Vaccinazioni

L'anti-morbillo obbligatorio non riguarda solo i bambini

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Vaccinazioni

vaccinazioni
'Cosa diciamo di fronte al fatto che tre campioni di Pallanuoto sono malati di morbillo? Che è colpa dei loro genitori che non li avevano vaccinati venti anni fa?'

Il "castello" vaccinale obbligatorio costruito solo per i bambini sta crollando inesorabilmente, e giorno dopo giorno. Eppure si fa finta di nulla. Non se ne parla. Addirittura si ribalta l'analisi obiettiva dei fatti. E già: all'improvviso ci si rende conto che la realtà è ben diversa da come era stata raccontata agli italiani. E a volte basta una notizia, anche se nascosta, per far ribaltare un tavolo traballante.

Mi riferisco al fatto che ieri è stato annunciato il ritiro di tre atleti della nostra pallanuoto, il mitico Settebello, rimasti in Italia alla vigilia dei mondiali di nuoto a Budapest. Perché? Sono malati di morbillo. Non è dato sapere come sia avvenuto il contagio, se i tre erano regolarmente vaccinati (per chi fa sport, soprattutto a certi livelli, dovrebbe essere normale profilassi). Sta di fatto che tre nostri atleti internazionali hanno il morbillo.

Ora, avendo ripetuto fino alla noia che la tanto sbandierata emergenza vaccinale urlata dalI'Iss, dalla ministra, dai medici bulli/coatti, non poteva riguardare solo i bambini, proprio in base ai dati forniti dallo stesso Istituto superiore di sanità, potrei rallegrarmi della notizia. Invece no. Sia perché il Settebello è tra i migliori team atletici al mondo, ed è un piacere vederli giocare. Sia perché conferma la pochezza sanitaria - e culturale -  di una campagna vaccinale mirata fin dall'inizio a criminalizzare i genitori dei bambini non vaccinati. Quando i numeri ci dicevano ben altra cosa, come testimoniavano e documentavano i primissimi bollettini ministeriali.

Eppure sono pronto a scommettere che qualcuno mistificherà i fatti, sostenendo di avere ragione sull'esistenza di una emergenza, senza aggiungere però che il decreto del governo era stato impostato per colpire esclusivamente le famiglie che non vaccinano i propri figli. E allora gli adulti? Con loro come la mettiamo? Cosa diciamo di fronte al fatto che tre campioni di Pallanuoto sono malati di morbillo? Che è colpa dei loro genitori che non li avevano vaccinati venti anni fa?

Sì, proveranno a cambiare le carte in tavola cercando di far dimenticare che di fronte alla fragilissima tesi che il morbillo si veicola solo con i bambini, qualcuno aveva fatto presente che era importante vaccinare anche gli adulti, e in ogni caso almeno il personale scolastico e medico/sanitario. Solo negli ultimi giorni di dibattito parlamentare sulla conversione in legge del decreto, Lorenzin e la "compagnia di giro" hanno preso atto che un intervento coatto mirato soltanto verso le famiglie non poteva più stare in piedi. E cosa hanno fatto? Hanno modificato il decreto inserendo anche la vaccinazione obbligatoria per le professioni scolastiche e sanitarie. Scontrandosi però con la Ragioneria dello Stato e la Commissione bilancio che hanno avvertito: non c'è copertura finanziaria. Per i "furbetti del vaccino" è stata una figuraccia, un stop di grande imbarazzo. Alla quale dovrà essere posto rimedio se si vuole almeno ottenere un mini vittoria sul campo.

Tuttavia i fatti dimostrano che un misura limitata alle scuola e al personale medico/sanitario non basta neppure più. I malati del Settebello offrono un'altra narrazione del "caso morbillo". Contro l'evidenza si scontrano i limiti di una politica sanitaria/vaccinale impostata con un'unica direzione. Ma come, si dice che siamo in presenza di un'emergenza sanitaria e poi mancano i soldi per  affrontarla? Quanto meno dovrebbero mettersi d'accordo, perché se Gentiloni afferma non c'è emergenza e Lorenzin sostiene il contrario (è curioso che gli ultra vaccinisti non dicano nulla sull'affermazione del premier, fatta durante la presentazione del decreto: in questo caso i medici bulli/coatti fanno come le tre scimmiette), è chiaro che c'è chi minimizza e chi esagera.

Però se la ministra ha ragione, ha comunque sbagliato nell'aver impostato una campagna mediatica, aggressiva e ossessiva, contro i genitori incerti sull'importanza della vaccinazione. Oggi vediamo infatti i limiti dei contenuti e del metodo scelti. E non lo dico io, ma gli atleti della nazionale di pallanuoto. Tra l'altro mi viene in mente quello che scrissi oltre un anno fa, quando si iniziò a parlare di divieto di asilo nido ai non vaccinati. E i campetti di calcio? E le piscine? Rimangono aperte a tutti, vaccinati e non vaccinati? Restarono domande senza risposta.

Agli evidenti errori tattici e strategici del decreto (che ha già subìto parecchie modifiche), si può porre rimedio? Sì: riscrivendo e reimpostando il decreto sui vaccini. E il primo cambiamento deve riguardare appunto il morbillo, in modo abbastanza semplice: l'obbligo vaccinale deve valere per tutti. Come anche le misure punitive per chi non si vaccina. E se non si hanno i soldi si trovino, oppure si producano i vaccini in strutture pubbliche in grado di farlo. Non si può cavalcare una emergenza sanitaria (vera o presunta), senza rendersi conto prima che non c'è "trippa per i gatti" e non si gestisce così la salute di milioni di italiani.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Vaccini: si o no?  Stefano Montanari Antonietta M. Gatti  Macro Edizioni

Vaccini: si o no?

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini

Stefano Montanari, Antonietta M. Gatti

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali, nazionali e locali, dalle radio, dalla televisione e… Continua »
Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
6,72 € 7,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Se "l'immunità di gregge" diventa merce di scambio 28 AGO 2017 VACCINAZIONI
La guerra sui vaccini ha scavato un grande solco 18 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le vaccinazioni e la salute, la politica e la protesta 24 LUG 2017 VACCINAZIONI
Sulla salute dei cittadini la fiducia va conquistata 12 LUG 2017 VACCINAZIONI
Vaccinarsi non è un decreto 10 LUG 2017 VACCINAZIONI
Criminalizzata una famiglia per far vincere un decreto 26 GIU 2017 VACCINAZIONI
Una legge della sinistra opposta al decreto-vaccini 14 GIU 2017 VACCINAZIONI
Avanti tutta sui vaccini mentre la sanità perde colpi 8 GIU 2017 VACCINAZIONI
Il dovere di ascoltare chi chiede "vaccini liberi" 5 GIU 2017 VACCINAZIONI
A proposito di vaccini qualche altro chiarimento 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
La vaccinazione classista 19 MAG 2017 VACCINAZIONI
Sulle punizioni ai medici due pesi e due misure 19 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Sui vaccini una guerra più politica che sanitaria 12 MAG 2017 VACCINAZIONI
Quando anche i "luminari" si fanno corrompere 9 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Circolano tante bufale sul vaccino anti morbillo 3 MAG 2017 VACCINAZIONI
Una radiazione politica contro "scienza e coscienza" 24 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Ma i giornalisti romani si schierano con Report 21 APR 2017 VACCINAZIONI
Chi tocca i fili dei vaccini può restare fulminato 18 APR 2017 VACCINAZIONI
Tra contrari e favorevoli quante bufale sui vaccini 14 APR 2017 VACCINAZIONI
Nel Servizio Sanitario c'è una questione morale 7 APR 2017 SALUTE
Chi truffa nella Sanità merita pene esemplari 16 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Malasanità allo stato puro 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Chi disprezza l'omeopatia offende milioni di persone 15 FEB 2017 OMEOPATIA
Allarmismo sui vaccini e silenzio sull'aria killer 6 FEB 2017 VACCINAZIONI
Vaccinazioni a valanga 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
Responsabilità dei medici che va a danno dei malati 12 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Per migliorare la sanità non bastava segnare il sì 6 DIC 2016 DENUNCIA SANITARIA
Gli allarmisti pro e contro nella guerra sui vaccini 31 OTT 2016 VACCINAZIONI
Censura Vaxxed - Sono contro ciò che dici ma hai la libertà di dirlo 30 SET 2016 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione