Infanzia

Bambini: a 2 anni devono utilizzare almeno 25 parole


CATEGORIE: Infanzia

bambino
Bambini: a 2 anni devono utilizzare almeno 25 parole

'Mamma', 'papa'', 'latte', 'cane' e 'biscotto': queste alcune delle 25 parole secondo un gruppo di scienziati americani ogni bimbo dovrebbe utilizzare all'età di due anni. I risultati della ricerca, intitolata Language Development Survey, sono stati presentati al meeting annuale dell'American Association for the Advancement of Science tenutosi a Vancouver.

L'elenco, in realtà, è molto più lungo: 350 sono le parole che dovrebbero far parte del vocabolario di un bambino, ma 25 è il numero minimo che il piccolo 'deve conoscere'. La lentezza con cui un bambino impara queste parole può essere infatti indice di problemi più seri, come l'autismo e la sordità. Secondo gli esperti il campanello d'allarme dovrebbe suonare già quando il bambino usa solo 50 o meno parole. Dalla ricerca è infatti emerso che il bambino medio conosce 150 parole, ma punteggi che vanno da 75 a 225 sono da considerarsi normali.

“Se il bambino - ha spiegato Leslie Rescorla, che ha progettato l'elenco - non utilizza la maggior parte di queste parole entro i 24 mesi probabilmente impara a parlare tardi”.

Attenzione, comunque, a non farsi prendere dal panico. Gli stessi scienziati hanno riferito che ci sono abili oratori che però hanno imparato a parlare tardi da piccoli.  Se il bambino presenta grosse difficoltà a due anni mezzo d'età, gli scienziati consigliano una terapia del linguaggio che non dovrebbe essere rimandata oltre i 3 anni d'età. Fino al 20 per cento dei bambini di 2 anni sono rimasti indietro nell'imparare a parlare rispetto ai coetanei. Di questi, quasi la metà è suscettibile di uno sviluppo tardivo che sarà recuperato un po' più avanti. In altri casi, però, il bambino avrà problemi anche in seguito.

Secondo gli scienziati la tv o in generale i video che permettono l'ascolto di discorsi non possono sostituire l'attenzione dei genitori. Le interazioni reali con il bambino sono infatti particolarmente importanti quando si trova nella fase di imparare a 'decifrare il codice'.

Secondo un'altra ricerca condotta presso l'Università della Pennsylvania dagli psicologi Elika Bergelson e Daniel Swingley i bambini già conoscono il significato di alcune parole comuni, a partire dall'età di 6 mesi in poi. “L'elemento sorprendente è che i bambini di quell'età non parlano, non camminano, non indicano con il dito - ha spiegato Bergelson - “Ma a quanto pare, sotto la superficie, stanno cercando di mettere assieme le cose del mondo e le parole che le indentificano”.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

India: scelta l'Omeopatia contro il Coronavirus 31 GEN 2020 OMEOPATIA
Gli Usa vietano le sigarette elettroniche (con alcune eccezioni) 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aumentano il rischio di malattie respiratorie 20 DIC 2019 SALUTE
I benefici del peperoncino per la salute di cuore e cervello 20 DIC 2019 ALIMENTAZIONE
Fegato: i problemi possono essere causati dai farmaci 11 DIC 2019 MEDICINA PREVENTIVA
A Milano il primo ospedale dedicato alla salute delle donne 4 DIC 2019 SALUTE
Sugar e plastic tax: cosa ne pensano gli italiani? 2 DIC 2019 ATTUALITà
Il Messico nega l'ingresso di mille tonnellate di glifosato nel Paese 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza e prima infanzia: buone pratiche più diffuse ma si può migliorare 27 NOV 2019 INFANZIA
Gli adolescenti di tutto il mondo sono troppo sedentari 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le aree verdi in città allungano la vita 22 NOV 2019 SALUTE
Gli animali domestici allontanano ansia e depressione 20 NOV 2019 ANIMALI
I cambiamenti climatici colpiranno la salute dei bambini che nascono oggi 18 NOV 2019 INFANZIA
I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione 18 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione