Omeopatia

Cos'è Apis Mellifica?


CATEGORIE: Omeopatia

Cos'è Apis Mellifica? - Rimedi Omeopatici
Apis Mellifica

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Apis Mellifica
- Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia Imenotteri

DESCRIZIONE: l’ape è un insetto dell’ordine degli imenotteri; ha un corpo bruno e peloso, addome fornito di pungiglione, apparato buccale atto a lambire e antenne brevi; la quantità di veleno inoculato dalla puntura d’ape è di circa 50 microgrammi; l’ape domestica viene allevata per la produzione di cera e miele.

PRINCIPI ATTIVI: dopamina, istamina, due enzimi (fosfolipasi A2 e ialuronidasi), dei peptiti tossici e precisamente una emolisina (la mellitina), una neurotossina (l’apamina) e un degranulatore dei mastociti.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Apis mellifica si ottiene macerando in alcool o triturando l’ape intera. Apis vivus è il rimedio preparato con il solo veleno d’ape. Le patogenesi dei due rimedi non presentano differenze sostanziali e possono essere considerate sovrapponibili.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Cute: eritema, edema, manifestazioni orticariodi o erisipelatose, dolori acuti e puntori, bruciori e prurito.
- Mucose: infiammazione ed edemi; sono interessate prevalentemente quelle dell’apparato urinario, digerente (faringe e intestino) e la laringe con conseguenti disturbi della minzione, diarrea e fenomeni ostruttivi.
- Sierose: infiammazione con versamento a rapida insorgenza che può interessare la pleura, il pericardio e il peritoneo.
- Apparato genito-urinario: infiammazione delle ovaie e oliguria.
- Sistema nervoso: reazione meningea, tremori, convulsioni, paralisi, disturbi della sensibilità e alterazioni dello stato di coscienza.
- Apparato cardiocircolatorio: caduta della pressione arteriosa e collasso.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: soprattutto nelle malattie acute e subacute; nelle donne; nei bambini; negli anziani; nelle affezioni a brusca insorgenza e violenta evoluzione, caratterizzate da edemi localizzati o generalizzati, dolori intensi di tipo puntorio e bruciante alleviati dalle applicazioni fredde, intolleranza al caldo, irritabilità, eccitabilità e a volte alterazioni dello stato coscienza.

QUADRO CLINICO
Insorge in caso di: punture d’insetti, reazioni allergiche e malattie infettive. E’ caratterizzato da: eritema cutaneo, edemi, reazioni orticarioidi o infiammatorie, dolori brucianti e pungenti, simili ad aghi arroventati, alleviati dalle applicazioni fredde e aggravati con il calore e il minimo contatto; edema del viso diffuso o localizzato alle labbra e alle palpebre; edema e spasmi della glottide; infiammazione faringea con interessamento elettivo dell’ugola e delle tonsille; diarrea con feci acquose e involontarie; versamento pleurico, peritoneale e pericardico a rapida insorgenza; dispnea o respirazione stertorosa; infiammazioni articolari con edema, ipersensibilità al tatto e alla pressione e dolori intensi alleviati dalle applicazioni fredde; disuria, stranguria, oliguria con albuminuria ed ematuria; edemi o anasarca; aumento di volume delle ovaie per congestione o processi infiammatori
e irregolarità mestruali; irritazione meningea o meningite a rapida insorgenza con cefalea, rigidità nucale, volto congesto, occhi semichiusi, pupille midriatiche, febbre elevata, urla, attacchi convulsivi, stupore o perdita di coscienza.
Dal punto di vista mentale si può sottolineare: l’irritabilità, l’eccitabilità, l’irrequietezza, le crisi di pianto anche senza motivo, i deficit prestazionali, l’iperproduttività verbale, l’aumento dell’appetito sessuale, la gelosia e i disturbi della coscienza. Questi sono caratterizzati da confusione mentale, obnubilamento, stupore, coma, delirio e sono osservabili in caso di processi febbrili, meningite, scarlattina o idrocefalo.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Edemi localizzati o generalizzati a rapida comparsa, con oliguria e mancanza di sete.
- Dolori a fitte e brucianti alleviati dalle applicazioni fredde.
- Bisogno di aria e di scoprirsi.
- Affezioni febbrili con sete intensa durante i brividi e assenza di sete durante la fase del calore.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Costituzioni scrofolose:16 bambini e ragazze che diventano maldestri, specialmente quando tengono in mano qualcosa; donne isteriche.
2 - Ansia, con agitazione piagnucolosa; problemi di memoria e di distrazione mentale degli anziani.
3 - Gonfiori edematosi, versamenti sierosi e orticaria.
4 - Dolori brucianti, guizzanti, pungenti migliora dal freddo (opposto di Arsenico).
5 - Indolenzimento generale e ipersensibilità di tutta la superficie corporea, peggiora dal contatto o dalla pressione, specialmente nelle regioni dell’utero e delle ovaie; non sopporta alcuna costrizione; sensazione di stanchezza, di contusione.
6 - Notevole irrequietezza per cause fisiche senza migliora dei sintomi.
7 - Grande sonnolenza; il sonno viene interrotto da dolori o sogni ansiosi; nella meningite lo stato comatoso viene interrotto da grida lancinanti.
8 - Assenza di sete in quasi tutte le patologie, soprattutto negli stati edematosi.
9 - I disturbi hanno lateralità destra o vanno da destra a sinistra.
10 - Modalità:
a) peggioramento da qualsiasi forma di calore; di solito alle ore 16-18;
b) miglioramento dal sonno.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 TESSUTI CELLULARI [OCCHI; FACCIA; FAUCI; OVAIE]. CAVITÀ SIEROSE. CUTE. RENI. VESCICA. Nervi. Respirazione. Cuore. Sangue.
- Lateralità del rimedio: LATO DESTRO. Lato sinistro. Dal destro al sinistro.

EZIOLOGIA
Punture d’insetti; morsi di animali velenosi; reazioni allergiche; processi infettivi; abuso di chinino; spaventi; arrabbiature; shock psicologici; eccessi sessuali; soppressione di eruzioni cutanee; vaccinazioni.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: l’eccitabilità, l’affaccendamento, l’irritabilità, la labilità e la dissociazione affettiva, la sensualità licenziosa e dissoluta, la gelosia e le alterazioni dello stato di coscienza. L’eccitabilità, l’iperattività motoria, l’esaltazione della libido e delle espressioni emozionali e le alterazioni dello stato di coscienza, rappresentano dei tratti di tipo maniacale spesso riconducibili a stati di intossicazione o patologie organiche cerebrali.

MODALITA'
• Peggioramento

CALORE della stanza; clima caldo; calore del fuoco; bevande molto calde, bagno e letto caldi. Contatto, anche dei capelli. Pressione. Dopo il sonno. Coricato. Eruzioni soppresse. Alle 16.00.
• Miglioramento
ARIA FRESCA; bagno fresco; scoprendosi. Poca espettorazione. Movimento. Seduto eretto.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione