Salute

Bambini e anziani: i consigli per affrontare al meglio il grande caldo



caldo
Bambini e anziani: i consigli per affrontare al meglio il grande caldo

Le alte temperature degli ultimi giorni possono rappresentare un rischio, in particolare, per il benessere di bambini e anziani.
Nei bambini, infatti, il rapporto tra superficie e massa corporea è più elevato che nell'adulto e pertanto il bambino acquisisce dall'ambiente più calore.

Per aiutare quindi i bambini ad affrontare meglio il caldo è meglio evitare l’esposizione alle temperature elevate delle ore centrali della giornata. Tra le 11 e le 18 meglio limitare le attività all’aperto e restare a casa. In assenza di un climatizzatore è bene fare soggiornare i bambini nelle camere più fresche della casa, quella esposte a nord, assicurando una ragionevole ventilazione in modo da ridurre la temperatura percepita. Possono essere utili al benessere del bambino anche le doccette tiepido-fresche.

Dal momento che con il caldo si suda molto, è bene che i bambini assumano molta frutta e verdura, che contengono acqua.  Per quanto concerne l'abbigliamento sono da preferire  i vestiti  di materiali naturali, di colore bianco o comunque chiaro. I materiali naturali, a differenza delle fibre sintetiche, consentono una migliore evaporazione e, quindi, una riduzione della temperatura.

All'aperto poi è bene che i bambini indossino anche un cappellino e occhiali da sole di buona qualità per proteggere gli occhi dalle radiazioni ultraviolette.

Quando fa molto caldo a soffrire molto sono anche gli anziani:  infarti, ictus e altri problemi aumentano proprio durante il periodo estivo. Per mantenere in forma il cuore anche d'estate è bene seguire alcune facili ma importanti regole: scegliere la destinazione più adatta, seguire una dieta corretta, monitorare e tenere sotto controllo i fattori di rischio, fare movimento leggero, evitare sempre fumo e alcolici, non dimenticare le cure a casa pensando che in vacanza sia tutto concesso.

Una lista dei comportamenti corretti è stata presentata in occasione del primo congresso nazionale della Societa' Italiana di Cardiologia Geriatrica in corso a Verona.

1) La destinazione. Chi può permettersi di partire, dovrebbe scegliere accuratamente la destinazione: “la montagna oltre i 1500 metri, ad esempio'', ha spiegato il presidente della SICG, Niccolò Marchionni, non è consigliabile ai cardiopatici ma anche a chi soffre di malattie del respiro come asma e Bpco. Meglio pertanto consultarsi con il medico per scegliere la meta, chiedendogli anche di prescrivere i farmaci necessari a coprire tutto il periodo in cui si sarà lontani da casa e ricordarsi che la vacanza non significa abbandonare o sottovalutare le cure.
Interrompere o modificare le terapie per il cuore, infatti, è sempre molto pericoloso. Quando si arriva in una località di villeggiatura è opportuno informarsi per sapere subito dove e a chi ci si può rivolgere in caso di bisogno, magari chiedendo in farmacia.

2) Acqua e cibo. ''A causa del caldo intenso'', ha spiegato all'Asca Marchionni, ''la quantita' di acqua nell' organismo di una persona anziana scende fino al 40-45 per cento, rispetto al 55-60 per cento di un adulto. E avere una riserva idrica scarsa significa rispondere peggio a un' ondata di caldo ed essere piu' soggetti a disidratazione. Durante l' estate, quindi, e' fondamentale bere spesso molta acqua. Anche dal punto di vista alimentare e' molto utile mangiare molte piccole porzioni di frutta e verdura fresche al giorno, utili per reintegrare i sali minerali. Evitare le bevande gassate, troppo fredde, alcolici e superalcolici''.

3) Attività motoria. ''Le passeggiate sono un grande classico dell' estate, consentono di mettere in pratica i consigli magari sottovalutati durante l' inverno e ritemprano lo spirito. Tuttavia sono da evitare assolutamente nelle ore piu' calde, per evitare colpi di calore e rischi di disidratazione. Inoltre e' bene iniziare a muoversi in modo graduale, soprattutto se si e' stati sedentari fino al giorno prima. Il consiglio e' camminare due-tre ore a settimana cercando di mantenere un passo veloce non solo per migliorare la tonicità  dei muscoli ma anche per ridurre il sovrappese''.

4) La pressione e il diabete. ''La pressione in estate tende a scendere. Dunque e' opportuno rivedere le terapie, ad esempio quelle contro la pressione alta. Ricordatelo al vostro medico: per evitare cali eccessivi e pericolosi svenimenti pue' essere necessario adeguare, al ribasso, le cure abituali. Lo stesso vale per i diabetici: muovendosi di piu', puo' ridursi la necessita' di medicinali ipoglicemizzanti: se non si rivede la terapia si pue' andare incontro a pericolose ipoglicemie, anche se piu' leggere''.

6) La solitudine. ''Che si sia in villeggiatura o si rimanga in città, è importante evitare l' isolamento. Per scacciare la depressione e l' aumento dei rischio di confusione mentale che questa porta con se', e' sempre bene cercare di uscire e partecipare ad attivita'  socializzanti organizzate vicino a casa, o trovare comunque motivi per uscire''.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Italia, il Paese più sano al mondo 27 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA
Frutta e verdura fanno bene anche all'umore 20 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
A che ora è meglio mangiare per proteggere il cuore? 17 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
“Basta cellulari ai bambini”: i pediatri lanciano l'allarme 17 MAR 2017 INFANZIA
Quali sono i benefici della dieta "mima-digiuno"? 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Menopausa: ecco cosa mangiare per rafforzare le ossa 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Bambini: troppo fruttosio è come l'alcol per il fegato 13 MAR 2017 INFANZIA
L'agopuntura previene l'emicrania senza aura 13 MAR 2017 SALUTE
Sostanze tossiche negli imballaggi: ecco gli alimenti a rischio 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura: ecco la quantità giusta per vivere più a lungo 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro al colon-retto, quanto incide lo stile di vita? 8 MAR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci 8 MAR 2017 SALUTE
Mirtilli per la memoria, un elisir di giovinezza 8 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Glifosato: anche la Toscana verso il bando 6 MAR 2017 SALUTE
Dieci consigli per vivere dieci anni più a lungo 6 MAR 2017 SALUTE
L'inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini l'anno nel mondo 6 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotico-resistenza: la lista dei 12 batteri più pericolosi 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: quanto cibo buttiamo e perché? 3 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Pfas in Veneto: analisi sui pozzi e controlli per 80mila cittadini 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: nel sangue dei 14enni valori 30 volte superiori la media 24 FEB 2017 SALUTE
Gastroscopie e colonscopie: 500 mila esami inutili ogni anno 22 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione