefattivi nei tessuti animali.

ORIGINE: la sostanza, dalla composizione chimica non definita, è stata introdotta nella pratica terapeutica da Hahnemann; è ottenuta per distillazione di una miscela di bisolfato di potassio e calce.

COMPOSIZIONI CHIMICHE: secondo il dr. Pierre Schmidt rientrerebbe nel gruppo dei composti dell'ammonio e non in quelli del potassio.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Causticum si ottiene mescolando una goccia del prodotto di distillazione con 100 gocce di alcool al fine di ottenere la prima centesimale.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Sistema nervoso: tremori, crampi, contratture muscolari, convulsioni e paralisi soprattutto facciali, faringee, laringee e degli sfinteri.
- Articolazioni e tessuti fibrosi periarticolari: processi infiammatori e degenerativi con conseguente anchilosi.
- Mucose: processi infiammatori che interessano in modo elettivo quelle dell'apparato respiratorio e digerente.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: occasionalmente nei casi acuti, molto spesso nei casi cronici; nei bambini; nel periodo puberale; negli anziani; nelle donne; nei soggetti che presentano astenia, fenomeni paretici di tipo centrale o periferico a lenta insorgenza, convulsioni, incontinenza urinaria, dolori urenti, anchilosi, manifestazioni isteriche e uno stato ansioso-depressivo, spesso insorto dopo dispiaceri e preoccupazioni protratte nel tempo.

QUADRO CLINICO
• Bambino: in genere è pallido, magro, astenico e di salute cagionevole. L'addome è piuttosto globoso e gli arti inferiori particolarmente ipotrofici. Va soggetto a: eruzioni cutanee, rinofaringiti e otiti; in alcuni casi corea, fenomeni convulsivi o crisi epilettiche soprattutto sotto forma di «piccolo male» con assenze e perdita di urine.
Può presentare ritardo nel linguaggio e, successivamente, difficoltà nell’imparare a scrivere o problemi di apprendimento scolastico. Dal punto di vista mentale è pauroso soprattutto di notte, piange facilmente ed è piuttosto triste e depresso.
Adulto: In genere è piuttosto magro, astenico, freddoloso e ipersensibile al vento freddo e secco. Il colorito è piuttosto pallido, giallastro e di aspetto poco sano. Va soggetto a: manifestazioni reumatiche, artrosi con notevoli limitazioni funzionali o anchilosi per interessamento dei tessuti fibrosi periarticolari; paralisi distrettuali (facciale, palpebrale, della lingua, del faringe, delle corde vocali, dello sfintere anale, del detrusore vescicale e degli arti) a lenta insorgenza, a volte a frigore o dopo soppressione di eruzioni cutanee; emiparesi; crampi, convulsioni; eruzioni cutanee croniche; dolori urenti a livello delle mucose infiammate o nelle sedi di eruzioni cutanee. Dal punto di vista mentale si può sottolineare: l'intensa carica affettiva e l'animo compassionevole, l'ipersensibilità, l'emotività, il pessimismo, una spiccata tendenza alla polemica e uno stato ansioso-depressivo, spesso conseguente a preoccupazioni, dispiaceri e sofferenze psicologiche.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Astenia generale e soprattutto agli arti inferiori.
- Paralisi di territori nervosi isolati a lenta insorgenza, anche a frigore o dopo soppressione di eruzioni cutanee.
- Incontinenza urinaria da sforzo.
- Dolori urenti e sensazione di bruciore a livello delle mucose infiammate e nelle sedi di lesioni cutanee.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Persone con capelli scuri, tono muscolare rigido e carnagione gialla, olivastra.
2 - Umore malinconico, soprattutto dopo un dispiacere o dolore che dura da tanto; facilità al pianto, specialmente nei bambini scontrosi e pessimisti; non hanno alcuna inclinazione né capacità di fare sforzi fisici e mentali, ma hanno grande compassione per le altrui
sofferenze.
3 - Perdita di forze, come se fosse uno svenimento, con tremito interno (Gelsemium).
4 - Stato paralitico localizzato in singole parti del corpo, generalmente a destra; paresi rettale che provoca stitichezza, continuo desiderio inefficace di defecare e tendenza a stare in piedi durante la defecazione; anche paralisi generale progressiva.
5 - Patologie reumatiche con sensazione di tensione e accorciamento dei muscoli: dolori laceranti, strappanti, più degli arti che delle articolazioni.
6 - Forte sensazione dolorosa di carne messa a vivo con indolenzimento in varie parti del corpo; a volte viene descritta dal paziente come bruciore.
7 - Tosse cavernosa, spasmodica, spesso con raucedine o afonia, peggiora espirando e migliora dalle bevande fredde, accompagnata da un getto d'urina; muco tenace e filamentoso difficile da espettorare.
8 - Cute malsana; spiccata tendenza alla formazione di verruche; disturbi conseguenti alla soppressione di dermatosi croniche.
9 - Grande agitazione notturna; non riesce a trovare la posizione per riposare.
10 - Paziente freddoloso:
a) peggiora dal clima limpido, bello;
b) migliora dal clima umido, piovoso (p. e., dall'aria mite, dolce), eppure peggiora facendo un bagno o bagnandosi.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 NERVI [motori; sensoriali]. MUSCOLI [VESCICA; LARINGE; arti]. Cute. Respirazione.
- Lateralità del rimedio: Lato destro; faccia. Lato sinistro.

EZIOLOGIA
Preoccupazioni e dispiaceri ripetuti e protratti nel tempo; mancanza di sonno per veglie prolungate; soppressione di eruzioni cutanee o della galattopoiesi; sovraffaticamento muscolare (paresi); intossicazione cronica da piombo; abuso di mercurio; masturbazione, eccessi sessuali; clima ventoso.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: un'intensa carica affettiva, una spiccata ipersensibilità ed emotività, uno stato ansioso-depressivo e una latente aggressività, rivelata da atteggiamenti polemici e di protesta.
La carica affettiva, o energia connessa agli istinti d'amore, è piuttosto intensa, ma la difficoltà nel raggiungere una sessualità matura comporta una disarmonia nel suo sviluppo psicofisico e la persistenza di pulsioni parziali anacronistiche. Queste possono venire represse e generare ansia, possono essere sublimate verso ideali politici e sociali, possono essere convertite in nevrosi isterica o essere liberate dando luogo a perversioni.
L'intensa risonanza affettiva, con la quale vive la sua realtà corporea, i suoi processi psicologici e la sua socialità, lo rende ipersensibile e molto coinvolto da qualsiasi problema, preoccupazione o dispiacere non solo personale e dei suoi cari, ma anche sociale.
La coloritura negativa e tendenzialmente pessimistica, con la quale vive qualsiasi sensazione affettiva, comporta un abbassamento del tono dell'umore a impronta disforica e uno stato di sofferenza che spesso gli impedisce di superare le avversità della vita e non gli consente di lottare attivamente per realizzare gli ideali in cui crede.
In genere avverte la necessità di estrovertire la propria sensazione di disagio, ma anche l'incapacità di riuscire a esprimersi verbalmente, al fine di ottenere dagli altri attenzione, aiuto e comprensione. Ciò lo induce a piangere e a lamentarsi, a ironizzare e a polemizzare o a manifestare la presenza di disturbi somatici attraverso comportamenti isterici.
Le perdite affettive e qualsiasi fattore, che abbassi il livello di autostima, accentuano le sue aspettative negative nei confronti della realtà. Percepisce il mondo pieno di ostacoli insormontabili, considera se stesso impotente di fronte a essi e non spera di poter esercitare un controllo sul proprio destino. Si sente profondamente triste e depresso. Desidera comunicare, ma riesce solo a essere caustico, critico, provocatorio e fondamentalmente noioso o sgradevole.
A volte può congelare la sua affettività e diventare apatico, indifferente verso i problemi altrui e a volte anche nei confronti dei sentimenti superiori di natura morale. In questo caso le pulsioni istintuali, non venendo represse, sublimate o convertite in nevrosi, sono liberate e si possono manifestare in comportamenti sessuali regressivi, deviati e perversi.

MODALITA'
• Peggioramento: Aria FREDDA , SECCA  o umida. Vento . Correnti d'aria. Temperature estreme. Curvandosi. Eruzioni soppresse. Caffè. Grassi. Alle ore 3.00-4.00 del mattino o di SERA . Sforzo fisico. Quando cambia il clima. Dopo la defecazione. Movimento in vettura. Al crepuscolo. Oscurità. Tenendo stretto qualcosa. Cibi acidi. Facendo il bagno nel fiume d'estate.
• Miglioramento


: BEVANDE FREDDE (perfino quando ha freddo). Clima umido, piovoso. Lavandosi. Calore: del letto. Movimento delicato.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione