Denuncia sanitaria

Cancro al seno: lo smog aumenta il rischio di mortalità


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

smog cancro seno
L'inquinamento non danneggia soltanto i polmoni: le polveri sottili possono peggiorare anche la situazione di chi ha un tumore al seno

L'inquinamento non danneggia soltanto i polmoni: le polveri sottili possono peggiorare anche la situazione di chi ha un tumore al seno. È quanto emerge da un recente studio pubblicato su “BMJ Open” e realizzato dall'Istituto Nazionale Tumori. È il primo studio europeo ed il terzo nel mondo (dopo quelli condotti in California e in Cina) che evidenzia una relazione tra esposizione a Pm 2.5 (il particolato atmosferico fine, con diametro inferiore a 2,5 micrometri) e prognosi del tumore della mammella.

La ricerca ha riguardato 2.021 donne con diagnosi di tumore al seno tra i 50 e i 69 anni, nel periodo compreso tra il 2003 e il 2009, e si è basata sui dati dei Registri Tumori. Come ha spiegato Paolo Contiero (responsabile della Struttura semplice dipartimentale di epidemiologia ambientale dell'Istituto Nazionale dei Tumori), le coordinate geografiche del luogo di residenza di ogni donna sono state identificate tramite l'utilizzo di un sistema Gis (Sistema Informativo Geografico), mentre l’esposizione a Pm2.5 alla quale ogni donna è stata sottoposta è stata quantificata con l’utilizzo di metodiche fisiche, basate sull’utilizzo di dati provenienti da satelliti, messe a punto dal gruppo di fisici della Dalhousie University (Canada) e del Centro di Astrofisica Harvard-Smithsonian di Cambridge (Usa) che hanno collaborato allo studio.

L'utilizzo di questi metodi e dei satelliti ha consentito, attraverso la segmentazione delle diverse zone in quadranti di 10x10 chilometri, di calcolare le concentrazioni di Pm2.5. Sono stati quindi messi in relazione, per ogni zona, i dati sulla concentrazione di particolato atmosferico con la mortalità delle donne a causa del tumore del seno.

È stato così riscontrato un aumento tra il 72% e l’82% del rischio di morte nelle pazienti esposte a maggiori concentrazioni di particolato atmosferico rispetto al rischio delle pazienti esposte a concentrazioni minori di Pm2.5.

Altri studi epidemiologici hanno indagato l’associazione tra esposizione a polveri sottili e insorgenza e sopravvivenza al carcinoma mammario. Tra queste, lo studio di Hong Kong (Wong Cancer Epidemiology Biomarkers and Prevention 2016), un altro condotto in una provincia cinese (Huo PLOS ONe 2013) e altri studi come il Danish Nurse Cohort Study (Andersen 2016) ed il Sister Study (Reding).

Inoltre, una ricerca condotta in Canada e pubblicata su Environmental Health Perspectives ha evidenziato un aumento del rischio di sviluppare cancro al seno per le donne che vivono in luoghi in cui l’aria è particolarmente ricca di inquinanti.

Altri studi (Huo PLOS One 2013; Reding) hanno evidenziato una associazione tra l’esposizione all’inquinamento del traffico e l’incidenza di carcinomi mammari ormono-responsivi (Hr+).

 

Fonti:

- Huo, Q. et al. Effects of Ambient Particulate Matter on Human Breast Cancer: Is Xenogenesis Responsible? PLoS One 8, e76609 (2013).

- Crouse, D. L., Goldberg, M. S., Ross, N. A., Chen, H. & Labrèche, F. Postmenopausal Breast Cancer Is Associated with Exposure to Traffic-Related Air Pollution in Montreal, Canada: A Case–Control Study. Environ. Health Perspect. 118, 1578–1583 (2010).

- Reding, K. W. et al. Breast Cancer Risk in Relation to Ambient Air Pollution Exposure at Residences in the Sister Study Cohort. Cancer Epidemiol. Biomarkers Prev. 24, 1907–1909 (2015).

- Andersen, Z. J. et al. Long-Term Exposure to Fine Particulate Matter and Breast Cancer Incidence in the Danish Nurse Cohort Study. Cancer Epidemiol. Prev. Biomarkers (2016).

- Wong, C. M. et al. Cancer Mortality Risks from Long-term Exposure to Ambient Fine Particle. Cancer Epidemiol. Prev. Biomarkers (2016).

- Tagliabue, G. et al. Atmospheric fine particulate matter and breast cancer mortality: a population-based cohort study. BMJ Open 6, e012580 (2016).



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Cancro Spa  Marcello Pamio   Revoluzione Edizioni

Cancro Spa

Il business intoccabile: le cose da sapere che possono salvarti la vita

Marcello Pamio

“Pamio tratta uno degli aspetti più immorali e inaccettabili dei nostri tempi, la gestione autoritaria della salute mediante una dittatura terapeutica unicamente finalizzata allo sfruttamento della sofferenza e della malattia” - Giuseppe Di Bella Ogni anno, secondo i dati dell'OMS nel mondo intero oltre 15 milioni di… Continua »
Pagine: 176, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Revoluzione Edizioni
10,97 € 12,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Latte artificiale: nuova inchiesta per prescrizioni indebite 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e tumori: il Codacons lancia una class action 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Radiazione del dottor Gava: torna l’Inquisizione in Italia (#iostocongava) 24 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Tribunale di Ivrea: l'uso scorretto del cellulare causa di tumore 21 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini gonfiati per intascare i bonus: Procura di Trieste indaga per falso e truffa 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, caso Report. Garattini: “Serve trasparenza” 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Ictus: ecco come l'attività fisica influisce sulla qualità della vita 14 APR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi uccidono 200.000 persone ogni anno 13 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: il magnesio protegge dalle fratture 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Avocado, sai perché fa bene? 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini: Demicheli lascia la sanità piemontese 13 APR 2017 VACCINAZIONI
Il Dr. Roberto Gava invia una segnalazione alla Commissione Centrale dei Medici 12 APR 2017 VACCINAZIONI
Grecia: Novartis avrebbe corrotto migliaia di persone 10 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Depressione in aumento: “la malattia più invalidante al mondo” 7 APR 2017 SALUTE
Vuoi dormire bene? Ecco cosa mangiare a cena 7 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol fuori pasto: consumo in crescita 7 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori: il Tar dell'Emilia Romagna chiede chiarezza al Ministero della Salute 5 APR 2017 VACCINAZIONI
Alzheimer: scoperta l'origine della “malattia del secolo” 5 APR 2017 SALUTE
“Vaccini? Deve esserci una scelta”. Le voci della manifestazione nazionale 3 APR 2017 VACCINAZIONI
Gravidanza: in Italia troppi cesarei e controlli inutili 3 APR 2017 SALUTE
Così gli allevamenti intensivi distruggono la biodiversità 3 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Autismo: diagnosi solo per 1 bambino su 2 3 APR 2017 AUTISMO
La vitamina D previene raffreddore e influenza 31 MAR 2017 SALUTE
Bambini esposti al piombo: quali effetti sul cervello? 31 MAR 2017 INFANZIA
Banche del latte: al via una nuova tecnica per preservarlo 31 MAR 2017 INFANZIA
Sai perché lo sport fa bene alla salute? 31 MAR 2017 SALUTE
Il Regno Unito verso una tassa sulle bevande zuccherate 29 MAR 2017 SALUTE
Qual è la migliore cura dopo un infarto o ictus? 29 MAR 2017 SALUTE
Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione