Attualità

Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti?

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Attualità

siccita
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti?

Non si tratta più di aspettare dieci, venti o trent’anni: l’impatto del cambiamento climatico sulle vite di ciascuno di noi è evidente già ora. E, se non si agirà in fretta, le conseguenze saranno devastanti.

L’allarme lanciato lo scorso 31 marzo dall’Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite è il più inquietante dal 2007. Presentando i contenuti del suo ultimo rapporto nella città giapponese di Yokohama, il gruppo di esperti ha tracciato un quadro allarmante: insicurezza alimentare, penuria di acqua potabile, esodi sempre più massicci di popolazioni e rischio di conflitti sono, infatti, direttamente legati al riscaldamento del Pianeta e, si legge nel rapporto, «la probabilità di impatti gravi, estesi e irreversibili cresce di pari passo con l’intensificazione del fenomeno». Una minaccia diretta, dunque, anche per la vita umana sulla Terra.

Un appello ai governi di tutto il mondo
«Proprio per questo – ha spiegato Rajendra Pachauri, presidente dell’IPCC, aprendo i lavori della 38esima sessione del panel Onu – il rapporto è rivolto a un audience di non addetti ai lavori e soprattutto ai decisori politici. Molto del materiale in esso contenuto potrà essere d’aiuto rispetto alla complessa discussione sulla pericolosa influenza antropogenica sui sistemi climatici, in vista dei futuri negoziati internazionali sul clima». È al mondo della politica, insomma, che i tecnici delle Nazioni Unite hanno inteso rivolgersi. Nella speranza di ottenere, finalmente, delle risposte concrete, dopo le conferenze di Copenaghen, Cancun e Durban, organizzate con l’intento di imporre un accordo internazionale vincolante, ma conclusesi senza grandi successi.

Lo studio è particolarmente corposo e dettagliato, frutto di un immenso lavoro: per completarlo sono state passate al vaglio ben 12 mila pubblicazioni scientifiche. L’obiettivo che, secondo l’IPCC, i governi di tutto il mondo dovrebbero prefissarsi è quello di contenere il riscaldamento
globale entro i 2°C in media, rispetto ai livelli pre-industriali. Ad oggi, il dato è già cresciuto di 0,8°C. E il trend indica che, se si dovesse continuare sulla falsariga degli ultimi decenni, si potrebbe arrivare a toccare i +4°C entro la fine del secolo. Il tutto aggravato da un fatto.
Ovvero che, come spiegato dal co-presidente del gruppo scientifico autore del rapporto, Vicente Barros, l’umanità «non è preparata ai rischi legati al cambiamento climatico».

Il prezzo del riscaldamento globale
Perfino il segretario di Stato americano, John Kerry, ha commentato l’uscita del rapporto parlando della necessità di adottare decisioni “rapide e coraggiose”. «Non possiamo permetterci il lusso di aspettare – ha aggiunto – perché il prezzo sarebbe catastrofico. Negare la scienza è un errore». Resta però il fatto che gli Usa, insieme alla Cina, sono tra i principali responsabili dell’inquinamento del Pianeta. E non sono di certo
loro a pagare per primi le conseguenze della distruzione dell’equilibrio ecologico globale: come sottolineato dallo stesso rapporto IPCC, a subire l’impatto maggiore, in particolare a causa delle conseguenze su cibo e acqua, sono al contrario i popoli che abitano nei Paesi poveri. Ovvero, paradossalmente, coloro che contribuiscono meno al cambiamento climatico.

Ma l’Onu ha avvisato i governi anche rispetto all’impatto economico che il riscaldamento globale provocherà. Benché gli esperti abbiano sottolineato come sia difficile produrre stime certe, è tuttavia evidente che il climate change «rallenterà la crescita e creerà delle nuove sacche di povertà». A causa della crescente malnutrizione, ma anche per via del rischio di conflitti violenti che potranno scatenarsi tra popoli e Stati
alla ricerca disperata dei mezzi di sussistenza. Ma attenzione: non sarà soltanto il Terzo mondo a subire le conseguenze del surriscaldamento dell’atmosfera. Se è evidente il fatto che in Africa l’accesso all’acqua diventerà un problema ancor più drammatico rispetto ad oggi – questione
che investirà in modo crescente anche l’America Latina – in Europa le ondate di caldo estremo si moltiplicheranno, così come le inondazioni. Queste ultime colpiranno anche l’Asia, fino a comportare esodi di massa delle popolazioni a rischio.

Allo stesso modo, in America del Nord si registreranno con frequenza sempre maggiore eventi estremi (in particolare siccità, inondazioni costiere e caldo eccezionale). Nessun luogo della Terra, insomma, sarà risparmiato. Eppure – ha concluso Chris Field, uno degli autori del rapporto
IPCC, parlando all’agenzia AFP – questi problemi «sarebbero risolvibili. Il vero punto è che non siamo abbastanza ambiziosi e determinati per farlo».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano) 30 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Antartico, in mille anni mai così a rischio 4 SET 2013 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
CO2: emissioni sottostimate in Cina 15 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA
A Portland il primo edificio a 'triplo zero' 4 SET 2012 ATTUALITà
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
Africa: gli speculatori all’attacco della terra 4 OTT 2011 ETICA
G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato 3 OTT 2011 ALIMENTAZIONE
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione