Salute

Allattamento al seno: maggiore diffusione salverebbe 800 mila bambini


CATEGORIE: Salute , Infanzia

allattamento seno
Allattamento al seno: maggiore diffusione salverebbe 800 mila bambini

Oltre 800 mila morti tra i bambini di tutto il mondo, una cifra pari al 13% del totale dei piccoli al di sotto dei 5 anni, potrebbero essere prevenute grazie a una maggiore diffusione dell'allattamento materno. Inoltre, la metà dei casi mondiali di dissenteria e circa un terzo delle infezioni respiratorie potrebbero essere evitati dall'incremento di questa pratica. Sono alcune delle conclusioni emerse dalla ricerca 'Breastfeeding Series', pubblicata sulla rivista 'Lancet'e presentata oggi dall'Organizzazione mondiale della sanità a Washington D.C.

Lo studio rientra nella Strategia globale per la salute delle donne, bambini e adolescenti presentata a settembre dall'Oms all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Periodi di allattamento più prolungati migliorano la salute materna, aumentano la distanza fra una gravidanza e l'altra e salvano milioni di vite ogni anno grazie alla riduzione del rischio di cancro al seno e alle ovaie: per ciascun anno di allattamento, infatti, una donna diminuisce del 6% la possibilità di contrarre cancro al seno e avrebbe benefici anche contro il rischio di tumore alle ovaie.

Ogni anno 20 mila casi di cancro al seno sono prevenuti grazie all'allattamento materno. Se questo venisse migliorato, sarebbe possibile prevenire ulteriori 20 mila casi ogni anno.


"Gli studi - commenta Flavia Bustreo vice direttore generale, Salute della famiglia, delle donne e dei bambini dell'Oms - dimostrano che l'allattamento materno del bambino ha un impatto favorevole sulla sua crescita psichica e mentale nell'età adulta. Per questo motivo dovrebbe essere esclusivo per i primi 6 mesi di vita del bambino e proseguito, attraverso una dieta integrata con altri cibi, fino al compimento dei primi 2 anni. I benefici per la salute sono significativi, sia nei Paesi ricchi che in quelli poveri, a cui si aggiungono gli effetti positivi economici attraverso la riduzione dei costi per i sistemi sanitari e quelli associati a unmaggiore Qi. Ma le ripercussioni positive non riguardano solo la vita del bambino, ma anche quella della madre. La riduzione del rischio legato al cancro al seno e alle ovaie è notevole e potrebbe salvare milioni di donne nel mondo".

La ricerca evidenzia come migliori risultati ai test di intelligenza tra i bambini e gli adolescenti sono associati a un lungo allattamento materno, che favorisce un aumento del quoziente intellettivo fino a 3 punti.

Tuttavia, malgrado le evidenze scientifiche, alle donne di tutto il mondo manca il necessario supporto di cui hanno bisogno per allattare e hanno di fronte a sé numerose barriere. I principali ostacoli derivano dal limitato o non esistente periodo di maternità concesso alle neo mamme.

Secondo lo studio, infatti, un periodo di maternità troppo breve (fino a 6 settimane) impedisce l'allattamento materno, oppure lo interrompe troppo presto. In generale, a minacciare il corretto allattamento materno è la carenza di sistemi di supporto tra la famiglia e la comunità, nonché tradizioni e sistemi culturali che non supportano la pratica.

Un'altra minaccia all'allattamento materno è costituita dal marketing aggressivo dei prodotti sostitutivi del latte, come quello formulato per i neonati, adottato dalle aziende e dai distributori. Secondo le conclusioni dello studio, l'influenza dell'industria dei prodotti sostitutivi del latte materno è in crescita.

"Per raggiungere gli obiettivi previsti - continua Bustreo - è necessario che ogni Paese introduca interventi nel sistema di educazione e nei servizi per la salute. Ma soprattutto che favorisca politiche di protezione alla maternità, spazi protetti e dedicati all’allattamento anche nei posti di lavoro e politiche di regolamentazione dei prodotti sostitutivi del latte materno".

L'allattamento materno è uno dei pochi comportamenti positivi per la salute più diffuso nei Paesi poveri che in quelli ricchi e nei Paesi poveri è maggiore il numero delle donne che si affida a questa pratica. In assenza dell'allattamento materno, il gap tra Paesi ricchi e quelli poveri relativo alla sopravvivenza dei bambini sarebbe ancora più alto.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Allattamento Naturale  Regina Sara Ryan Deborah Auletta  Macro Edizioni

Allattamento Naturale

Il miglior regalo che puoi fare al tuo bambino e a te stessa

Regina Sara Ryan, Deborah Auletta

Allattamento Naturale è un viaggio illustrato attraverso le meraviglie dell'allattamento naturale al seno e gli innumerevoli vantaggi e benefici per la salute fisica e psicologica dei bambini e delle loro mamme. Allattare al seno è una delle decisioni più significative nella vita sociale e personale di una donna. Questa… Continua »
Pagine: 64, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
5,88 € 9,80 € (-40%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Continua la corsa del biologico 21 FEB 2018 ALIMENTAZIONE
Chemioterapia: causa di morte per 1 malato di cancro su 3 21 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Autoironia: ecco il segreto della felicità! 21 FEB 2018 SALUTE
Infertilità maschile: l’inquinamento è la prima causa 21 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Troppa medicalizzazione nei parti. Oms: “si aiutino le donne a partorire naturalmente” 19 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini ai militari: le conclusioni della Commissione d’inchiesta sull’uranio 19 FEB 2018 VACCINAZIONI
Smog: emergenza sanitaria in Lazio 19 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Bambini non vaccinati: a Cuneo presentati 13 ricorsi 16 FEB 2018 VACCINAZIONI
Attività fisica: insufficiente per 8 ragazzi su 10 14 FEB 2018 SALUTE
Vaccini: a Bolzano niente multe dopo la scadenza 14 FEB 2018 VACCINAZIONI
Vaccini e conflitto di interessi: il Tribunale di Roma dà ragione al Codacons 12 FEB 2018 VACCINAZIONI
Antinfiammatori: il 15% di chi li assume supera le dosi massime 12 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ictus e infarto: l’emicrania è un importante fattore di rischio 9 FEB 2018 SALUTE
Trasporti marittimi: le emissioni causano 400.000 morti premature 9 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ibuprofene e paracetamolo: gli effetti psicologici degli antidolorifici 7 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Il potere antinfiammatorio della curcuma contro demenza e depressione 7 FEB 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Tumori: malattie croniche responsabili del 20% dei nuovi casi 5 FEB 2018 SALUTE
Una corsia preferenziale in ospedale per le donne vittime di violenza 2 FEB 2018 SALUTE
Quasi tre milioni di italiani soffrono di depressione 31 GEN 2018 SALUTE
Tribunale di Milano: se i figli sono immuni il genitore può opporsi alle vaccinazioni 31 GEN 2018 VACCINAZIONI
Roma: “restino a scuola i bambini non vaccinati” 31 GEN 2018 VACCINAZIONI
Dieselgate: “cavie umane per testare i gas di scarico” 29 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aiutano a smettere di fumare? 26 GEN 2018 SALUTE
Gravidanza: i farmaci per la tiroide aumentano il rischio di malformazioni del bambino 26 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Salerno: vaccino scaduto ad un bimbo di 8 mesi 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini obbligatori in Francia: dov’è finita la “libertè”? 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini, Travaglio: “Che ho detto di scandaloso?” 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Etichette alimentari e allergeni: le nuove direttive Ue 19 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Disturbi del sonno? Un “trucco” per addormentarsi 17 GEN 2018 SALUTE
Bisfenolo A: Ue impone limiti più stringenti 15 GEN 2018 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione