Attualità

Antartico, in mille anni mai così a rischio

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Attualità

ghiaccio antartico
I ghiacci dell'Antartico si stanno sciogliendo ad una velocità 10 volte superiore rispetto a quella media dell'ultimo millennio

I ghiacci dell'Antartico si stanno sciogliendo ad una velocità 10 volte superiore rispetto a quella media dell'ultimo millennio. A spiegarlo è uno studio franco-britannico, che ha raggiunto tale conclusione dopo aver studiato dei carotaggi prelevati a 364 metri di profondità sotto l'isola James Ross, non lontano dalla punta settentrionale della calotta antartica.

L'analisi conferma che nel corso della storia si sono succeduti periodi di fusione e di glaciazione: tra questi, molto interessante è quello risalente a circa 600 anni fa.

All'epoca, si registrò un periodo più freddo di soli 1,6°C rispetto alla media della fine del secolo scorso.

E il livello di scioglimento era 10 volte meno marcato. «Ciò conferma – hanno spiegato gli scienziati – che anche una piccola variazione di temperatura può causare una forte accelerazione della fusione».

È sempre più urgente, dunque, agire per bloccare il cambiamento climatico. Eppure i risultati raggiunti a livello mondiale sono desolanti.

Un recente studio dell'IEA ha spiegato che, per ciascuna unità di energia prodotta, oggi si emette quasi la stessa quantità di CO2 di 23 anni fa. Malgrado la crescita delle fonti rinnovabili, infatti, il biossido di carbonio emesso in media è calatao solamente dell'1%.

Il principale responsabile di questa sconfitta globale è il carbone, la fonte ambientalmente più pericolosa e inquinante, che continua ad essere utilizzata in tutto il mondo.

Ma ciò che appare più incredibile è il raffronto tra l'ultimo ventennio e quello precedente: tra il 1971 e il 1990, infatti, il calo della cosiddetta “impronta ecologica” (sempre in termini di emissioni di CO2) era stato pari al 6%. Il che significa che erano stati raggiunti risultati sei volte migliori rispetto agli ultimi due decenni (in barba alla conferenza di Rio del 1992 e al protocollo di Kyoto del 1997).



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano) 30 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti? 17 DIC 2014 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
CO2: emissioni sottostimate in Cina 15 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA
A Portland il primo edificio a 'triplo zero' 4 SET 2012 ATTUALITà
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
Africa: gli speculatori all’attacco della terra 4 OTT 2011 ETICA
G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato 3 OTT 2011 ALIMENTAZIONE
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione