Infanzia

I bambini e l'estate: i consigli per una vacanza senza rischi


CATEGORIE: Infanzia

mamma figlia
I bambini e l'estate: i consigli per una vacanza senza rischi

La stagione estiva è alle porte e molte famiglie italiane stanno già programmando le loro vacanze. Quale la vacanza ideale per il benessere dei bambini?

“Non esistono controindicazioni assolute, né limiti di età per far viaggiare un bambino che non abbia particolari problemi di salute”, spiega la professoressa Susanna Esposito, direttore della Clinica pediatrica 1 all’Irccs Maggiore Policlinico di Milano. 

È bene seguire alcuni piccoli consigli che consentano ai più piccoli di viaggiare in modo confortevole e di non risentire del rapido cambiamento d'ambiente.

Mare o montagna? Qual è la vacanza più adatta ai bambini?
Nel periodo più caldo dell'estate i pediatri consigliano la montagna, indipendentemente dall’altitudine. Tuttavia è necessario ricordarsi di proteggere adeguatamente i bimbi dai raggi solari e preferire passeggiate in zone ombreggiate nelle ore più calde della giornata”. Il mare è ottimo per la maggioranza dei bambini, ma è bene adottare alcune precauzioni: scegliere destinazioni in località con retroterra ricco di vegetazione, ventilato, dove sia possibile portare il bambino al fresco. Prima dei 7-8 anni i bambini sono più esposti a colpi di calore e sono sensibili alla disidratazione: è importante quindi non farli rimanere in spiaggia nelle ore più calde della giornata (tra le 11 e le 15-16) e non dimenticarsi di farli bere spesso. L'esposizione al sole deve avvenire gradualmente, iniziando dalle mani e dai piedi per poi finire col petto e il dorso. Nei primi anni di vita, il bambino al mare deve essere sorvegliato a vista.

Una valida alternativa di breve durata alle sono le passeggiate in campagna o le gite negli agriturismo: in questo caso bisogna prestare molta attenzione agli animali di media-grande taglia lasciati scorrazzare liberi, alle punture di insetti o di zecca e alle eventuali allergie da contatto (alberi, fiori, foglie, frutta) o respiratorie (pollini, acari, peli di animali) in bambini predisposti.
Una volta scelta la meta, quale il mezzo ideale per raggiungerla?

Spostamenti in auto
I bambini devono essere trasportati sui seggiolini, protetti dalle cinture di sicurezza. È importante non partire nelle ore più calde della giornata, evitare i giorni da «bollino rosso» a rischio code, non esagerare con l’aria condizionata.
In auto è vietato fumare, obbligatorio fare soste ogni ora, vivamente consigliato utilizzare tendine parasole.
Se il bimbo è piccolo è bene dotarsi di una borsa per le emergenze con un cambio completo di vestitini, pannolini, biberon con camomilla rilassante, latte per i pasti.
Se i bambini soffrono l'auto è bene evitare pasti liquidi prima della partenza, scegliendo un pranzo o una cena di alimenti solidi. Portare, magari, qualcosa da mangiare nel viaggio.

Spostamenti in treno
Il treno è il mezzo di trasporto meglio tollerato dai bambini di ogni età. È necessario però tenere i piccoli occupati durante il viaggio, non vietando loro di muoversi dal posto ogni tanto.

Spostamenti in nave
La nave è il mezzo di trasporto che presenta più pericoli: a bordo i bambini non devono mai essere persi di vista. I pediatri ritengono comunque che la soluzione migliore è che i bambini, durante la navigazione, dormano il più a lungo possibile.

Spostamenti in aereo
Se si escludono i prematuri fino ai 3 chili di peso e i neonati sotto i 7 giorni di vita non esiste un’età minima per affrontare un volo. È bene, in ogni caso, seguire alcune regole: far bere spesso il piccolo (visto che l'aria a bordo è molto secca e può anche irritare le mucose delle prime vie respiratorie) e per evitare mal d’orecchie in fase di decollo e atterraggio far succhiare caramelle, o dare il ciuccio o il seno ai lattanti.
Per evitare le variazioni di fuso orario possano disorientare i bambini, è bene iniziare sull'aereo iniziare a regolare i ritmi sonno-veglia su quelli del Paese di destinazione,  scegliere un volo che riduca al minimo la perdita di sonno e, al momento dell'arrivo, mettere i bambini a letto secondo l'orario locale, indipendentemente dalle ore passate in viaggio.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Tribunale di Ivrea: l'uso scorretto del cellulare causa di tumore 21 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini gonfiati per intascare i bonus: Procura di Trieste indaga per falso e truffa 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, caso Report. Garattini: “Serve trasparenza” 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Ictus: ecco come l'attività fisica influisce sulla qualità della vita 14 APR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi uccidono 200.000 persone ogni anno 13 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: il magnesio protegge dalle fratture 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Avocado, sai perché fa bene? 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini: Demicheli lascia la sanità piemontese 13 APR 2017 VACCINAZIONI
Il Dr. Roberto Gava invia una segnalazione alla Commissione Centrale dei Medici 12 APR 2017 VACCINAZIONI
Grecia: Novartis avrebbe corrotto migliaia di persone 10 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Depressione in aumento: “la malattia più invalidante al mondo” 7 APR 2017 SALUTE
Vuoi dormire bene? Ecco cosa mangiare a cena 7 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol fuori pasto: consumo in crescita 7 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori: il Tar dell'Emilia Romagna chiede chiarezza al Ministero della Salute 5 APR 2017 VACCINAZIONI
Alzheimer: scoperta l'origine della “malattia del secolo” 5 APR 2017 SALUTE
“Vaccini? Deve esserci una scelta”. Le voci della manifestazione nazionale 3 APR 2017 VACCINAZIONI
Gravidanza: in Italia troppi cesarei e controlli inutili 3 APR 2017 SALUTE
Così gli allevamenti intensivi distruggono la biodiversità 3 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Autismo: diagnosi solo per 1 bambino su 2 3 APR 2017 AUTISMO
La vitamina D previene raffreddore e influenza 31 MAR 2017 SALUTE
Bambini esposti al piombo: quali effetti sul cervello? 31 MAR 2017 INFANZIA
Banche del latte: al via una nuova tecnica per preservarlo 31 MAR 2017 INFANZIA
Sai perché lo sport fa bene alla salute? 31 MAR 2017 SALUTE
Il Regno Unito verso una tassa sulle bevande zuccherate 29 MAR 2017 SALUTE
Qual è la migliore cura dopo un infarto o ictus? 29 MAR 2017 SALUTE
Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Italia, il Paese più sano al mondo 27 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione