Medicina preventiva

Alzheimer: mangiare il pesce ne riduce il rischio



alzheimer
Alzheimer: mangiare il pesce ne riduce il rischio

Le persone che mangiano pesce al forno o alla griglia almeno una volta alla settimana hanno meno probabilità di sviluppare forme lievi di decadimento cognitivo (MCI) e il morbo di Alzheimer

A sostenerlo è uno studio presentato al meeting annuale della Radiological Society of North America ( RSNA). Si tratta del “primo studio a stabilire una relazione diretta tra consumo di pesce, struttura del cervello e il rischio di Alzheimer”, come ha spiegato Cyrus Raji, docente presso il Medical Center dell'Universita' di Pittsburgh. 

“I risultati hanno mostrato che le persone che consumavano pesce al forno o alla griglia almeno una volta alla settimana avevano una migliore conservazione del volume di materia grigia alla risonanza magnetica del cervello nelle aree a rischio per la malattia di Alzheimer”. 

La Malattia di Alzheimer è una malattia progressiva che distrugge lentamente la memoria e le abilità cognitive. 

Le informazioni sul consumo di pesce sono stati raccolte utilizzando il questionario sulla frequenza alimentare redatto dal National Cancer Institute. Ogni paziente è stato sottoposto a una risonanza magnetica del cervello in volumetria 3-D. La morfometria, una tecnica di mappatura del cervello che misura il volume di materia grigia, è stata  utilizzata anche per modellare il rapporto tra il consumo settimanale di pesce al basale e alla struttura del cervello a distanza di dieci anni. I dati sono stati poi analizzati per determinare la conservazione del volume della materia grigia e capire se il consumo di pesce riduce il rischio per la malattia di Alzheimer. 

Lo studio ha seguito i criteri di controllo per età, sesso, istruzione, razza, obesita', attivita' fisica, e la presenza o assenza di apolipoproteina E4 (ApoE4), un gene che aumenta il rischio di sviluppare Alzheimer. Il volume della materia grigia e' fondamentale per la salute del cervello: quando e' piu' elevato, migliora la salute del cervello. I risultati hanno mostrato che il consumo di pesce al forno o alla griglia su base settimanale era positivamente associata a volumi di materia grigia in diverse aree del cervello.

“Il consumo di pesce al forno o alla griglia promuove le connessioni tra neuroni nella materia grigia del cervello, rendendoli più grandi e più sani”, ha affermato Raji. “Questa scelta di vita semplice, aumenta la resistenza del cervello al morbo di Alzheimer”. 

I risultati hanno anche dimostrato un aumento dei livelli di cognizione nelle persone che mangiavano pesce al forno o alla griglia. “Memoria di lavoro, che permette alle persone di concentrarsi sulle attivita' e impegnarsi informazioni per memoria a breve termine, e' uno dei domini piu' importanti cognitivi” ha detto il Dott. Raji. 

“La memoria di lavoro viene distrutto dal morbo di Alzheimer. Abbiamo trovato elevati livelli di memoria di lavoro a persone che hanno mangiato pesce al forno o alla griglia su base settimanale, anche quando rappresentano altri fattori, come l'attivita' di istruzione, eta', genere e fisica”. Mangiare pesce fritto, d'altra parte, non ha mostrato di aumentare il volume del cervello o la protezione contro il declino cognitivo.

Secondo il National Institute on Aging, più di cinque milioni di americani soffrono di Alzheimer.




Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Tribunale di Ivrea: l'uso scorretto del cellulare causa di tumore 21 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini gonfiati per intascare i bonus: Procura di Trieste indaga per falso e truffa 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, caso Report. Garattini: “Serve trasparenza” 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Ictus: ecco come l'attività fisica influisce sulla qualità della vita 14 APR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi uccidono 200.000 persone ogni anno 13 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: il magnesio protegge dalle fratture 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Avocado, sai perché fa bene? 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini: Demicheli lascia la sanità piemontese 13 APR 2017 VACCINAZIONI
Il Dr. Roberto Gava invia una segnalazione alla Commissione Centrale dei Medici 12 APR 2017 VACCINAZIONI
Grecia: Novartis avrebbe corrotto migliaia di persone 10 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Depressione in aumento: “la malattia più invalidante al mondo” 7 APR 2017 SALUTE
Vuoi dormire bene? Ecco cosa mangiare a cena 7 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol fuori pasto: consumo in crescita 7 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori: il Tar dell'Emilia Romagna chiede chiarezza al Ministero della Salute 5 APR 2017 VACCINAZIONI
Alzheimer: scoperta l'origine della “malattia del secolo” 5 APR 2017 SALUTE
“Vaccini? Deve esserci una scelta”. Le voci della manifestazione nazionale 3 APR 2017 VACCINAZIONI
Gravidanza: in Italia troppi cesarei e controlli inutili 3 APR 2017 SALUTE
Così gli allevamenti intensivi distruggono la biodiversità 3 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Autismo: diagnosi solo per 1 bambino su 2 3 APR 2017 AUTISMO
La vitamina D previene raffreddore e influenza 31 MAR 2017 SALUTE
Bambini esposti al piombo: quali effetti sul cervello? 31 MAR 2017 INFANZIA
Banche del latte: al via una nuova tecnica per preservarlo 31 MAR 2017 INFANZIA
Sai perché lo sport fa bene alla salute? 31 MAR 2017 SALUTE
Il Regno Unito verso una tassa sulle bevande zuccherate 29 MAR 2017 SALUTE
Qual è la migliore cura dopo un infarto o ictus? 29 MAR 2017 SALUTE
Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Italia, il Paese più sano al mondo 27 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione