Denuncia sanitaria

Farmaco Lipobay/Baycol: in Argentina la Bayer condannata a pagare un indennizzo


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

bayer
Farmaco Lipobay/Baycol: in Argentina la Bayer condannata a pagare un indennizzo

In Argentina la compagnia farmaceutica Bayer è stata condannata a pagare un indennizzo di 968.000 pesos (circa 206.000 dollari) ad una vittima del farmaco anticolesterolo Lipobay/Baycol. La vittima, Flavio Rein, ha sofferto danni irreparabili alla muscolatura, disturbi visivi e danni ai reni dopo aver usato il farmaco per un mese soltanto.

A renderlo noto è la Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (CBG Germania) in un comunicato pubblicato oggi .

Il processo è durato oltre nove anni. Nell'agosto 2012 la Corte di Appello di Buenos Aires, confermando il giudizio dell'anno precedente, ha stabilito che la Bayer non ha fornito ai dottori né ai pazienti, adeguate informazioni riguardo ai rischi connessi all'uso del farmaco. La sentenza è diventata esecutiva la scorsa settimana.

Il Lipobay è stato prescritto a Flavio Rein nel 1998, per un livello leggermente alto di colesterolo. Rein - che a parte questo problema, era perfettamente sano e correva tutti i giorni - non poté più camminare per cinque mesi a causa del danno muscolare. Tuttora è fisicamente disabile e la vista, in un occhio, è ridotta al 30%.

Patricia Venegas, avvocato di Flavio Rein e professoressa di legge all'Università di Buenos Aires, ha affermato: “All'ultimo momento la Bayer ha tentato di non giungere alla sentenza offrendo del denaro, ma lo ha fatto con 14 anni di ritardo. Flavio Rein ha avuto il coraggio di dire di no alla Bayer!”.

“Una condanna contro la Bayer – ha spiegato Philipp Mimkes, della Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (CBG Germania) era attesa da molto tempo. Documenti interni della Compagnia dimostrano che i direttori responsabili accettavano tacitamente le possibilità di seri danni alla salute dei pazienti, giungendo ad ignorare anche segnali provenienti dai loro stessi studiosi. La condanna è una grossa soddisfazione per tutti coloro che sono stati danneggiati”.

Si tratta della seconda volta in tutto il mondo, secondo Argentinian media, che la Compagnia è stata condannata per il Lipobay/Baycol. Negli Stati Uniti, dove vi sono stati parecchi morti, non sono mai state emesse sentenze definitive anche se la Corte Suprema, lo scorso anno, ha accettato una class action contro la Bayer. La compagnia farmaceutica ha già pagato più di un miliardo di dollari di indennizzo a vittime del Lipobay, ma questi accordi privati non riconoscevano la responsabilità della Bayer.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Omega 3 e cacao proteggono la vista 15 OTT 2018 ALIMENTAZIONE
Un terzo delle sostanze chimiche in commercio è irregolare 15 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Bimba di due anni muore a 24 ore da vaccino esavalente 15 OTT 2018 VACCINAZIONI
Il rumore ambientale danneggia gravemente la salute 11 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Cambiamenti climatici e disturbi mentali, quale legame? 11 OTT 2018 SALUTE
Uno studio conferma l'importanza dei test pre-vaccinali 10 OTT 2018 VACCINAZIONI
Allattamento materno: “Necessario sostenerlo di più” 10 OTT 2018 INFANZIA
Bambini non vaccinati esclusi dalle materne: esposto alla Procura 10 OTT 2018 VACCINAZIONI
Cambio di stagione? Ecco gli alimenti ideali 8 OTT 2018 ALIMENTAZIONE
Pfas in Veneto: “Le scuole usano ancora acqua inquinata” 8 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'OMS apre le porte alla Medicina Tradizionale Cinese 8 OTT 2018 SALUTE
Corruzione e truffa nel settore farmaceutico: coinvolti medici, universitari e aziende 5 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Pavia: lo yoga arriva in ospedale 3 OTT 2018 SALUTE
Il paracetamolo può causare danni al fegato. La Francia chiede di indicarlo sulle confezioni 3 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Tosse e raffreddore? L'aerosol nei bambini è inutile 1 OTT 2018 INFANZIA
Francia, glifosato nelle urine. Cittadini denunciano Monsanto e le istituzioni 1 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Social media e stress: più infelici bambine e ragazze di oggi 28 SET 2018 ATTUALITà
I farmaci antidolorifici sono pericolosi per il cuore 28 SET 2018 SALUTE
Australia: “Big Pharma paga i partiti e influenza la politica” 28 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Le microplastiche sono presenti anche nelle bevande zuccherate 26 SET 2018 ALIMENTAZIONE
L'alcol provoca tre milioni di morti ogni anno nel mondo 26 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Tumori: aumento del 90% nelle aree inquinate 24 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
USA: in aumento l'incidenza del disturbo da deficit di attenzione-iperattività 24 SET 2018 INFANZIA
Ventuno giorni per rinascere: le regole di Franco Berrino 24 SET 2018 SALUTE
Antibiotico resistenza: 'Potrebbe causare più morti del cancro' 17 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
I cibi che fanno bene alla pelle 17 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Ipertensione: meno farmaci con sport e dieta sana 17 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Psicofarmaci: negli Usa 1 anziano su 4 abusa di benzodiazepine 17 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Obesità infantile: anche l'Italia pensa a una sugar tax 14 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Vaccini: appalto truccato. Sanità trentina nel mirino 14 SET 2018 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione