Denuncia sanitaria

Big Pharma e soldi ai medici: facciamo i conti

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

Big Pharma e soldi ai medici: facciamo i conti
Per la prima volta l'Industria farmaceutica è obbligata a mettere online i contributi versati a medici e operatori della salute

Per la prima volta l'industria farmaceutica è obbligata a mettere nero su bianco tutti i contributi versati ai professionisti della salute come camici bianchi, società scientifiche e associazioni di malati. Ciò che già si sapeva, ma rimaneva avvolto da un'ombra di mistero, sarà messo online, come richiesto nel Codice di trasparenza della Federazione europea dei produttori. Inutile dire che il giro d'affari è milionario: in tanti versano "bonus" (fino a qualche centinaia di migliaia di euro) e in tantissimi, soprattutto medici, li ricevono.

 

I mezzi usati già li sappiamo: attraverso l'utilizzo di società scientifiche o ospedali dove lavorano medici e dirigenti, aziende che organizzano incontri, agenzie di viaggio, alcune associazioni di pazienti e chi si occupa della formazione. Potendo operare su più fronti, l'industria farmaceutica riesce ad arrivare a tutti i protagonisti della filiera, da chi stila le linee guida per l'uso dei farmaci, a chi li prescrive (i medici) e poi li assume (il destinatario della ricetta). Il tutto in modo perfettamente legale.

 

Vediamo di dare qualche numero: Novartis e Pfizer, due grandi industrie farmaceutiche, hanno versato contributi a rispettivamente 3.500 e 2.000 operatori della salute, come attestano le tabelle sul suo sito, per congressi o "consulenze". In questo caso non parliamo sempre di cifre alte, il più delle volte oscillano tra mille fino a un massimo di 4-5 mila euro.

 

Organizzazioni sanitarie, società scientiiche e associazioni di pazienti

I contributi più importanti arrivano invece alle "organizzazioni sanitarie", per mezzo di sponsorizzazioni o "donazioni". In questo modo l'associazione degli ematologi ha preso 170mila euro dalla Jansenn (azienda farmaceutica con sede in Belgio), quella dei cardiologi 400mila euro dalla Amgen (società internazionale di biotecnologia) e i reumatologi 312mila euro dalla Pfizer (azienda farmaceutica americana). Per non parlare di società scientifiche organizzatrici di convegni o corsi di formazione (ECM) come Edra spa di Milano, che l'anno scorso ha ricevuto 2,3 milioni di euro dalla Novartis, la stessa azienda farmaceutica che ha pagato 1,8 milioni a Collage spa di Palermo, azienda organizzatrice di congressi e business travel per operatori sanitari.

 

Anche le associazioni dei pazienti ricevono "finanziamenti" dall'industria: qualche migliaio di euro per le piccole realtà di provincia fino a cifre più importanti per quelle più strutturate, come nel caso dell'Epac (portale dei pazienti con epatiti e malattie al fegato), che ha ricevuto più di 300mila euro da aziende produttrici di farmaci (costosissimi) contro l'epatite C (Janssen, Gilead, Abbvie). O Cittadinanzattiva, impegnata nella difesa degli interessi dei malati, che ha ricevuto 60mila euro sempre da Abbvie. O ancora Federanziani, una delle associazioni oggi più potenti, che ha ricevuto 270mila euro dalla Glaxo (Gsk) e 240 mila dalla Pfizer.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE
Dieta mediterranea: il rimedio vincente per la cura del fegato grasso 25 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Yoga della Risata: perché imparare a ridere è la chiave di tutto 23 SET 2019 SALUTE
La Germania dice “sì” alla rimborsabilità dei farmaci omeopatici 20 SET 2019 OMEOPATIA
Così l'insonnia danneggia l'intestino 20 SET 2019 SALUTE
Diabete: alcuni lavori triplicano il rischio 19 SET 2019 SALUTE
Dalla gravidanza alla terza età: così lo Shiatsu allunga la vita 19 SET 2019 SALUTE
Qualità del sonno: un parametro ignorato nei colloqui con il medico 19 SET 2019 SALUTE
Il tè difende il cervello dal declino 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Cinque morti al minuto per errori terapeutici 16 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'obesità aumenta di 6 volte il rischio di diabete 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'Europa sottovaluta la tossicità dei pesticidi 13 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le merendine per bambini sono bombe caloriche 13 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Aumenta la mortalità per infezioni nei pazienti cardiopatici 10 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il menu vegetariano diventa obbligatorio nelle scuole francesi 10 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Under 75: in Europa evitabili due decessi su tre 9 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pfas: ecco le principali fonti di esposizione 9 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
In Toscana uno dei super-batteri più resistenti agli antibiotici 6 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Sigarette elettroniche: scoperta la sostanza che può uccidere 6 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Un altro duro colpo per la Bayer: la Germania vieterà il glifosato 6 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Nei Paesi ricchi il cancro uccide più delle malattie cardiovascolari 4 SET 2019 SALUTE
Paracetamolo: casi di avvelenamento aumentati del 44% in dieci anni 4 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Per salvare noi ed il Pianeta dobbiamo cambiare dieta 2 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Sindrome da rientro? Ecco come affrontarla 30 AGO 2019 ALIMENTAZIONE
L'NHMRC australiana costretta a pubblicare il primo report sepolto sull'Omeopatia 30 AGO 2019 OMEOPATIA
Contaminato da pesticidi il bacino del Po che rifornisce 20 milioni di persone 28 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione