Alimentazione

Amaranto, una nuova risorsa per le famiglie argentine che vivono in povertà



fiori amaranto
Amaranto, una nuova risorsa per le famiglie argentine che vivono in povertà

Nel 2009 in Argentina, nella provincia di Salta, la Federazione Agraria Argentina (in partenariato con il Ministero degli Affari Esteri Italiano) ha dato il via al progetto “Kiwicha”, che in dialetto andino significa Amaranto. Con il sostegno delle autorità locali e delle famiglie della zona è stata così riproposta quest'antica coltura al fine di migliorare la dieta e quindi la salute dei bambini in una zona dove molte famiglie contadine vivono al di sotto della soglia di povertà e riescono a provvedere alla propria sussistenza soltanto grazie ai sussidi pubblici.

A cinque anni dall’inizio del progetto questa pianta è divenuta parte integrante dell’alimentazione dell’intera regione di Salta, tanto che il governo ha emanato un decreto definendo il progetto Kiwicha “prioritario per il paese”.

Il progetto avviato nella provincia di Salta, un’area delle Ande a Nord dell’Argentina, prevede la coltivazione di sei diverse varianti di Amaranto, per ottenere foglie e semi molto apprezzati nella cucina familiare. Per sviluppare questa “nuova” piantagione viene coinvolta tutta la popolazione dell’area, a partire dai bambini delle scuole. Sono coinvolte complessivamente 1.800 famiglie, 12 scuole e una cooperativa di produttori che gestisce la nuova fabbrica di trasformazione per realizzare barrette, pasta o pane.

Il progetto prevede inoltre attività di educazione e divulgazione sul valore nutritivo della pianta nonché lo sviluppo di nuovi utilizzi dell'Amaranto. Proprio in virtù di questo aspetto educativo, il progetto “Kiwicha”
ha il primo premio come miglior progetto scolastico.

L’Amaranto ha risorse nutritive molto spesso non conosciute: è ricco di proteine e ha un elevato contenuto di calcio e fosforo. Grazie alla mancanza di glutine, è anche un prodotto ideale per la dieta di persone celiache e diabetiche.

Questa pianta è adattabile a diversi tipi di terreni e di clima; ciò rende l’iniziativa replicabile in altre nazioni con situazioni climatiche differenti da quelle dell’area di Salta.

La diffusione di questa nuova coltivazione, inoltre, ha diminuito l’impatto ambientale rispetto a piantagioni di tabacco e canna da zucchero, che sono altamente inquinanti sia per l’utilizzo di pesticidi sia per la produzione di scarti che inquinano le acque.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: nel sangue dei 14enni valori 30 volte superiori la media 24 FEB 2017 SALUTE
Gastroscopie e colonscopie: 500 mila esami inutili ogni anno 22 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bevi troppo alcol? Ecco cosa rischi 22 FEB 2017 SALUTE
La dieta mediterranea combatte anche la depressione 22 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Disabile dopo il vaccino: un'altra famiglia chiede giustizia 22 FEB 2017 VACCINAZIONI
Mal di schiena? Niente farmaci, spazio a yoga e tai chi 20 FEB 2017 SALUTE
Le malattie croniche nel 2020 saranno l'80% delle patologie 20 FEB 2017 SALUTE
Vaccini: per il 20% degli italiani non sono sicuri 17 FEB 2017 VACCINAZIONI
Omeopatia. Antonella Ronchi (Presidente Fiamo) risponde a Ricciardi 16 FEB 2017 OMEOPATIA
Omeopatia: dal sen. Romani proposta raccolta di firme per legge ad hoc 15 FEB 2017 OMEOPATIA
Obbligo vaccinale "atto illegittimo": il Codacons diffida la Regione Lazio 15 FEB 2017 VACCINAZIONI
Cereali integrali: sai perché aiutano a dimagrire? 13 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Arriva la mutua per cani e gatti 13 FEB 2017 ANIMALI
4 Marzo 2017 – Convegno “La gemmoterapia nelle patologie primaverili” 13 FEB 2017 CONVEGNI
Meningite: la Procura della Repubblica apre un'indagine per procurato allarme 13 FEB 2017 VACCINAZIONI
Il Consiglio di Stato francese obbliga il Ministero della Salute a rendere disponibili entro 6 mesi i 3 vaccini obbligatori 10 FEB 2017 VACCINAZIONI
A Roma la presentazione del calendario Cemon 2017 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Medicine non convenzionali: la scelta di quasi 13 milioni di italiani 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Aspirina: ritirati dal mercato alcuni lotti 10 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: ecco come puoi evitarlo 8 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Lo smog espone i bambini a danni neurologici 8 FEB 2017 INFANZIA
Vino e olio: ecco come conservarli al meglio 6 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Colazione, sai perché non devi saltarla? 3 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Mal di schiena? I farmaci antinfiammatori non aiutano 3 FEB 2017 SALUTE
Come prevenire la metà dei tumori 3 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione