Omeopatia

Cos'è Calcarea Carbonica?


CATEGORIE: Omeopatia

conchiglia-ostrica
La calcarea carbonica si ricava dalla conchiglia dell'ostrica

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Calcium Carbonicum

DESCRIZIONE: la conchiglia dell’ostrica ha colore grigiastro all’esterno e bianco perlaceo all’interno, contiene essenzialmente carbonato di calcio e tracce di fosfato di calcio e iodio; il carbonato di calcio è insolubile nell’acqua pura e in alcool; è solubile nelle acque contenenti acido carbonico.

DISTRIBUZIONE: il carbonato di calcio è molto diffuso in natura ed è presente nel regno minerale, vegetale e animale.

CENNI STORICI: il carbonato di calcio veniva somministrato in passato in forma di guscio d’uovo, conchiglia d’ostrica o gesso; oggi viene utilizzato come antiacido gastrico.

COMPOSIZIONE CHIMICA: carbonato di calcio, fosfato di calcio e iodio; il carbonato di calcio è un sale dell’acido carbonico e contiene circa il 40% di calcio; il fosfato di calcio è un sale dell’acido fosforico; il calcio è un metallo alcalino-terroso.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Calcarea carbonica si ottiene per triturazione dello strato intermedio del guscio dell’ostrica.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Stato generale: alterazioni del metabolismo del calcio.
- Tessuto osseo: fenomeni di demineralizzazione, come rachitismo e osteomalacia, o di deposizione irregolare con esostosi.
- Sistema linfatico: ipertrofia tonsillare, adenoidea, linfoghiandolare (soprattutto in sede cervicale e mesenterica) e rallentamento della circolazione linfatica.
- Sangue: anemia, alterazioni della coagulazione e aumento dei leucociti.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: prevalentemente nei casi cronici e nei soggetti dalla costituzione carbonica predisposti ad alterazioni del metabolismo del calcio; nei bambini; nel periodo del climaterio e dell’andropausa; negli anziani; nelle donne; nei soggetti ostinati, lenti, ansiosi, impressionabili e molto paurosi.

QUADRO CLINICO
• Neonato
Alla nascita spesso è macrosomico. La testa è voluminosa, i capelli sono piuttosto radi e sottili, il colorito è pallido e l’addome piuttosto globoso. Spesso presenta lattime, eczemi ed eruzioni perianali.
E’ frequente un ritardo nella chiusura della fontanella anteriore, della dentizione e della deambulazione. Spesso la comparsa di ogni dente è accompagnata da diarrea, febbre, bronchite, episodi asmatici e notevole irritabilità. Ha difficoltà nel mantenere la stazione eretta, in genere muove i primi passi tardivamente e con molta circospezione. Suda molto in testa soprattutto di notte e spesso bagna il cuscino. E’ frequente l’intolleranza al latte anche materno che spesso vomita dopo la poppata. Le feci sono acide, indigerite o diarroiche soprattutto durante la dentizione e lo svezzamento, in altri casi dure e caprine.

• Bambino
In genere il viso è piuttosto rotondo, gli occhi sono chiari, le ciglia lunghe e setose e le labbra colorate e carnose. I denti sono piuttosto larghi, spesso fragili, soggetti a carie precoci e a rapida evoluzione. La cute è pallida, fredda e spesso umida. Generalmente è freddoloso, ma si accalda e suda notevolmente appena si muove. I linfonodi del collo sono voluminosi, le tonsille sono ipertrofiche e soggette a processi infiammatori a ogni colpo di freddo. Sono frequenti i disturbi dell’accrescimento staturale, ponderale e dello sviluppo psicomotorio. In alcuni casi si osserva una notevole precocità nello sviluppo intellettivo o un rapido accrescimento staturale. In altri casi si può rilevare ipoevolutismo staturale, note di nanismo e rachitismo. In questi casi lo scheletro tende a svilupparsi in larghezza, il torace è largo, l’addome prominente, gli arti piuttosto corti, tozzi, con epifisi molto sviluppate e articolazioni piuttosto rigide. Nei maschi il pene è piuttosto piccolo e i testicoli spesso ritenuti o ad ascensore. Nelle femmine il menarca spesso è tardivo o precoce. In genere ha molto appetito e tende a ingrassare. Desidera uova, farinacei e a volte sostanze non commestibili come il gesso. Spesso rifiuta la carne e non tollera il latte. Va soggetto a: riniti, faringiti, tonsilliti, otiti, bronchiti, larinogspasmo, asma, coliche addominali e cefalea. In genere è lento e si stanca facilmente, predilige i giochi sedentari ed è piuttosto impacciato e goffo rispetto ai suoi coetanei. A scuola può essere precoce e molto dotato, ma spesso ha difficoltà nell’esposizione verbale e scritta, apprende lentamente, è timido e teme di fare brutte figure. Dal punto di vista mentale si può sottolineare: l’ostinazione, l’ansia, l’impressionabilità, le paure prevalentemente notturne e del buio, il
cattivo umore, la tendenza alla depressione, l’introversione, l’interesse per il denaro e uno spiccato e inusuale coinvolgimento in problematiche religiose.

• Adulto
In genere è brevilineo, lo scheletro è massiccio e sviluppato in larghezza, le articolazioni sono poco elastiche e con gradi di escursione inferiore alla norma. Il pannicolo adiposo è piuttosto sviluppato, soprattutto a livello addominale e i muscoli sono ipotonici. Sono di frequente riscontro la tendenza all’ipotiroidismo e al gozzo colloidocistico, gli squilibri della funzionalità gonadica e le irregolarità del ciclo mestruale. Generalmente è freddoloso, si congestiona e suda facilmente appena si muove e si raffredda immediatamente appena si ferma. Spesso le mani sono fredde e umide, i piedi sono gelati, ma diventano bollenti appena si riscaldano. Tendenzialmente è lento e piuttosto pigro, non ama l’attività fisica, si sente affaticato dopo sforzi anche minimi ma anche dopo l’evacuazione e dopo il coito. Va soggetto a: cefalea, vertigini, disturbi dispeptici, litiasi biliare e renale, epatopatie, parassitosi intestinali, irregolarità dell’alvo, anemia, riniti, affezioni respiratorie, dispnea, crampi, affezioni reumatiche, dermatiti, eczemi e processi suppurativi nelle sedi di lesioni cutanee. Dal punto di vista mentale si può sottolineare: l’egocentrismo, l’egoismo, l’ostinazione, l’ansia, l’impressionabilità, la paura di tutto, l’abbassamento del tono dell’umore a impronta disforica, l’abulia, la lentezza, l’indolenza e l’apatia.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Astenia.
- Freddolosità e sensazione di freddo interno a riposo.
- Tendenza alle congestioni con il movimento.
- Sudorazione abbondante al cuoio capelluto durante il sonno.
- Impressionabilità.


PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Soggetti leucoflemmatici, di carnagione chiara, grassi, flaccidi; bambini con tendenza all’obesità con testa e addome grossi, a lento sviluppo mentale e fisico, ossificazione lenta e imperfetta (dentizione difficile e ritardata, con fontanelle aperte, ecc.); bambine che crescono troppo in fretta.
2 - Ansia: ogni sorta di apprensione nervosa che il paziente esprime e a cui si oppone con difficoltà; paura di diventare pazzo; terrori notturni; bambini lenti ad apprendere anche se spesso sono diligenti e laboriosi.
3 - Sudorazione facile in certe zone del corpo: in testa, inzuppando il cuscino durante il sonno.
4 - Problemi circolatori: sente freddo in alcune parti del corpo; sensazione di essere freddo e appiccicaticcio, specialmente alle gambe e ai piedi, ma anche alle mani.
5 - Acidità generale, specialmente a livello dell’apparato digerente.
6 - Digestione debole con molta fermentazione addominale; desiderio smodato di uova, specialmente quando sta male, o di alimenti indigesti; stitichezza abituale con feci pallide, argillose; diarree da dentizione; senso di vuoto all’addome (permanente).
7 - Mestruazioni in anticipo, prolungate, aggravato dalla minima eccitazione mentale; leucorrea abbondante tra un periodo mestruale e l’altro.
8 - Disturbi conseguenti a perdita di fluidi corporei (China, Phosac.), specialmente sintomi nervosi.
9 - Ingrossamento cronico dei linfonodi, con pelle malsana; dermatosi pruriginose, verruche, piccole escrescenze benigne, ragadi.
10 - Paziente molto freddoloso:
a) aggravato dal freddo e dall’umidità; lavorando nell’acqua; dalle 2 alle 3 del mattino;
b) migliorato dal calore, però subito comincia a sentire troppo caldo; di solito quando è costipato; stando steso sulla parte che duole.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità: NUTRIZIONE [GHIANDOLE (cervicali), mesenteriche; OSSA; CUTE]. SANGUE. TORACE; polmone destro. CUORE. BAMBINI.
- Lateralità del rimedio: LATO DESTRO. Lato sinistro.

EZIOLOGIA
Sforzi fisici; perdita di liquidi organici; emorragie; allattamento; masturbazione; eccessi sessuali; soppressione di eruzioni, di emorroidi, della galattopoiesi o della gonorrea; abuso di chinino, zolfo o mercurio; contatto protratto con l’acqua; applicazioni freddo-umide; umidità.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: l’egocentrismo, l’egoismo, l’ostinazione, l’ansia, l’impressionabilità, la paura di tutto, l’abbassamento del tono dell’umore a impronta disforica, l’abulia, la lentezza, l’indolenza e l’apatia.
L’egoismo e l’egocentrismo implicano una visione essenzialmente individualistica e materialistica dell’esistenza, la necessità di razionalizzare qualsiasi problema per riuscire a comprenderlo e l’incapacità di instaurare rapporti interpersonali autentici.
L’ostinazione e la passionalità in genere permettono l’autorealizzazione e la ricerca di sicurezza terrena, ma difficilmente consentono un’elevazione spirituale, un ampliamento degli orizzonti esistenziali, un equilibrio emotivo e un adattamento all’ambiente.
L’inevitabile ansia esistenziale, associata a sentimenti di incertezza e di impotenza, comportano una notevole impressionabilità, una tendenza ipocondriaca caratterizzata da astenia, svogliatezza e apprensione continua per il proprio stato di salute e molteplici manifestazioni fobiche con tematiche essenzialmente di tipo patofobico, claustrofobico o vertenti su tutto ciò che è ignoto o non conosciuto.
L’astenia, la lentezza e la tendenziale indolenza lo rendono piuttosto pigro, svogliato e inconcludente,
comportano irritabilità, un abbassamento del tono dell’umore e notevole pessimismo.
La timidezza, lo scarso coinvolgimento affettivo e le frequenti antipatie immotivate, limitano notevolmente la possibilità di instaurare rapporti interpersonali, spesso consentono unicamente rapporti formali, motivati dalla ricerca di compagnia o tollerati solo per la necessità di avere un auditorio atto ad ascoltare l’esposizione minuziosa dei suoi innumerevoli disturbi.
L’apparente pacatezza e l’incapacità di tollerare qualsiasi forma di violenza celano, in realtà, un’aggressività fredda e a volte spietata che lo può rendere malvagio, vendicativo nei confronti di chi l’ha offeso o il mero esecutore di crimini efferati.
I rovesci finanziari, la povertà e i fallimenti frustrano il suo egotismo, alimentano una sensazione di sfiducia nelle proprie possibilità, lo privano della volontà di lottare e lo rendono spesso totalmente abulico e apatico, anche nei confronti dei propri doveri.

MODALITA'
• Peggioramento

FREDDO; ARIA UMIDA; BAGNO FREDDO. Rinfrescandosi. Cambio del clima verso il freddo. SFORZO: fisico, mentale. Andando in salita. Affaticando gli occhi. DENTIZIONE. Alla pubertà. PRESSIONE DEI VESTITI. LATTE. Durante l’ansia. Al risveglio. Con luna piena. In piedi. Guardando in su. Climaterio. Girando la testa.
• Miglioramento
Ambiente e clima atmosferico secchi. Sdraiato: sulla parte dolente, sulla schiena. Starnutendo (il mal di testa). Sfregandosi, grattandosi. Strofinandosi o sfregandosi con le mani. Dopo colazione. Buio.

BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o x x x x  | Votazioni (4)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione