Denuncia sanitaria

Centinaia di bambini pakistani contraggono l'HIV. Siringhe usate sotto accusa


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

siringhe

Pratiche insicure, ma comuni, come il riutilizzo di siringhe usate per i programmi di vaccinazione sui bambini nella provincia meridionale del Sindh avrebbero causato il contagio di centinaia di bambini pakistani con l'HIV, secondo il team dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che sta indagando sull'epidemia scoppiata in nella povera città del sud-est.

 

Più di 700 persone, infatti, sono risultate positive al virus che causa l'AIDS e la maggior parte di loro sono bambini.

 

Tutto ha avuto inizio nel mese di febbraio quando alcuni genitori della città di Ratodero, nel distretto di Larkana, hanno iniziato a preoccuparsi per la febbre alta dei loro figli, di età compresa tra i 2 e gli 8 anni, che non riuscivano a far abbassare. Il medico dei bambini era il pediatra Muzaffar Ghangharo. Non avendo le sue cure sortito alcun effetto sino a quel momento, i genitori si rivolsero un altro medico, Imran Aarbani. Questo decise di sottoporre i bambini al test dell’HIV, un virus i cui sintomi possono essere proprio le febbri alte e persistenti. Il 24 aprile si è così scoperto che 15 dei bambini sottoposti al test erano risultati positivi, sebbene nessuno dei loro genitori lo fosse.

 

Nelle settimane successive le autorità del distretto di Larkana hanno quindi permesso a circa 10mila persone, bambini e adulti, di sottoporsi gratuitamente al test per l’HIV. È così che è stato accertato che nella zona era in corso un'epidemia, la cui origine è stata fatta risalire inizialmente soprattutto a Ghangharo, accusato da molti dei genitori dei bambini risultati positivi di aver usato siringhe infette nelle sue visite.

 

Le autorità lo hanno quindi arrestato alla fine di aprile accusandolo di aver infettato dozzine di pazienti con il virus attraverso siringhe sporche. L'avvocato del medico ha dichiarato alla CNN che il suo cliente non aveva mai usando siringhe infette: “è stato trasformato in un capro espiatorio per la più grande crisi nella regione".

 

L’arresto di Ghangharo è stato in effetti solo il primo passo in un’indagine che ha riguardato tutta la precaria situazione del sistema medico di Larkana.

 

La dottoressa Fatima Mir, che si occupa specialmente di bambini malati di AIDS e che ora sta lavorando come volontaria a Ratodero, collega l'epidemia ai bassi standard sanitari dei medici locali. “Ci sono tre modi in cui un bambino può essere infettato: tramite il latte di una madre che ha il virus dell’HIV, tramite trasfusioni di sangue, o tramite una siringa o uno strumento infetto durante una visita medica”, afferma. Considerato che in molti casi le madri sono risultate negative e pochi dei bambini infetti avevano subito trasfusioni di sangue, sembrerebbe che la causa dell’epidemia sia da attribuire ai medici locali. L’indagine per accertare le cause dell’epidemia intanto sta andando avanti, Intanto nel corso delle scorse settimane nel solo distretto di Larkana sono state chiuse 147 cliniche che non rispettavano gli standard sanitari, e in tutta la provincia di Sindh circa 600 strutture hanno ricevuto un avvertimento da parte delle autorità.

 

“Trovo difficile immaginare che sia solo una siringa o un dottore o solo una serie di siringhe", ha dichiarato al Washington Post Werner Buehler, senior manager del Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria. Quando centinaia di persone ricevono diagnosi in un periodo di tempo così breve, “sembra una pratica diffusa”, ha proseguito Buehler. E considerato che la stragrande maggioranza di loro è costituita da bambini è “eccezionale”. Questa regione del Pakistan ha già subito epidemie di HIV, ma in genere ha colpito le popolazioni più anziane e derivava da alti tassi di infezione nelle prostitute e nei consumatori di droghe per via endovenosa.

 

Il riuso delle siringhe nelle strutture mediche è ampiamente vietato perché gli aghi possono facilmente diffondere virus come l'HIV e l'epatite C tra i pazienti. Sebbene siano considerate pratiche scorrette, le siringhe vengono spesso riutilizzate in Pakistan, "specialmente tra i poveri", afferma Quaid Saeed, consulente per l'HIV / AIDS nel Programma nazionale di controllo dell'AIDS in Pakistan.

 








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

“Il cellulare ha causato il tumore al cervello”: sentenza storica della Corte d'Appello di Torino 15 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci usati in combinazione aumentano l'antibiotico-resistenza 13 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Sindrome premestruale? I rimedi omeopatici alleviano i sintomi 10 GEN 2020 OMEOPATIA
Il fumo danneggia anche la salute mentale. I rischi per i giovani 10 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Catania: ex primario che impiantava stent con farmaci scaduti nel cuore dei pazienti 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione