Omeopatia

Cos'è Carbo Vegetabilis?


CATEGORIE: Omeopatia

Cos'è Carbo Vegetabilis? - Rimedi Omeopatici
Carbo Vegetabilis

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Carbo vegetabilis

DESCRIZIONE: è di colore nero lucente e molto poroso.

CENNI STORICI: viene usato come combustibile, adsorbente e antiputrido; in passato veniva usato per uso topico in caso di piaghe e ulcere; in tempi più recenti ha trovato indicazione come adsorbente.

COMPOSIZIONE CHIMICA: è un composto del carbonio e contiene una piccola percentuale di carbonato di potassio.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Carbo vegetabilis si ottiene per triturazione del carbone vegetale fino alla terza dinamizzazione, quindi si procede per diluizioni successive.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Apparato cardio-respiratorio: depressione dei centri bulbari, insufficiente ossigenazione, stasi capillare, cianosi, dispnea e lipotimie.
- Sangue: emorragie.
- Apparato digerente: dispepsia e meteorismo.
- Sistema nervoso: torpore mentale e apatia.
- Stato generale: astenia e scarsa capacità reattiva.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi acuti e cronici; nei bambini; negli anziani; nelle malattie gravi o terminali; dopo traumi, anestesie e interventi chirurgici; nel periodo della convalescenza dopo malattie acute gravi; nei soggetti astenici, scarsamente reattivi, freddolosi, ma con bisogno d’aria, incapaci di tollerare gli estremi di temperatura e di superare qualsiasi stress, inclini a stasi venose, emorragie, lipotimie, insufficienza cardiorespiratoria e turbe dispeptiche, tendenzialmente apatici, abulici e con frequenti deficit prestazionali.

QUADRO CLINICO
• Bambino

Nella storia del paziente sono di frequente riscontro: minaccia d’aborto, ritardo della crescita intrauterina, asfissia o sofferenza neonatale, malattie esantematiche o infantili caratterizzate da complicazioni e decorso grave, salmonellosi, virosi, setticemie, tossinfezioni alimentari, incidenti, ferite, interventi chirurgici, emorragie, shock, soppressione di eruzioni o di secrezioni, abuso di medicinali e stress psicofisici.
Le malattie acute hanno un decorso grave e caratterizzato da molteplici complicanze. Le ferite cicatrizzano lentamente, suppurano e assumono un andamento torpido. Le malattie esantematiche spesso sono complicate da bronchite asmatiforme e seguite da otite, otorrea, ipoacusia, congiuntivite, diarrea, asma e bronchite cronica. In genere è freddoloso e ipersensibile al freddo. Le mani, i piedi e le ginocchia spesso sono ghiacciate, diventa cianotico dopo bagni freddi e può presentare crisi di ipotermia. Tuttavia, ha bisogno d’aria, non tollera il caldo eccessivo, si aggrava dopo bagni caldi e può presentare disturbi cronici dopo insolazioni o soggiorni in climi tropicali.
Si stanca facilmente, non sopporta gli sforzi fisici intensi, ha bisogno di dormire molto, spesso si ammala nel week-end o prima di avvenimenti importanti.
Desidera cibi acidi e salati, pane tostato e cibi che non tollera, come i grassi, il burro e i gelati. Va soggetto a: congiuntiviti, otiti, disturbi della dentizione, faringite cronica, verminosi, dissenteria, diarrea, rinite, laringite, asma, processi broncopneumonici e dermatiti. Il rendimento scolastico in genere è mediocre o insufficiente. Apprende lentamente e con molta difficoltà, spesso è distratto, non riesce a concentrarsi, dimentica fatti e dati anche recenti e il pensiero è rallentato e piuttosto vischioso. Anche la personalità è mediocre, di scarso rilievo. E’ privo di immaginazione, di interessi, di ambizione e di vivacità, fondamentalmente apatico e indifferente anche nei confronti dei genitori. Ha paura di essere abbandonato e di tutto ciò che non conosce, è molto timido in pubblico e spesso totalmente dipendente dalla madre. Spesso si maschera per darsi un contegno. E’ gentile, sorride in modo stupido, cerca di conquistare affetto e protezione, ma è poco spontaneo anche nelle manifestazioni affettive.
A volte può essere aggressivo, impulsivo e imprevedibile per mancanza di controllo e per indifferenza.
• Adulto
Il viso spesso è pallido, ma diventa congesto dopo assunzione di vino o eccitanti. Si stanca facilmente, è privo di energia e incapace di superare agevolmente malattie acute, interventi chirurgici o qualsiasi tipo di stress. E’ freddoloso, ma non tollera gli estremi di temperatura e ha sempre bisogno d’aria. Va soggetto a: collasso, lipotimie, insufficienza cardiorespiratoria, dispnea, cianosi, processi broncopneumonici, laringiti, emorragie, varici, processi suppurativi, turbe dispeptiche e meteorismo. Dal punto di vista mentale gli aspetti più caratteristici sono: i deficit prestazionali, l’apatia, l’abulia, la scarsa autostima, la sensazione di abbandono, l’ansia e l’irritabilità.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Astenia con adinamia.
- Torpore mentale e apatia.
- Bisogno d’aria e necessità di essere ventilato.
- Tendenza alle emorragie.
- Tendenza alle lipotimie.
- Meteorismo marcato.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Vecchi cachettici, affetti da disturbi venosi, lenti, anche idioti. Persone la cui vitalità è indebolita da patologie debilitanti, con perdita di fluidi corporei o ferite.
2 - Torpore mentale; memoria debole; indolenza; paura del buio.
3 - Estrema prostrazione; stadio terminale di qualsiasi malattia, con facies ippocratica, cianotica, piedi e gambe freddi fino al ginocchio, sudore freddo, alito freddo, ecc.; polso filiforme intermittente.
4 - Disturbi digestivi con molta fermentazione addominale, enorme accumulo di gas, peggiora a livello della parte superiore dell’addome e stando disteso e migliora espellendo il gas dalla bocca o dall’ano; non ha voglia nemmeno del cibo più semplice; non ama la carne e soprattutto il grasso, i cibi grassi (Puls.) e anche il latte.
5 - Secrezioni molto maleodoranti.
6 - Sensazione di bruciore o dolori brucianti in vari organi.
7 - Emorragie venose, passive, persistenti, da ogni orifizio del corpo.
8 - Disturbi respiratori spasmodici, soprattutto negli anziani, peggiora dall’aria fredda dopo esser stato in una stanza riscaldata; secrezioni gialle e abbondanti; raucedine e afonia peggiora di sera e dall’aria umida.
9 - Mancanza di reazione ai rimedi anche se ben scelti.
10 - Il paziente sente freddo eppure ha bisogno di aria; “vuole essere sventolato” (Chin.), peggiora dal calore eccessivo, durante le mestruazioni e dalla costrizione.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 MUCOSE [APPARATO DIGERENTE; STOMACO]. CUORE [CIRCOLAZIONE VENOSA; sangue]. occipite.
- Lateralità del rimedio: Lato sinistro.

EZIOLOGIA
Esiti di gravi malattie; emorragie; perdite di liquidi organici; allattamento; shock chirurgici e anestesie; traumi; eccessi alimentari; intossicazioni alimentari; avvelenamento da arsenico; abuso di chinino, di mercurio o di medicinali; sforzi fisici; stravizi; eccessi sessuali; raffreddamento dopo aver avuto troppo caldo; insolazione; soppressione di eruzioni cutanee, di emorroidi, della sudorazione o della galattopoiesi.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: i deficit prestazionali, l’apatia, l’abulia, la scarsa autostima, la sensazione di abbandono, l’ansia e l’irritabilità. La vischiosità mentale, la difficoltà di concentrazione e di apprendimento e i disturbi della memoria a medio termine, denotano una compromissione della sfera intellettiva o dello stato di coscienza che giustifica in parte gli spiccati deficit prestazionali. L’apatia comporta indifferenza affettiva, con mancanza di interessi, d’immaginazione, di ideali e a volte di moralità; spesso si associa a un’inibizione della volontà con dubbi, incapacità di prendere decisioni e rallentamento psicomotorio o impulsività e irrequietezza.
Il basso livello di autostima e la difficoltà sull’operare un controllo cognitivo sulle istanze pulsionali alimentano l’ansia con sensi di colpa, comportano paure, irritabilità e un abbassamento del tono dell’umore. La personalità priva di spessore spesso lo induce a occultarsi, a mascherare sotto una facciata di amabilità il vuoto interiore e a ricercare negli altri solo sostegno e protezione.

MODALITA'
• Peggioramento

CALORE. PERDITE DI LIQUIDI BIOLOGICI. Raffreddandosi. PATOLOGIE DEBILITANTI. ALTO TENORE DI VITA; CIBO RICCO; cibo guasto; pollame. VITA SREGOLATA. Eccessivi sollevamenti di pesi. Camminando all’aria aperta. Pressione dei vestiti. Clima: temperature estreme, aria fredda della notte, gelo, umidità, vento sulla testa. Soppressioni. Vecchiaia. Leggendo.
• Miglioramento
ERUTTAZIONI. Aria fresca. Quando viene sventolato. Alzando i piedi. Allentando i vestiti in vita. Cantando. Bevande ghiacciate.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione