Salute

I bambini e i gli psicofarmaci: illusioni ed opportunità


CATEGORIE: Salute , Infanzia

I bambini devono assumere sostanze che alterano la mente? Farmaci antipsicotici e stabilizzatori dell’umore vengono somministrati talvolta a bambini di due anni. Negli USA, nel 2002, antipsicotici, stimolanti e stabilizzatori dell’umore venivano somministrati rispettivamente a 2.5 milioni, 2.2 milioni, e 1.4 milioni di bambini, e da allora l’uso di questi psicofarmaci è ancora aumentato.
Sappiamo poco degli effetti a lungo termine dei farmaci psichiatrici sui bambini. Fra gli effetti collaterali degli antipsicotici figurano il tremore, i danni all’apparato osseo, la riduzione della fertilità, l’obesità, l’aumento del rischio di attacco cardiaco, il colpo apoplettico; gli stimolanti possono danneggiare il cuore ed impedire la crescita; gli antidepressivi possono aumentare il rischio di suicidio nei bambini.
Questi farmaci funzionano? Su questo, c’è una scarsa evidenza scientifica, e laddove essa esiste, è ampiamente scoraggiante. Uno studio del settembre 2008 su persone dagli 8 ai 19 anni con diagnosi di schizofrenia e disordini schizo-affettivi, mostrava che circa la metà interrompeva il trattamento entro 8 settimane. L’UK’s National Institute for Health and Clinical Eccellence (Istituto Britannico per la Salute e l’Eccellenza Clinica) raccomanda che per la maggior parte dei bambini la prima linea di trattamento per l’iperattività non dev’essere a base di psicofarmaci stimolanti (che potrebbero offrire benefici, ma non a lungo termine). Infine, gli antidepressivi - in modo crescente - sono considerati generalmente inefficaci nei bambini.
Perché allora questi farmaci sono così ampiamente prescritti? I medici, di fronte alla sofferenza, al comportamento distruttivo ed ai pensieri idiosincratici hanno risposto con diagnosi e trattamenti farmacologici, persino quando la diagnosi è discutibilmente valida e l’efficacia del trattamento non è provata. Ad esempio, fra il 1994 e il 2003 il numero di ragazzi negli Usa a cui era stata diagnosticato il disturbo bipolare si era moltiplicato 40 volte.
Stiamo patologizzando sentimenti e comportamenti normali?
Peggio: i nostri metodi collocano la responsabilità del disturbo - che presumiamo sempre sia tipicamente neurochimico o genetico - nel bambino stesso, piuttosto che nell’ambiente che crea angoscia e cattivo comportamento. L’osservazione nel corso degli anni di molti pazienti ha dimostrato che i farmaci psichiatrici sono spesso più pericolosi e meno efficaci di quello che i medici stessi credono, e sempre più si ritiene che questi pazienti abbiano ragione.
Se la psichiatria reclama la razionalità, allora deve anche ascoltare i pazienti, includendo tra essi i bambini, e non meramente drogarli.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione