Alimentazione

Carne di cavallo: Ikea ritira polpette



polpette ikea
Con il ritiro delle polpette Ikea si allarga lo scandalo della carne di cavallo

Il colosso svedese dell'arredamento Ikea ha annunciato di aver ritirato dalla vendita in 14 paesi europei le polpette prodotte da uno dei propri principali fornitori in Svezia, Familjen Dafgard, dopo che in una partita di quelle in vendita in Repubblica Ceca è stata scoperta carne di cavallo.
L'agenzia Bloomberg ha precisato che tra i paesi è inclusa l'Italia. “Abbiamo sospeso la vendita delle polpette in tutti i mercati in cui erano sul mercato”.

Travolta nello scandalo, Ikea ha riferito che i prodotti erano stati preparati da un unico fornitore in Svezia e distribuite anche in Gran Bretagna, Portogallo, Paesi Bassi e Belgio. In poche ore la l'azienda ha deciso di sospendere in tutta Europa, in via precauzionale, la distribuzione e la vendita delle polpette sospette di contenere non solo carne di manzo, 14 paesi in tutto dove è presente il marchio con i suoi megastore che nel ristoranti interni offrono il piatto.

In seguito all'accaduto l'associazione Codacons ha chiesto misure urgenti a tutela dei consumatori italiani e ha detto che studia azioni legali e risarcitorie.

"Le autorità sanitarie devono disporre controlli immediati sulle polpette fino ad oggi distribuite nei punti vendita Ikea del nostro paese al fine di accertare se anche queste contenessero o meno carne equina", ha spiegato in una nota il presidente Carlo Rienzi. "Ma soprattutto è urgente effettuare controlli su tutti gli altri prodotti a base di carne venduti in Italia dal gruppo svedese e verificare eventuali contaminazioni".

I controlli che hanno portato alla scoperta in Repubblica Ceca  sono partiti con l'esplosione, avvenuta il mese scorso, di uno scandalo di portata europea originato in Irlanda con l'individuazione di carne equina negli alimenti a base di carne. In Italia il colosso alimentare Nestlé  ha ritirato piatti a base di manzo settimana scorsa dopo aver trovato tracce di Dna di carne di cavallo.

Davanti all'ennesimo scandalo alimentare, l'Europa pensa adesso ad una nuova posizione unitaria: più controlli (obbligatori) e misure più pure per punire le frodi alimentari.

Eppure l’Unione Europea temporeggia sull’obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti che il 71% dei cittadini comunitari ritiene invece importante conoscere. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati di Eurobarometro in riferimento alla decisione della Commissione Ue che, su richiesta degli Stati membri, ha deciso solamente di anticipare ''all'estate o all'inizio dell'autunno'' la presentazione del rapporto, previsto per fine anno, sull'etichettatura della carne lavorata e dei prodotti che la contengono.

Di fatto questo significa che – ha sottolineato la Coldiretti - ci vorranno ancora anni prima di una eventuale entrata in vigore delle nuove norme nonostante lo scandalo della carne di cavallo abbia dimostrato concretamente il forte ritardo della legislazione europea di fronte ai rischi di frodi commerciali causati dalla globalizzazione dei mercati. Si tratta di una inutile perdita di tempo che va incontro alle pressioni esercitate dalle lobby che fanno affari nella mancanza di trasparenza come ha dimostrato - sottolinea la Coldiretti – il  giro vorticoso di partite di carne che si spostano da un capo all’altro dell’Europa attraverso intermediazioni poco trasparenti.

Un meccanismo che - precisa la Coldiretti - rende difficile risalire all’origine delle contaminazioni sia per le multinazionali che per le piccole aziende, che dovrebbero invece valutare concretamente l’opportunità di risparmiare sui trasporti per acquistare prodotti locali che offrono maggiori garanzie di qualità e sicurezza alimentare.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Gran Bretagna verso una tassa sulle bibite zuccherate 7 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Non solo vitamina C: gli agrumi proteggono dalle malattie neurodegenerative 7 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Nocciole e frutta secca proteggono il cuore 7 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Fumi una sigaretta al giorno? Ecco cosa rischi 7 DIC 2016 SALUTE
Sport in gravidanza? Ecco perché fa bene 5 DIC 2016 SALUTE
Uomini e donne, chi vince in salute? 5 DIC 2016 SALUTE
Artrosi e mal di schiena in aumento nei giovani: quali le cause? 2 DIC 2016 SALUTE
Orzo, le preziose proprietà di un alimento povero 2 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Lo yoga diventa patrimonio dell'umanità 2 DIC 2016 SALUTE
Perché è importante ridurre i grassi saturi? 30 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Obesi e fumatori inglesi: attesa più lunga per gli interventi 30 NOV 2016 SALUTE
Non solo ai nidi: a Trieste vaccini obbligatori anche all'asilo 30 NOV 2016 VACCINAZIONI
Come manifestano i ragazzi la depressione e l'ansia? 28 NOV 2016 SALUTE
Miopia: "attenzione a smartphone e tablet" 28 NOV 2016 SALUTE
La chiave della felicità? Ecco qual è 28 NOV 2016 SALUTE
Obbligo di vaccinazione: Liguria e Lombardia dicono no 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Glifosato: proroga di 90 giorni 23 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Obesità infantile: che ruolo ha la pubblicità? 23 NOV 2016 INFANZIA
Pressione alta: i dieci alimenti per combatterla 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Insalate in busta, quali rischi per la salute? 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Stress e cattivo umore? Si combattono con le noci 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Aneurisma: il fumo raddoppia il rischio 18 NOV 2016 SALUTE
Bambini: quali effetti ha lo stress psicologico? 18 NOV 2016 INFANZIA
Disabile dopo le vaccinazioni: Ministero della Salute si rifiuta di pagare 17 NOV 2016 VACCINAZIONI
Smog: quanto incide sulle malattie polmonari? 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, no al ripristino dell'obbligo delle vaccinazioni 16 NOV 2016 VACCINAZIONI
Diabete, un'epidemia inarrestabile 14 NOV 2016 SALUTE
Influenza, medici e infermieri dicono 'no' al vaccino 14 NOV 2016 VACCINAZIONI
L'acqua fa bene anche all'umore 14 NOV 2016 SALUTE
Colesterolo alto, ecco gli alimenti per ridurlo 11 NOV 2016 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione