Denuncia sanitaria

Antimicrobici negli allevamenti e rischi per la salute umana


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

allevamento suini
L’uso eccessivo di antibiotici negli allevamenti determina la resistenza ai farmaci di pericolosi batteri

L’uso eccessivo di antibiotici negli allevamenti determina la resistenza ai farmaci di pericolosi batteri, con altissimi rischi per la salute degli animali e umana. A sostenerlo sono gli esperti danesi in un articolo pubblicato sulla rivista Student BMJ.
Gli antimicrobici, si legge nell'articolo, sono essenziali per il trattamento di infezioni batteriche nell'uomo e negli animali. Il loro utilizzo, tuttavia, può promuovere la resistenza di alcuni batteri al trattamento.

I batteri resistenti possono diffondersi dagli animali all'uomo in diversi modi: la catena alimentare, il contatto diretto e la trasmissione ambientale, ad esempio, attraverso il nuoto in acque contaminate.

Tre di quattro infezioni emerse di recente negli esseri umani provengono dagli animali : l'influenza aviaria, la sindrome respiratoria acuta grave, e la Salmonella Enteritidis. Ciò che facciamo agli animali, insomma, ha effetti sulla nostra salute.

Gli antimicrobici sono utilizzati comunemente per promuovere la crescita degli animali. L'associazione tra questa pratica e la comparsa di batteri resistenti patogeni umani è stata documentata alla fine del 1990. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha diffuso consigli forti per evitare tale pratica e l'Unione europea ha vietato la pratica nel 2006, ma molti altri paesi continuano a consentirla.

L'Unione europea sta attuando un monitoraggio obbligatorio di utilizzo di antimicrobici in tutti gli Stati membri. Tale controllo avviene già in Danimarca, che dal 1995 ha progressivamente imposto regole più rigide sull'uso di antimicrobici negli allevamenti.

Come scrivono gli autori dell'articolo, l'uso profilattico di routine degli antimicrobici negli animali deve essere ridotto, l'utilizzazione di antimicrobici dovrebbe essere controllata in tutti i paesi e ai veterinari non dovrebbe essere consentito trarre profitto dalla vendita diretta degli antimicrobici.

Una sostanziale riduzione dell'uso degli antimicrobici nel bestiame – concludono gli autori - è possibile e necessaria, se vogliamo preservare il potere degli antimicrobici per le future generazioni di animali e nell'uomo.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Continua la corsa del biologico 21 FEB 2018 ALIMENTAZIONE
Chemioterapia: causa di morte per 1 malato di cancro su 3 21 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Autoironia: ecco il segreto della felicità! 21 FEB 2018 SALUTE
Infertilità maschile: l’inquinamento è la prima causa 21 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Troppa medicalizzazione nei parti. Oms: “si aiutino le donne a partorire naturalmente” 19 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini ai militari: le conclusioni della Commissione d’inchiesta sull’uranio 19 FEB 2018 VACCINAZIONI
Smog: emergenza sanitaria in Lazio 19 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Bambini non vaccinati: a Cuneo presentati 13 ricorsi 16 FEB 2018 VACCINAZIONI
Attività fisica: insufficiente per 8 ragazzi su 10 14 FEB 2018 SALUTE
Vaccini: a Bolzano niente multe dopo la scadenza 14 FEB 2018 VACCINAZIONI
Vaccini e conflitto di interessi: il Tribunale di Roma dà ragione al Codacons 12 FEB 2018 VACCINAZIONI
Antinfiammatori: il 15% di chi li assume supera le dosi massime 12 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ictus e infarto: l’emicrania è un importante fattore di rischio 9 FEB 2018 SALUTE
Trasporti marittimi: le emissioni causano 400.000 morti premature 9 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ibuprofene e paracetamolo: gli effetti psicologici degli antidolorifici 7 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Il potere antinfiammatorio della curcuma contro demenza e depressione 7 FEB 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Tumori: malattie croniche responsabili del 20% dei nuovi casi 5 FEB 2018 SALUTE
Una corsia preferenziale in ospedale per le donne vittime di violenza 2 FEB 2018 SALUTE
Quasi tre milioni di italiani soffrono di depressione 31 GEN 2018 SALUTE
Tribunale di Milano: se i figli sono immuni il genitore può opporsi alle vaccinazioni 31 GEN 2018 VACCINAZIONI
Roma: “restino a scuola i bambini non vaccinati” 31 GEN 2018 VACCINAZIONI
Dieselgate: “cavie umane per testare i gas di scarico” 29 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aiutano a smettere di fumare? 26 GEN 2018 SALUTE
Gravidanza: i farmaci per la tiroide aumentano il rischio di malformazioni del bambino 26 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Salerno: vaccino scaduto ad un bimbo di 8 mesi 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini obbligatori in Francia: dov’è finita la “libertè”? 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini, Travaglio: “Che ho detto di scandaloso?” 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Etichette alimentari e allergeni: le nuove direttive Ue 19 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Disturbi del sonno? Un “trucco” per addormentarsi 17 GEN 2018 SALUTE
Bisfenolo A: Ue impone limiti più stringenti 15 GEN 2018 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione