Vaccinazioni

Avanti tutta sui vaccini mentre la sanità perde colpi

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Vaccinazioni

La sanità perde colpi
Avanti tutta sui vaccini mentre la sanità perde colpi

Come era previsto, avanti tutta sui vaccini. Senza tentennamenti e dubbi, la ministra Lorenzin, sostenuta dal governo, ha presentato la definitiva versione del Decreto Vaccini, che non presenta cambiamenti sostanziali tranne l'autocertificazione (per i dettagli consiglio di leggere l'articolo di Michele Bocci). Adesso la linea è tracciata: vaccinazioni a go-go.

 

Come sappiamo in Italia - e non tra i free-vaxx ma tra i ricercatori vaccinisti - e all'estero, c'è molta discussione sulla obbligatorietà e sulla raccomandazione vaccinale. Tant'è che in mezza Europa non c'è obbligo. Noi abbiamo scelto una strada diversa. Tuttavia non si capisce perché il nostro Paese è il primo ad introdurre ben 12 vaccini obbligatori. Una scelta sulla quale anche la ministra Fedeli si era pronunciata chiedendo di spiegare ai cittadini il perché di tale accelerata.

 

In sincerità non capisco il perché di questo decisionismo. Tuttavia ora mi aspetto che in sede parlamentare ci sia un vero confronto e, soprattutto, ci siano le necessarie spiegazioni affinché gli italani che si sono appellati al presidente Mattarella possano avere le risposte che chiedono.

 

C'è poi il nodo delle punizioni: la non iscrizione agli asili, le multe e le segnalazioni al tribunale dei minori. Nel testo, come era ovvio, non si fa cenno alcuno alla patria potestà, che però potrebbe essere l'ultimo atto in caso di "disobbedienza civile" contro i vaccini. Ma come si può facilmente comprendere, solo accennare a questa ipotesi fa infuriare migliaia e migliaia di famiglie. Che oltretutto non sono così sparute, se prendiamo per buono il sondaggio di dottori.it secondo il quale il 23 per cento degli italiani (su un campione di 8000) si dichiara contrario alla nuova legislazione vaccinale.

 

I sondaggi sono sempre discutibili, mentre va preso sul serio il dibattito che inizierà la prossima settimana in Parlamento, e in particolare nella commissione Sanità del Senato. Perché se l'orientamento del governo è netto, resta da vedere che faranno le opposizioni, e chi si farà interprete - almeno in parte - della protesta di piazza, diventata visibile sabato scorso in decine di città e che proseguirà con manifestazioni nazionali, come quella prevista per domenica prossima.

 

In ogni caso, domando: i cittadini devono già adeguarsi alle norme previste dal decreto, oppure possono aspettare i soliti due mesi per la trasformazione in legge? È evidente che più passa tempo, più si complica l'applicazione concreta delle regole che riguardano la salute dei bambini: e se le norme del decreto vengono modificate, cosa succede per chi ha già aderito alla necessaria profilassi? E poi, le strutture sanitarie sono pronte? Sono già stati attivati i controlli di vaccino-vigilanza che dovranno essere gioco-forza moltiplicati?

 

Oggi, per una curiosa coincidenza, mentre il governo a Palazzo Chigi andava dritto come una lama sui vaccini, a poche centinaia di metri, a Palazzo Colonna, veniva presentato un rapporto che offre un'immagine più completa della sanità italiana: e certamente molto poco rassicurante. Perché stando al CENSIS nell'ultimo anno 12,2 milioni di italiani "hanno rinunciato o rinviato prestazioni sanitarie". Nell'articolo di Irma D'Aria si spiega ampiamente la ricerca, ma già ri-leggere che "la sanità non è più per tutti" dovrebbe essere materia di preoccupazione per il governo e per le forze politiche. Perché se prendiamo per buoni i dati, vuol dire che un quinto degli italiani non può più curarsi come si deve. Ammettiamo che i "senza cure" siano sotto i 12 milioni, ma non poter accedere alle prestazioni, alle terapie, significa accelerare e aggravare le malattie, con conseguenze spesso fatali. Altra domanda: questa (o anche questa), non è una importante emergenza nazionale?

 

L'aspetto poi particolare è che il rapporto CENSIS è stato presentato durante un mega convegno della RBM, la più grande compagnia assicurativa specializzata nel ramo sanitario, con ben 5 milioni di assicurati. L'interesse verso una privatizzazione della salute degli italiani è evidente, e rispetto alla tamburellante litanìa sulla insostenibilità del Servizio sanitario nazionle, la formula della RBM - con il supporto sociologico del CENSIS - è tranchant: puntare su un modello di Assicurazione sociale integrativa alla francese. Su questa ipotesi da tempo convergono, come è evidente, molti interessi, compresi quelli di alcunebassociazioni che vengono finanziate dalle assicurazioni per organizzare convegni utili ad allargare il consenso sulla sanità integrativa.

 

Se questa è la strada migliore per rispondere ai bisogni inevasi di assistenza e di cura, è tutto da verificare. La certezza è che adesso la salute degli italiani è sempre di più diseguale. Sarebbe opportuno che le forze politiche che per mesi e mesi hanno fatto una campagna a tappeto sui vaccini, ora si impegnassero anche per rispondere a quei milioni di italiani che non riescono a veder riconosciuto il loro diritto alla salute.



Hai un account google? clicca su:


Prodotti Consigliati
Le Vaccinazioni Pediatriche  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Le Vaccinazioni Pediatriche

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali   Le vaccinazioni pediatriche, da… Continua »
Pagine: 1056, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
33,92 € 39,90 € (-15%)
 
Vaccini: si o no?  Stefano Montanari Antonietta M. Gatti  Macro Edizioni

Vaccini: si o no?

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini

Stefano Montanari, Antonietta M. Gatti

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali, nazionali e locali, dalle radio, dalla televisione e… Continua »
Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
6,72 € 7,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI
Se "l'immunità di gregge" diventa merce di scambio 28 AGO 2017 VACCINAZIONI
La guerra sui vaccini ha scavato un grande solco 18 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le vaccinazioni e la salute, la politica e la protesta 24 LUG 2017 VACCINAZIONI
L'anti-morbillo obbligatorio non riguarda solo i bambini 17 LUG 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione