Infanzia

I bambini e la natura, quale rapporto?


CATEGORIE: Infanzia , Salute

bambina natura
Molte ricerche svolte negli ultimi anni hanno evidenziato i benefici per la salute dei bambini derivanti dal contatto con la natura

I bambini e la natura? Perfetti sconosciuti. Le ultime generazioni di bambini, infatti, non hanno praticamente nessun contatto con il mondo naturale e con la fauna selvatica.

È quanto rivela una recente ricerca condotta dalla rivista In a Bottle tra 1.400 mamme italiane in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione dalla quale in particolare è emerso che un bambino italiano su due non ha idea dell’origine naturale degli alimenti e delle nozioni di base sulla natura.

Intanto 25 associazioni che si occupano di salvaguardia della fauna selvatica, tra le quali la Royal Society for the Protection of Birds (Rspb), hanno pubblicato il rapporto State of Nature dal quale è emerso che negli ultimi decenni il  60% delle specie di fauna selvatica studiate in Gran Bretagna sono diminuite.

“Crediamo che garantire che i giovani siano collegati alla natura significa che svilupperanno sentimenti e atteggiamenti profondamente radicati nei confronti della fauna selvatica e il mondo in cui tutti viviamo e, di conseguenza, avranno abbastanza cura nel contribuire a salvarli in futuro”, ha affermato Mike Clarke, Chief Executive della Rspb.

“Questo rapporto è qualcosa di innovativo – continua Clarke – Milioni di persone sono sempre più preoccupate che i bambini di oggi abbiamo più che mai meno contatto con la natura, ma fino ad ora non c’era stato alcun robusto tentativo scientifico di misurare e monitorare la connessione con la natura tra i bambini nel Regno Unito. Il che significa che al problema non è stato dato l’attenzione che merita. La natura è in difficoltà, e il rapporto dei bambini con la natura è strettamente legato a questo. Il recente rapporto State of Nature dimostra che in Gran Bretagna stiamo perdendo la natura ad un ritmo drammatico.

Tutti noi possiamo agire per mettere di nuovo in contatto natura ed infanzia, al fine di garantire che i giovani abbiano una vita migliore ed un futuro migliore. Per la prima volta, abbiamo creato una baseline che noi e gli altri possiamo utilizzare per misurare quanto siano davvero connessi con la natura i bambini del Regno Unito. Con l’adozione di questo nuovo approccio, tutti possiamo monitorare la connessione dei bambini e raccomandare che i governi e le autorità locali intervengano per aumentarla attraverso decisioni politiche e pratiche”.

Tra l'altro sono numerose le ricerche svolte negli ultimi anni che hanno evidenziato i benefici per la salute derivanti dal contatto con la natura e dalle esperienze outdoor.

“Questi benefici – fa notare Rspb - includono impatti positivi in materia di istruzione, salute fisica, benessere emotivo e abilità personali e sociali. L’evidenza viene dall’impatto sulla crescita sull’infanzia di uno stile di vita e casalingo durante le vacanze estive, tanto che il chief executive della British Heart Foundation ha chiesto un ritorno 'alle tradizionali attività all’aria aperta dell’infanzia'”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (6)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Salute del cuore: sette regole da seguire 28 GIU 2017 SALUTE
Diciannovenni sedentari come i sessantenni 26 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Caldo: cinque consigli per proteggere i bambini 26 GIU 2017 INFANZIA
Broccoli: un aiuto naturale contro il diabete 26 GIU 2017 SALUTE
Cancro al fegato: l'inquinamento riduce l'aspettativa di vita 23 GIU 2017 SALUTE
“Clinica degli orrori”: annullato l'ergastolo di Brega Massone 23 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Decreto vaccini: ecco le modifiche in vista 23 GIU 2017 VACCINAZIONI
L'attività fisica previene la depressione post partum 22 GIU 2017 SALUTE
Biologico: importanza riconosciuta dall'Onu 22 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici: quanti eventi avversi nei pazienti ospedalizzati? 22 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Svizzera: cure omeopatiche rimborsate a tempo indeterminato 21 GIU 2017 OMEOPATIA
Lisomucil, ritirati alcuni lotti dello sciroppo per la tosse 21 GIU 2017 SALUTE
Sentenza della Corte Ue: “il vaccino può essere causa di una malattia” 21 GIU 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, no all'imposizione: Liguria e Veneto contro il decreto 16 GIU 2017 VACCINAZIONI
Cipolla rossa, un'arma naturale contro il cancro 14 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Le fibre alimentari proteggono le ginocchia 14 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Correre fa bene anche alla schiena 12 GIU 2017 SALUTE
Sanità: 22 miliardi di sprechi nel 2016 12 GIU 2017 SALUTE
Malattie croniche: l'omeopatia migliora la salute e riduce il consumo di farmaci 12 GIU 2017 OMEOPATIA
Antibiotico resistenza: le associazioni scrivono al ministro Lorenzin 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori, Zaia: “Coercizione ed eccessivo allarme” 9 GIU 2017 VACCINAZIONI
Smog: quali effetti sul cervello dei bambini? 8 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Zucchero, Corte di giustizia Ue: il consumatore va informato sui rischi 8 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Mangiare tardi la sera: ecco perché fa male 8 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Una petizione contro il decreto Lorenzin 8 GIU 2017 VACCINAZIONI
Cancro all'endometrio: l'allattamento al seno riduce il rischio 7 GIU 2017 SALUTE
Consumo di cannabis: Italia seconda in Europa 7 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccino e grave patologia: riconosciuto nesso e indennizzo 7 GIU 2017 VACCINAZIONI
Tre milioni di italiani soffrono di disturbi alimentari 5 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura di stagione: cosa portare in tavola a giugno 5 GIU 2017 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione