Omeopatia - Casi Clinici

Un caso di impetigine pediatrica risolta con il rimedio omeopatico Borax

Fonte: Il Medico Omeopata



omeopatia

Giovanni è un bambino di due anni che vedo per la prima volta il 25.1.2000. Da quasi due mesi soffre di un herpes nasale impetiginato. Da alcuni tratti fisiognomonici - ipertelorismo, epicanto bilaterale, pallore - penso di trovarmi di fronte ad un caso di sindrome di Down. In realtà, vengo subito a sapere che il padre è un orientale, il che mi risparmia una brutta figura.

Dunque, due mesi prima del nostro incontro il bambino ha manifestato un herpes della base del naso, estesosi all'ala nasale sinistra e alla fossa nasale sinistra. E' stato trattato con Zovirax senza nessun risultato apprezzabile, anzi sulle lesioni erpetiche si è stabilita una infezione batterica per cui, adesso, Giovanni presenta una vasta crosta bruno-verdastra che occupa quasi interamente la parte sinistra del naso e comincia ad estendersi a destra, con una secrezione mucopurulenta verdastra mista a sangue. La madre, studentessa universitaria, dopo una breve relazione è stata lasciata dal suo partner nelle fasi iniziali della gravidanza che, in realtà, lei non ha mai accettato.

 

Non ha avuto disturbi fisici durante la gestazione; il parto è stato a termine, ma con difficoltoso distacco della placenta; Giovanni pesava Kg. 3,5. E' stato allattato al seno fino al quinto mese allorché la madre manifestò una infezione dentale con improvvisa cessazione della abbondantissima lattazione, il tutto insorto in seguito a profonda demoralizzazione dopo il rientro nella famiglia di origine. La madre è affetta da eczema disidrosico delle mani (risponderà benissimo, qualche mese più tardi, a Nat. Mur.) Dello stato di salute del padre del bambino ho solo vaghe notizie: una patologia degli arti inferiori che ne avrebbe determinato un deficiente sviluppo in lunghezza rispetto al tronco (micromelia dell'acondroplastico???).

 

Lo sviluppo di Giovanni nel primo anno di vita sembra essere stato normale, non ha presentato nessuna patologia cutanea, ha avuto alcuni episodi di flogosi delle vie aeree superiori. All'età di nove mesi e per alcune settimane fu tenuto in osservazione presso l'Istituto di Neuropsichiatria Infantile: test di apprendimento, test fisici, fisioterapia. Si conclude che, in realtà, il bambino stava bene. Chiedo cosa si fosse verificato di cosi allarmante da richiedere un controllo neuropsichiatrico. "Aveva degli scatti, alzava braccia e gambe di colpo, poi si rattrappiva e perdeva il respiro". Chiedo in che occasione si fosse verificato questo fenomeno. "La prima volta mentre scendevo le scale con il bambino in braccio, lo portavo appoggiato con la schiena al mio petto e con la faccia rivolta alle scale. Da allora il fenomeno si è ripetuto quando veniva sollevato di colpo dalla culla o se era sollevato troppo dalla culla".

 

Durante il colloquio Giovanni resta abbarbicato alla madre e, di tanto in tanto, le lecca i capelli. Viene descritto come un bambino intelligente, che apprende tutto rapidamente, forte fisicamente e testardo, affettuoso, geloso della madre, gli piace tirare i capelli delle persone, ha paura delle bambole. E' caloroso; ama la carne e il prosciutto cotto, le minestrine. Si fa visitare dopo una minima resistenza iniziale: oltre al quadro nasale già descritto noto solamente un modesto aumento di volume dei linfonodi angolo-mandibolari e una piccola ragade dell'emilabbro superiore destro.

 

Decido che non è il caso di andare troppo per il sottile; c'è una sintomatologia netta: Fear of downward motion; Fear raised. Apro il Boericke che ho sulla scirvania alla voce Broax: "dread of downward motion in nearly alla complaints. For homeopathic purposes, the peculiar nervous symptoms are very characteristic and have frequently been verified, especially in the terapeuthic of children. Anxious expression of face during that downward motions, starts and throws up hands on laying patient down, as if afraid of falling".

Broax 200K per 20 giorni.

 

Rivedo Giovanni il 2.3.2000: già al terzo di giorno di cura l'herpes impetiginato era completamente scomparso. Al 18° giorno di cura, l'11 febbraio, di notte, all'improvviso erano ricomparse croste nel naso con sangue e muco; il tutto durò meno di 24 ore, poi scomparve. Da allora ad oggi, ad un anno di distanza, Giovanni è stato bene senza nessun altro problema.

 

CONCLUSIONI

Il caso non ha niente di straordinario, almeno per noi omeopati; quando i sintomi ci sono, ci sono e basta! Lascio ad altri interpretazioni più profonde sul significato dei sintomi chiave di Borax. Certo, per chi volesse seguire le indicazioni di Grandgeorge - "Borax, l'angoscia della caduta. ... Da dove proviene questa angoscia della discesa, della caduta? Potrebbe essere legata alle circostanze di una nascita difficile". - conferme non mancano: la micromelia degli arti inferiori del padre, la gravidanza rifiutata e comunque portata a termine in condizioni oggettivamente difficili, il difficile distacco placentare.

Mi son chiesto, invece, che significato avesse quel ricomparire della lesione nasale, per poche ore, al 18° giorno di cura. Si è trattato, forse, di una conferma al par. 161 dell'Organon? "Nelle malattie acute, insorte di recente, il cosi detto aggravamento omeopatico, o piuttosto l'azione a lunga durata, hanno da combattere un male vecchio o di assai vecchia data, non devono insorgere, durante la cura, esaltazioni di questa specie, e in realtà non insorgono, se la medicina ben scelta, viene somministrata in dosi convenientemente piccole ed aumentate un po' alla volta con dinamizzazione. Esacerbazioni simili dei sintomi originali della malattia cronica possono rendersi manifeste solo alla fine di tali cure, quando la guarigione è quasi del tutto ultimata".

 

BIBLIOGRAFIA

Boericke William - Materia Medica Omeopatica

Grandgeorge Didier - L'esprit du remède homèopathique

Hahnemann C.F.S. - Organon - (trad. italiana della 6° ediz. Tedesca)



Hai un account google? clicca su:


Prodotti Consigliati
Organon dell'arte di guarire  Samuel Hahnemann   Salus Infirmorum

Organon dell'arte di guarire

Con integrazioni e commenti didattici utili per la comprensione e l'insegnamento della Medicina Omeopatica (a cura del Dr. Giuseppe Fagone)

Samuel Hahnemann

L'Organon dell'Arte del Guarire di Hahnemann, fondatore e padre della medicina omeopatica, letto nella sua interezza è già di per se stesso una medicina per i pazienti, ma lo è ancor di più per i Medici, che dei pazienti si vogliono prendere cura. Il testo racchiude il pensiero e tutti gli insegnamenti del Maestro,… Continua »
Pagine: 272, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
22,50 € 25,00 € (-10%)
 
Osservazioni cliniche sui rimedi pediatrici omeopatici  Farokh Master   Salus Infirmorum

Osservazioni cliniche sui rimedi pediatrici omeopatici

Farokh Master

A proposito di questo libro, Dr. Luc De Schepper di Santa Fe (USA) così si esprime:“I bambini sono il nostro futuro. Il nostro futuro comincia con il procurare ai bambini il miglior modo di prendersi cura della loro salute. Il Dr. Farokh Master spiega con chiarezza e con molti dettagli il modo più giusto per avvicinarsi ai bambini e le qualità che un medico deve possedere per essere un buon pediatra… Continua »
Pagine: 608, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
42,50 € 50,00 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Pietro Gulia

Materia Medica dei Promessi Sposi (Recensione) 31 AGO 2018 RECENSIONI
Manuale pratico di Omeopatia in Oncologia (Recensione) 29 AGO 2018 RECENSIONI
Problemi emozionali e comportamentali in Omeopatia: bimba con esperienza di vita in carcere 6 NOV 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Esiste un modo per cercare di vivere serenamente? (Una lettera del Dr. Samuel Hahnemann ad un suo paziente) 18 DIC 2012 OMEOPATIA
India, la crescita dell’Omeopatia va al galoppo 22 NOV 2012 OMEOPATIA
Pulsatilla e altro ancora... per elefanti! 16 AGO 2011 OMEOPATIA
L’Omeopatia nel trattamento delle irregolarità mestruali 10 FEB 2011 OMEOPATIA - CASI CLINICI
L'omeopatia negli Stati Uniti 28 OTT 2010 OMEOPATIA
Omeopatia, Istat e... mezzo pollo 22 OTT 2010 OMEOPATIA
L'omeopatia in Giappone: “non ci sono confini per una buona medicina” 28 SET 2010 OMEOPATIA
Intervista ad Hahnemann. Parte seconda, dal 1796 al 1820 10 AGO 2010 OMEOPATIA
Storia dell’Omeopatia - Biografia di Samuel Hahnemann - Prima Parte 28 LUG 2010 OMEOPATIA
Breve storia dell’omeopatia in Germania 12 LUG 2010 OMEOPATIA
“L’assenza di una prova non è la prova di un’assenza”. Il parere sull’Omeopatia di un Premio Nobel 24 MAG 2010 OMEOPATIA
La sperimentazione farmacologica convenzionale 13 MAG 2010 SALUTE
Cos’è un medicinale omeopatico e cos’è un complesso omeopatico? Che differenza c’è tra complessismo ed Omeopatia? 10 MAG 2010 OMEOPATIA
Sindrome di Bartter - KALIUM CARBONICUM 9 APR 2009 OMEOPATIA - CASI CLINICI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione