Etica

Biocarburanti, analizzato l’impatto a lungo termine sui terreni agricoli

Fonte: gaianews.it


CATEGORIE: Etica , Salute

terreni agricoli

Il costante sviluppo di tecniche di produzione per realizzare biocombustibili, una fonte di energia rinnovabile, presenta notevoli vantaggi rispetto all’utilizzo di materie prime non rinnovabili come i combustibili fossili. Tuttavia, soddisfare la domanda di carburante di una società basata sull’energia dovrà richiedere l’utilizzo di tutte le fonti di biocarburanti, compresi i residui delle colture agricole. Ma che fine facevano fino ad oggi i residui dei raccolti? E quali sono le conseguenze di una loro utilizzazione e quindi della loro rimozione dai campi? Uno studio ha tentato di simulare gli effetti a lungo termine della produzione di biocarburanti sul suolo, per capire l’impatto di questo tipo di colture e per verificare quanto sia davvero rinnovabile la produzione di biofuel da queste tecniche.

Anche se sono un’utile fonte di biocarburante, i residui di raccolto svolgono un ruolo cruciale nel mantenimento degli stock di carbonio organico nel suolo. Questo stock di carbonio organico conserva le funzioni del suolo e del nostro ambiente e garantisce la produzione sostenibile a lungo termine di biocombustibili.

In uno studio finanziato dal centro di ricerca USDA, negli Stati Uniti (uno dei principali produttori di biofuel), gli scienziati hanno analizzato cinque classici esperimenti a lungo termine. Utilizzando un processo basato su un modello di bilancio del carbonio, i ricercatori hanno simulato esperimenti della durata di 79-134 anni per predire le conseguenze delle mancate lavorazioni del terreno che conservano il carbonio organico del suolo, come ad esempio l’aratura.

I risultati degli esperimenti indicano che i temuti effetti dei cambiamenti nella gestione da una lavorazione convenzionale ad una orientata allo sfruttamento di tutto il materiale organico prodotto si verificheranno nel lungo termine.

Gli esperimenti hanno tenuto conto di diverse possibilità di gestione del suolo, come avere un solo raccolto per anno o fino due o tre raccolti per anno; si è verificato l’effetto dell’aggiunta di concime (letame o fertilizzanti chimici) e quello della mancata concimazione ; inoltre, con la reimmissione dei residui colturali e con residui delle colture rimossi. Le previsioni hanno anche tenuto conto di diversi tipi di clima, delle condizioni del suolo, della gestione della fertilità, dei sistemi di coltivazione e di raccolta e delle diverse pratiche di rimozione dei residui.

“La raccolta di  notevoli quantità di residui delle colture con gli attuali sistemi di coltivazione senza aggiunta di carbonio esogeno (ad es. letame) oltre a ridurre il carbonio organico del suolo, accentua i rischi di erosione del suolo, aumenta l’inquinamento dei corsi d’acqua da fonti diffuse, il degrado del suolo, e riduce le rese per unità di fertilizzanti e acqua diminuendo la sostenibilità agricola,” dice Hero Gollany, l’autore dello studio.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA
I veleni dell'Ilva 2 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Recanati: "bambina di sei anni sviene dopo il vaccino" 29 OTT 2015 VACCINAZIONI
Psicofarmaco per bambini inefficace e pericoloso: “la GlaxoSmithKline ha alterato i dati” 28 OTT 2015 INFANZIA
“Vaccinazioni rischiose, l’ho provato con mio figlio” 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
California: vaccini contenenti mercurio a bambini e donne in gravidanza? 12 OTT 2015 VACCINAZIONI
Lettera di una mamma con figlio – presunto – autistico 10 SET 2015 AUTISMO
Adulti iperattivi: “una nuova operazione di marketing farmaceutico” 19 GIU 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Antitrust avvia un’indagine conoscitiva. 'Prezzi sono in aumento' 27 MAG 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione