Salute

Nei Paesi ricchi il cancro uccide più delle malattie cardiovascolari


CATEGORIE: Salute

cancro paziente

Nei Paesi ricchi il cancro uccide più delle malattie cardiovascolari e rappresenta la prima causa di morte tra le persone di mezza età. Secondo uno studio canadese, infatti, le morti per cancro nei Paesi più abbienti sarebbero circa il doppio di quelle per malattie cardiovascolari.

 

Pubblicato sulla rivista medica The Lancet, lo studio è stato condotto dalla McMaster University (Canada) su oltre 160mila persone in 20 Paesi del mondo. I dati della ricerca, la più grande del suo genere, derivano dal progetto Prospective Urban Rural Epidemiology (Pure), e riguardano i decessi e le relative cause in una popolazione di 162.534 adulti trai 35 e i 70 anni, raccolti tra il 2005 e il 2016. Lo studio include Paesi a basso reddito (Tanzania, Zimbabwe, Bangladesh, Pakistan e India), medio reddito (Filippine, Iran, Sudafrica, Colombia, Cina, Brasile, Malesia, Turchia, Polonia, Argentina e Cile) e alto reddito (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Canada e Svezia).

 

È in corso una “transizione epidemiologica”, come rileva lo studio da cui è emerso che complessivamente le malattie cardiovascolari rappresentano la causa più comune di morte (dando conto del 40% dei decessi in media), ma si va da un minimo del 23% nei paesi ricchi al 41% nei paesi a medio reddito, fino al 43% nei paesi poveri, sebbene i fattori di rischio cardiovascolare (obesità, fumo, sedentarietà) siano maggiori nei paesi ricchi.

 

I tumori rappresentano la seconda causa più frequente di morte (il 26% dei decessi), andando però da un massimo del 55% nei paesi ricchi, 30% dei decessi nei paesi a medio reddito e 15% in quelli poveri.

 

“Il fatto che nei paesi ricchi i decessi per tumore siano divenuti il doppio più frequenti di quelli per le malattie cardiovascolari – ha spiegato l’autore principale dello studio Salim Yusuf - indica una transizione nelle cause predominanti di morte. Siccome le malattie cardiovascolari si riducono in molti paesi grazie alla disponibilità di migliori trattamenti e alla prevenzione (statine per abbassare il colesterolo e altri medicinali per abbassare la pressione) - continua lo studioso - la mortalità per tumore diverrà molto probabilmente la principale causa di morte per gli adulti di mezza età in futuro”.

 

Gli autori concludono dunque che sono necessari da una parte nuovi e maggiori sforzi contro il cancro, e dall'altra serve trasferire i traguardi raggiunti contro le malattie cardiovascolari anche ai paesi a medio e basso reddito.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE
Dieta mediterranea: il rimedio vincente per la cura del fegato grasso 25 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Yoga della Risata: perché imparare a ridere è la chiave di tutto 23 SET 2019 SALUTE
La Germania dice “sì” alla rimborsabilità dei farmaci omeopatici 20 SET 2019 OMEOPATIA
Così l'insonnia danneggia l'intestino 20 SET 2019 SALUTE
Diabete: alcuni lavori triplicano il rischio 19 SET 2019 SALUTE
Dalla gravidanza alla terza età: così lo Shiatsu allunga la vita 19 SET 2019 SALUTE
Qualità del sonno: un parametro ignorato nei colloqui con il medico 19 SET 2019 SALUTE
Il tè difende il cervello dal declino 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Cinque morti al minuto per errori terapeutici 16 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione