Denuncia sanitaria

16/09/2011

Bimba nata morta al Gemelli di Roma: indaga la Procura

di Redazione InformaSalus.it


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

policlinico gemelli roma
Bimba nata morta al Gemelli di Roma: indaga la Procura

Doveva essere ricoverata al Policlinico Gemelli di Roma per partorire, dal momento che aveva superato di due settimane il termine previsto, ma è stata mandata a casa. Durante la notte si è sentita male e ritornata in ospedale ha partorito una bimba ormai morta. Il tragico episodio risale alla notte tra il 12 e il 13 settembre scorsi. Ora il Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari, Leoluca Orlando, ha inviato una richiesta di relazione alla Presidente della Regione Lazio Renata Polverini. Indaga la Procura.

La ricostruzione è stata fatta da due parlamentari di Fli, Carmine Patarino e Aldo Di Biagio, che hanno presentato un’interrogazione urgente al ministro della Salute, Ferruccio Fazio.

Carmela Cassese, 29 anni, napoletana, sposata con un ingegnere, aspetta il suo primo figlio. Supera il termine per il parto naturale il 29 agosto; successivamente viene fissato al 3 settembre. La donna, hanno spiegato i parlamentari, era seguita dal Centro per la Sorveglianza Gestazionale del Policlinico Gemelli dove aveva effettuato tutti i controlli.

Superate le 40 settimane gestazionali “era stata invitata a seguire controlli più frequenti, fissati dalla struttura con cadenza di uno ogni due giorni”. Venerdì 9 e domenica 11 settembre i medici comunicano alla donna che la bimba sta bene, “ma  per l’assenza di dilatazione e di contrazione il parto non sembrava imminente ed era stata rinviata a casa”.

Lunedì scorso i medici ipotizzano il ricovero, “essendo ormai passati ben 14 giorni dal termine previsto per il parto”. Dall’ospedale, tuttavia, avevano rimandato il ricovero per una mancanza di posti, al giorno successivo, vale a dire martedì 13 settembre, quindici giorni dopo il primo termine previsto per il parto.

La situazione però precipita. Il marito riaccompagna a casa Carmela, ma nella notte devono correre al Gemelli perché sono sopraggiunte le contrazioni. “Ricoverata d’urgenza la donna ha dovuto apprendere la tragica notizia che la bambina, ancora in pancia, era deceduta”.


19/09/2011: La bimba nata morta al Policlinico Gemelli di Roma era sana: sarebbe questo a quanto si apprende l'esito dell'autopsia che si è svolta oggi sul corpicino della piccola.  La bambina, dunque, non aveva patologie prenatali: la causa del decesso è probabilmente  l'invecchiamento della placenta, che non è 'programmata' per durare molto più a lungo dei nove mesi di gravidanza, e che ha quindi smesso di ossigenare il feto.  La madre, Carmela Cassese, aveva superato di due settimane la data prevista per il parto e doveva essere ricoverata al Gemelli per un parto indotto, ma il ricovero e' stato rimandato di un giorno per problemi di disponibilità di posti letto.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Covid-19 - La sfida dell'immunità individuale 14 OTT 2020 ATTUALITà
“Il cellulare ha causato il tumore al cervello”: sentenza storica della Corte d'Appello di Torino 15 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci usati in combinazione aumentano l'antibiotico-resistenza 13 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Sindrome premestruale? I rimedi omeopatici alleviano i sintomi 10 GEN 2020 OMEOPATIA
Il fumo danneggia anche la salute mentale. I rischi per i giovani 10 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Catania: ex primario che impiantava stent con farmaci scaduti nel cuore dei pazienti 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it


Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione