Vaccinazioni

Allarmismo sui vaccini e silenzio sull'aria killer

Fonte: Repubblica.it



inquinamento aria
'Non si parla d'altro che di vaccini, come se fossimo in presenza di un disastro nazionale, mentre non si guarda alle stragi che avvengono nel nostro Paese'

I vaccini sono diventati da alcuni mesi un'emergenza nazionale. Ministero, istituzioni sanitarie, ordini professionali, Regioni, con il supporto di larga parte dei mass media, hanno trasformato un problema esistente in uno psicodramma collettivo, creando un eccessivo allarme tra la popolazione. Perché il calo delle vaccinazioni non è catastrofico, e i casi di meningite - che giustamente fa paura - sono nella norma, anzi al di sotto rispetto allo scorso anno, tanto che nelle passate settimane è dovuto intervenire l'Istituto superiore di sanità per dire che non c'era alcun rischio epidemico.

Intanto non si parla d'altro che di vaccini, come se fossimo in presenza di un disastro nazionale, mentre non si guarda alle stragi che avvengono nel nostro Paese - ogni anno e da anni - nell'indifferenza della politica, della amministrazioni pubbliche, dei "santuari" della sanità che si limitano a segnalare, senza calcare la mano (come invece hanno fatto e fanno sulle vaccinazioni). Anche in questo doppiopesismo c'è una responsabilità dei media, più attenti alle sirene del potere che ai problemi della collettività.

Di che sto parlando? Dell'ecatombe provocata in Italia - come in altri paesi - dall'inquinamento atmosferico: secondo l'Agenzia europea per l'ambiente le emissioni nocive hanno ucciso nel 2013 oltre 66 mila italiani (in Europa oltre 400 mila persone). In pratica ogni giorno 200 persone muoiono a causa di un'aria pessima. Ma queste persone avrebbero potuto vivere di più. Infatti l'Organizzazione mondiale della sanità ha associato l'alta concentrazione di polveri sottili alle morti premature, sollecitando le istituzioni pubbliche a correre ai ripari, affinché adottino tutte le misure necessarie per ridurre l'inquinamento atmosferico. Cosa che non sta facendo l'Italia: il nostro è uno dei paesi dove le norme sulla qualità dell'aria non vengono rispettate e per questa ragione rischia adesso pesanti sanzioni da parte della Ue.

Eppure siamo in uno "stato di guerra ambientale" che annienta decine di migliaia di vite. Ma non se ne parla. Non sono in grado di fare il confronto tra il numero di interviste e di comunicati e di convegni dedicati ai vaccini con quelli relativi all'aria avvelenata. Ma anche se fossimo in un rapporto di dieci (sui vaccini) a uno (sull'inquinamento), possiamo essere certi invece che il rapporto sul numero dei morti non vaccinati è di uno a migliaia (da polveri sottili).

Tra l'altro si è scritto spesso nelle ultime settimane - in particolare dopo il caso Nola - del sovraffollamento dei Pronto soccorso. Si dimentica però che l'aria inquinata sta trasformando un esercito di italiani in malati cronici che nei periodi di smog alto - come dicono medici e infermieri - stanno peggio e intasano Ps e ambulatori in seguito ad attacchi d'asma, malattie respiratorie, reazioni allergiche. Tralascio i dati che riguardano le minori aspettative di vita sulle singole città però se stessi a Torino sarei ancora più preoccupato, visto che lo smog riduce l'aspettativa di vita di 22 mesi.

Allora, questa è o no un'emergenza pubblica vera? I dati sono o no da allerta per la nostra salute? Non credo ci siano dubbi sulla risposta. Però le istituzioni sanitarie, il ministro, le Regioni, l'Ordine dei medici, anche in questo caso fanno come le solite tre scimmiette. Anzi no, perché una delle tre vede. Ma solo quello che vuole. E che può controllare e utilizzare. Come i vaccini. Mentre l'aria killer continua fare una strage di italiani ogni giorno.

E se qualcuno pensa che sia una questione da ministero dell'Ambiente, sbaglia di grosso, perché questo dicastero può e deve intervenire - magari con maggiore energia - sui cambiamenti climatici e spingere di più insieme a Regioni ed Enti locali affinché l'inquinamento da traffico venga ridotto drasticamente (il 40 per cento del biossido di azoto presente nell'atmosfera è determinato dalle auto in circolazione), ma essendo lo smog il primo e più grande pericolo per il benessere della collettività, è sconcertante l'indifferenza, o la sottovalutazione, da parte della sanità nel suo complesso.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Vaccini: si o no?  Stefano Montanari Antonietta M. Gatti  Macro Edizioni

Vaccini: si o no?

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini

Stefano Montanari, Antonietta M. Gatti

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali, nazionali e locali, dalle radio, dalla televisione e… Continua »
Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
6,72 € 7,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI
Se "l'immunità di gregge" diventa merce di scambio 28 AGO 2017 VACCINAZIONI
La guerra sui vaccini ha scavato un grande solco 18 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le vaccinazioni e la salute, la politica e la protesta 24 LUG 2017 VACCINAZIONI
L'anti-morbillo obbligatorio non riguarda solo i bambini 17 LUG 2017 VACCINAZIONI
Sulla salute dei cittadini la fiducia va conquistata 12 LUG 2017 VACCINAZIONI
Vaccinarsi non è un decreto 10 LUG 2017 VACCINAZIONI
Criminalizzata una famiglia per far vincere un decreto 26 GIU 2017 VACCINAZIONI
Una legge della sinistra opposta al decreto-vaccini 14 GIU 2017 VACCINAZIONI
Avanti tutta sui vaccini mentre la sanità perde colpi 8 GIU 2017 VACCINAZIONI
Il dovere di ascoltare chi chiede "vaccini liberi" 5 GIU 2017 VACCINAZIONI
A proposito di vaccini qualche altro chiarimento 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
La vaccinazione classista 19 MAG 2017 VACCINAZIONI
Sulle punizioni ai medici due pesi e due misure 19 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Sui vaccini una guerra più politica che sanitaria 12 MAG 2017 VACCINAZIONI
Quando anche i "luminari" si fanno corrompere 9 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Circolano tante bufale sul vaccino anti morbillo 3 MAG 2017 VACCINAZIONI
Una radiazione politica contro "scienza e coscienza" 24 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Ma i giornalisti romani si schierano con Report 21 APR 2017 VACCINAZIONI
Chi tocca i fili dei vaccini può restare fulminato 18 APR 2017 VACCINAZIONI
Tra contrari e favorevoli quante bufale sui vaccini 14 APR 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione