Denuncia sanitaria

Niente soldi, niente farmaco: farmacia ospedale Calabria nega terapia a malato di cancro


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

farmacia
Niente soldi, niente farmaco: farmacia ospedale Calabria nega terapia a malato di cancro

“Mi spiace signora, non abbiamo soldi e non possiamo ordinare il farmaco per suo marito”. Questo il secco 'no' della farmacia ospedaliera ad un paziente malato di cancro in Calabria. L'Adnkronos Salute ha raccolto la sua storia.

Residente a Reggio e in cura all'ospedale Annunziata di Cosenza per un tumore in stadio avanzato, il paziente ha ricevuto la prescrizione per un antiangiogenetico (sorafenib). L'oncologo raccomanda di iniziare il prima possibile la terapia che dovrebbe rallentare la progressione del cancro.

La moglie, Maria S., si presenta dunque seguendo le indicazioni dello specialista alla farmacia ospedaliera del presidio 'Riuniti' di Reggio Calabria, la più grande struttura della città dello Stretto, con in mano la ricetta e il documento in cui l'oncologo descrive la diagnosi e motiva dettagliatamente la scelta di prescrivere l'antineoplastico in questione. Tutto in regola. In farmacia però si rifiutano di ordinare il medicinale. Una confezione da 112 compresse, per coprire un ciclo di terapia di 28 giorni (4 compresse giornaliere), ha un prezzo di vendita al pubblico che supera i 5 mila euro.

“Il farmaco non è in magazzino e noi non abbiamo i soldi per ordinarlo”, ha spiegato l'addetta e 'rispedisce' la richiesta all'ospedale di Cosenza. “Perché non le hanno dato un campione per cominciare la terapia? Provi a chiederlo. Poi domani ci ritelefoni, così vediamo se intanto qui la situazione è cambiata”. Scettica, Maria S. comincia un giro di telefonate. Ritenta anche con la farmacia ospedaliera dei Riuniti e un'altra addetta le consiglia di chiamare le farmacie del presidio di Scilla e dell'ospedale di Melito Porto Salvo (i cui riferimenti telefonici, nell'elenco, sono errati). Maria S., armata di pazienza, esegue. La risposta che le viene data è sempre la stessa: “Se lo avessimo avuto in magazzino glielo avremmo dato, ma non possiamo ordinarlo”.

Niente soldi, niente farmaco, insomma. Scatta quindi il rimpallo delle responsabilità. “Spetta all'ospedale di Reggio Calabria trovare un modo per far avere a suo marito la terapia, non deve essere lei a chiamare tutti i presidi della provincia. Insista”, le suggeriscono.

In Calabria la Giunta regionale è stata costretta a deliberare, nella prima metà di agosto, una variazione di bilancio di 428 milioni di euro per colmare i debiti delle aziende sanitarie e delle aziende ospedaliere e chiudere la partita con i creditori in attesa da anni. I fondi in questione sono stati anticipati dal ministero dell'Economia e delle finanze, per mettere insieme la liquidità necessaria a ridurre l'impatto del debito sanitario accumulato negli anni e cresciuto esponenzialmente in virtù degli interessi maturati.

Intanto Maria S. continua a telefonare. Da Cosenza le promettono che faranno il possibile, anche contattare un rappresentante per avere il farmaco. Da Reggio Calabria le aprono uno spiraglio di speranza. Dopo aver chiesto anche all'ospedale di Siderno, l'addetta della farmacia ospedaliera dei Riuniti scopre che il farmaco potrebbe essere disponibile a Taurianova e, soltanto a patto di organizzare uno scambio di farmaci, sarebbero disposti a inviarlo.

“Ma per oggi non se ne fa niente - spiega alla moglie del paziente - Devo avere il via libera della dirigente per dare un medicinale in cambio di quello che serve a lei. E in questo momento non riesco a contattarla. Torni domani”. Per il marito di Maria S., quindi, un altro giorno senza terapia.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

La tragedia silenziosa che sta colpendo i bambini di oggi 25 SET 2017 INFANZIA
Emergenza Pfas in Veneto, chi paga per l'inquinamento? 25 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Via libera al CETA: a rischio cibo e salute 22 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
I presidi delle scuole di Bologna: "Vaccini, troppe responsabilità per noi" 22 SET 2017 VACCINAZIONI
Un milione di mamme vittima di violenza ostetrica 22 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dormire bene: ecco il segreto della felicità 20 SET 2017 SALUTE
Nuovo allarme antibiotico-resistenza: azioni e farmaci insufficienti 20 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Glifosato: parere dell'Efsa copiato da Monsanto 20 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Tumori in crescita. Oltre il 40% evitabili 18 SET 2017 SALUTE
I veicoli diesel causano 5000 morti l'anno in Europa 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Corruzione: 21 medici indagati a Monza 15 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Ogm, Ue: “Impossibile vietarli senza gravi rischi” 15 SET 2017 SALUTE
Una carenza di vitamina D aumenta il rischio di sclerosi multipla 15 SET 2017 SALUTE
Le abbuffate rovinano anche la memoria 14 SET 2017 ALIMENTAZIONE
Omega 3, quali vantaggi per l'intestino? 14 SET 2017 SALUTE
Tatuaggi: le particelle di colore raggiungono il sangue 13 SET 2017 SALUTE
Colazione: quali errori evitare? 13 SET 2017 ALIMENTAZIONE
Usa: medici promuovono farmaci senza dichiarare il conflitto di interessi 13 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Accorato messaggio di una mamma ai genitori dei bambini che devono essere vaccinati 12 SET 2017 VACCINAZIONI
Plastica nell'acqua potabile: è allarme globale 7 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Ue: stop alle bibite zuccherate nelle scuole 7 SET 2017 SALUTE
Vaccini, Codacons: parte il mega ricorso delle famiglie 7 SET 2017 VACCINAZIONI
Shiatsu, la pratica orientale che conquista 6 milioni di italiani 6 SET 2017 SALUTE
Lo yoga della risata migliora la vita 6 SET 2017 SALUTE
Vaccini obbligatori: il Veneto concede una moratoria fino al 2019 6 SET 2017 VACCINAZIONI
Alcol in gravidanza. Ecco perché bisogna cessare del tutto 4 SET 2017 SALUTE
Troppa tv dopo i 50 anni? Ecco i rischi 4 SET 2017 SALUTE
Iscrizione a scuola: Lombardia propone proroga per i vaccini 1 SET 2017 VACCINAZIONI
Camminare a passo svelto allunga la vita 1 SET 2017 SALUTE
Vaccini obbligatori: il Veneto chiede la sospensiva 1 SET 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione