Infanzia

Bimbo prelevato fuori scuola, ancora polemiche: 'gli agenti hanno sbagliato'



video bambino
Sono unanime le critiche al video choc andato in onda mercoledì sera nel corso della trasmissione tv ‘Chi l’ha visto’

Immagini drammatiche. Gli agenti intervenuti hanno sbagliato. Sono unanime le critiche al video choc andato in onda mercoledì sera nel corso della trasmissione tv ‘Chi l’ha visto’ che raccontano del disperato tentativo di un bambino di 10 anni di non rendere esecutiva un’ordinanza della Corte di Appello di Venezia che lo affidava al papà. Già ieri le scuse del capo della Polizia Manganelli avevano sedato – anche se non troppo – gli animi.

Oggi il sottosegretario all’Interno, Carlo De Stefano, ha riferito alla Camera e si è scusato a nome del Governo  per il comportamento dei poliziotti.  Il Sottosegretario ha poi ricostruito la sequenza del prelevamento del bambino: “nella mattinata dello scorso 10 ottobre, il padre del bambino ha comunicato via mail all’Ufficio minori della questura di Padova che la Corte d’appello di Venezia aveva appena rigettato il ricorso con il quale la madre aveva chiesto la sospensiva del provvedimento di allontanamento dall’ambiente familiare materno. Il responsabile dell’Ufficio minori prendeva contatto con i servizi sociali del Comune per valutare l’opportunità di eseguire immediatamente l’intervento, al fine di evitare che la madre, qualora giunta a conoscenza della decisione del giudice, potesse come già avvenuto in altre due circostanze, rendere impossibile l’esecuzione del provvedimento”.

L’assistente sociale, ha proseguito il sottosegretario, “dopo aver consultato il padre del minore e lo psichiatra, ha ritenuto di procedere all’esecuzione, individuando l’area antistante la scuola come la più idonea per l’intervento, anche perché i precedenti tentativi fatti nella casa materna erano stati vanificati dalla resistenza del bambino supportato dai parenti”.

Alle 12.15 così, “la polizia, insieme allo psicologo, allo psichiatra e al padre sono andati nella scuola. Con la direttrice si è deciso di farlo uscire dall’aula per prepararlo all’allontanamento. Ma il bambino si è rifiutato, quindi si è deciso di allontanare gli altri alunni dall’aula. Psichiatra e psicologo sono entrati quindi nell’aula insieme ai poliziotti. Data la difficile situazione per la resistenza del minore, è stato chiesto l’intervento del padre affinché prelevasse il figlio per condurlo all’auto dei servizi sociali che lo avrebbe portato verso la comunità di accoglienza. Il padre è riuscito con fatica a portarlo fuori dall’aula, ma nel corridoio la reazione del minore è diventata ancora più energica, sfociando in manifestazioni a carattere violento anche nei confronti del genitore è degli operatori intervenuti”.

“Il bambino – ha detto ancora De Stefano – appena uscito dall’edificio invocava con urla l’intervento dei familiari della madre che giungevano muniti di telecamere. Due poliziotti cercavano di fronteggiare i familiari mentre un terzo cercava di aiutare il padre a portare il figlio in auto. Nonostante la resistenza sempre più accesa dei familiari, i poliziotti riuscivano ad allontanarli consentendone la partenza”. “Ai familiari che protestavano chiedendo l’esibizione del provvedimento di diniego della sospensiva – ha aggiunto – un ispettore capo ha replicato con espressioni assolutamente non professionali che il grado di parentela con il minore non giustificava la richiesta”.

Quanto accaduto mercoledì spinge Antita Di Giuseppe, Italia dei Valori, a sostenere che “occorre urgentemente una riforma della giustizia minorile , quando si ha a che vedere con dei minori bisogna fare attenzione, ponderare le scelte, ed è nell’ ascolto dei bambini che le decisioni potranno essere adeguate, costringerli  con la forza non è di certo la soluzione giusta”.

Anche la società civile si è indignata di fronte alla crudezza delle immagini. Oggi si aggiunge al coro il Movimento Difesa del Cittadino: “La nostra associazione esprime una forte condanna verso gli atteggiamenti adottati dall’autorità giudiziaria e dalla polizia che ha eseguito l’ordine, azioni di questo tipo vanno ripensate in funzione della tutela del minore che in questo caso non è stata salvaguardata. L’azione ha infatti leso non solo l’equilibrio psicologico del bambino portato via, ma anche dei coetanei che hanno assistito alla terribile scena e che potrebbero pensare che da un momento all’altro potrebbe toccare anche a loro”. L’Associazione ha concluso auspicando “che vengano trovati nuovi metodi per eseguire questi provvedimenti che mettano al primo posto la salvaguardia del minore”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione

Genova: medico minaccia di morte figli di genitori free-vax. Codacons lo denuncia in procura e all’ordine dei medici 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: Codacons pronto a denunciare l'associazione nazionale presidi 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
L'Omeopatia fa bene allo sport 27 LUG 2018 OMEOPATIA
Vaccini: Tribunale di Roma proscioglie Codacons e Carlo Rienzi da accuse di diffamazione mosse da Ricciardi 14 GIU 2018 VACCINAZIONI
Colpo di scena: Ricciardi apre all’Omeopatia istituendo un tavolo tecnico 1 GIU 2018 OMEOPATIA
Giornata Internazionale dedicata alla consapevolezza del danno da vaccino 1 GIU 2018 VACCINAZIONI
A chi fa tanto paura l’Omeopatia? 30 MAG 2018 OMEOPATIA
"L'omeopatia e le sue prime battaglie". Intervista al prof. Paolo Bellavite 18 MAG 2018 OMEOPATIA
Sospensione dell'obbligo vaccinale: la proposta di legge diventa realtà 16 MAG 2018 VACCINAZIONI
ADHD: “Aumento di diagnosi dovuto al marketing, non alla medicina” 27 APR 2018 INFANZIA
Il sindacato degli insegnanti prepara il ricorso contro il decreto Lorenzin 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Vaccini: istanza in caso di invito al centro vaccinale 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le analisi delle fiale dei vaccini 21 LUG 2017 VACCINAZIONI
Un’alternativa all’attuale decreto vaccini? "Ecco la nostra proposta" 14 LUG 2017 VACCINAZIONI
Decreto vaccini: interviene Franco Berrino 3 LUG 2017 VACCINAZIONI
Codacons, "un dirigente Glaxo può firmare atti pubblici?" 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini: il Codacons sta per svelare i documenti segreti dell'AIFA sulle reazioni avverse 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
AIFA: antidepressivi per minori inefficaci e pericolosi 24 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Obbligo vaccini a scuola. Codacons: "ricorso a Corte Europea dei diritti dell'uomo" 12 MAG 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, le famiglie a Rossi: "Chiarezza e libertà per i bambini altrimenti rinunceremo agli asili" 1 MAR 2017 VACCINAZIONI
Marzo e aprile 2017 - Seminari “Prevenzione e Cura delle patologie primaverili con: omeopatia, oligoterapia, fitoembrioterapia” 24 FEB 2017 CONVEGNI
22 Marzo 2017 – Convegno “Homeopathy in cancer treatment” 22 FEB 2017 CONVEGNI
La medicina non convenzionale fa risparmiare la Toscana 17 FEB 2017 OMEOPATIA
Come scegliere il miglior medicinale a base di erbe in commercio 15 FEB 2017 SALUTE
Bimbo con meningite in Toscana, la prova del caos vaccini? 19 DIC 2016 VACCINAZIONI
Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione