Salute

Stop alle dimissioni facili: i medici rischiano l'omicidio colposo


CATEGORIE: Salute

medicina legge
Stop alle dimissioni facili: i medici rischiano l'omicidio colposo

Le dimissioni dei pazienti dagli ospedali devono essere decise solo secondo valutazioni di “ordine medico” e non in base a criteri di economicità presenti nelle linee guida delle strutture sanitarie per il contenimento della spesa sanitaria.

È quanto stabilito dalla Cassazione con la sentenza 8254 che ha accolto il ricorso della Procura di Milano contro l'assoluzione “perché il fatto non costituisce reato” di un medico dell'ospedale di Busto Arsizio, che aveva dimesso un paziente, con esiti di recente infarto esteso del miocardio, a nove giorni di distanza dall'intervento di angioplastica all'arteria anteriore. L'uomo era deceduto poche ore dopo essere stato dimesso.

Il medico si era difeso sostenendo di essersi attenuto “scrupolosamente alle linee guida”, ma secondo la Corte Suprema, questo non basta a liberarsi dalle responsabilità: le linee guida, sottolinea la Cassazione, possono “legittimamente” essere “ispirate anche a logiche di economicità di gestione”, ma “il medico deve perseguire un unico fine: la cura del malato utilizzando i presidi diagnostici e terapeutici di cui al tempo dispone la scienza medica, senza farsi condizionare la esigenze di diversa natura”.

Sulla vicenda specifica si dovrà ora pronunciare il giudice del rinvio. Intanto, però, la Corte Suprema ha fissato un principio cardine, stabilendo che il medico deve assumere la decisione migliore per la salute del paziente e spetta quindi a lui verificare nel caso specifico se la prassi delle cosiddette "linee-guida", per quanto legittimamente ispirate a criteri di economicità di gestione, non risulti in contrasto con le esigenze di tutela del malato.

I medici, pertanto, possono essere chiamati a rispondere di omicidio colposo se dimettono dall'ospedale pazienti a rischio che poi muoiono.
Si tratta di una sentenza “importante” che riporta il medico “al centro delle decisioni diagnostico-terapeutiche, dopo anni di predominanza di logiche economiche che hanno cercato di trasformarlo da professionista in dirigente impegnato a cercare di far risparmiare le aziende”. Questo il commento del presidente nazionale Cimo-Asmd (il coordinamento dei medici ospedalieri e dei medici dirigenti), Riccardo Cassi, in merito alla sentenza della quarta sezione penale della Corte Suprema che segna uno stop alle dimissioni troppo frettolose di un paziente per criteri di contenimento della spesa.

Cassi ha poi aggiunto che “ora è necessario fare chiarezza fino in fondo e trasferire questo principio nella normativa”  altrimenti il medico “si troverà esposto a sanzioni da parte dell'azienda se non rispetta le 'logiche di mercato'”.

“La magistratura, di cui apprezziamo il prezioso lavoro di controllo sulle disfunzioni del sistema sanitario nazionale, non metta però i medici sul banco degli imputati anche quando questi agiscono in scienza e coscienza. Sanzioni piuttosto le scelte di politica aziendale sbagliate, per tutelare i cittadini e la professionalità dei medici stessi”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessandra Profilio

#BastaTacere: dai social alla proposta di legge contro la violenza in sala parto 9 MAG 2016 DENUNCIA SANITARIA
Cosa succede se una coppia affronta un rapporto sessuale nelle stesse condizioni in cui una donna affronta il travaglio? 11 DIC 2015 DENUNCIA SANITARIA
Farmaco passa da 13 a 750 dollari. Hillary Clinton contro Big Pharma 23 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
Ebola spaventa il mondo. Cosa sapere dell'epidemia? 15 OTT 2014 SALUTE
Irlanda: bimbi usati come cavie per i vaccini 18 GIU 2014 DENUNCIA SANITARIA
Traffico di virus per il business delle epidemie 7 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
Rifiuti tossici: 'moriranno tutti di tumore'. L'allarme dei pediatri conferma la 'profezia' di Schiavone 22 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Germania, 50mila pazienti cavie umane nella Ddr 14 MAG 2013 DENUNCIA SANITARIA
Leggere? Molto più che un piacevole passatempo 29 AGO 2012 SALUTE
Introducing, una dolcissima attesa racchiusa in 90 secondi 15 MAR 2012 INFANZIA
Amianto killer: sentenza storica chiude il maxi-processo 13 FEB 2012 DENUNCIA SANITARIA
Troppi parti cesarei: partono i controlli dei Nas 10 FEB 2012 SALUTE
La vigoressia, o complesso di Adone 22 NOV 2011 SALUTE
Allucinazioni, incubi e rapimenti alieni: all'origine un disturbo del sonno 15 NOV 2011 SALUTE
Inghilterra: lo scandalo dei combattimenti in gabbia tra bambini 22 SET 2011 INFANZIA
Pannolini lavabili: perché sceglierli? 19 SET 2011 INFANZIA
Bebè a costo zero 16 SET 2011 INFANZIA
Depressione: donne più a rischio rispetto agli uomini 9 SET 2011 SALUTE
Lazio: acqua all'arsenico per i detenuti nelle carceri 9 SET 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer, germogli di soia nel mirino 6 GIU 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer, ancora ignota l'origine. Fazio: “nessun rischio in Italia” 3 GIU 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer: nessuna prova contro i cetrioli spagnoli. Resta ignota l'origine dell'epidemia 1 GIU 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer: sale il bilancio delle vittime. Dubbi sull'origine dell'epidemia 31 MAG 2011 DENUNCIA SANITARIA
Elettrosensibilità: il caso di una donna inglese allergica all'elettricità 20 MAG 2011 SALUTE
Psicofarmaci ai bambini? Uno spot per Pensare Oltre 17 MAG 2011 INFANZIA
Dormire con gli animali domestici: quali rischi per la salute? 10 MAG 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Tutti pazzi per Kate Middleton, ma attenti alla dieta Dukan... 4 MAG 2011 SALUTE
Action for Happiness, le 10 chiavi per vivere più felici 15 APR 2011 SALUTE
Latte umano da animali transgenici? Nascono in Cina le Franken-mucche 6 APR 2011 ALIMENTAZIONE
Fukushima: in mare tassi di iodio radioattivo 3.355 volte sopra il limite 30 MAR 2011 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessandra Profilio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione