Omeopatia

Omeopatia. Alcune Conferenze di Kent... cent'anni dopo

Fonte: Fiamo


CATEGORIE: Omeopatia , Recensioni

kent
'Era pura follia per Kent ricercare la causa materiale di un disordine che non era altro che spirituale. Partire dalla fine per arrivare all'inizio era completamente sbagliato'

Si può comprendere il pensiero di Kent senza conoscere per nulla Emmanuel Swedenborg? Questo è sempre stato uno dei temi più discussi tra gli omeopati.

Spesso la conclusione di tali discussioni portava alla considerazione che Kent rimane una delle vette del pensiero omeopatico di tutti i tempi anche se condizionato dalla filosofia e dalla impostazione di Swedenborg tuttavia senza mai approfondire le ragioni di tale stretta corrispondenza. Uno dei pregi del testo appena uscito per Salus Infirmorum che riadatta in termini moderni le conferenze omeopatiche di Kent è proprio il tentativo di rispondere in modo più approfondito alla domanda iniziale. Tra i testi fondamentali dell'omeopatia occupano un posto di primo piano le Lezioni di Filosofia Omeopatica di Kent, che derivano dalle conferenze tenute dal maestro di omeopatia oltre un secolo fa. La Societè Hahnemannienne de Normandie ha ricostruito e riadattato con il linguaggio attuale le conferenze originali di Kent cercando di rendere più fruibile il messaggio del testo.

Nella introduzione al testo da parte del dottor Jean Jaques Veillard vi è una ampia descrizione delle radici culturali di Kent per apprezzare meglio il significato delle conferenze stesse. Partendo da Hahnemann e dal vitalismo egli affronta poi il tema della religiosità di Kent e di come la figura di Swedenborg potesse condizionare il suo pensiero. Nello sforzo di modernizzare l'omeopatia e di rendere una veste scientifica e moderna purtroppo sono state sempre più dimenticate e messe in secondo piano le radici culturali da cui originano e sono alimentate le conoscenze e le possibilità terapeutiche della omeopatia. La conquista di una credibilità scientifica non deve troncare, però, le radici del pensiero omeopatico, correndo il rischio di far crollare tutto l'albero da cui originano i frutti delle guarigioni che si verificano sotto i nostri occhi riguardo ai pazienti che si curano con l'omeopatia.

L'omeopatia non è e non sarà mai una medicina come le altre. Sebbene al giorno d'oggi ci sia chi mette in dubbio perfino la esistenza stessa della omeopatia per affermare una logica esclusivamente commerciale, la rincorsa alla validazione delle autorità non deve arrivare a cancellare e a ridicolizzare la storia e le radici culturali omeopatiche pena il rischio di banalizzare e rendere impossibile il compito del medico che viene descritto dal'incipit dell'Organon di Hahnemann: compito unico e altissimo del medico è render sani gli uomini malati, ciò che si dice guarire.

E' dunque fondamentale soprattutto da parte delle nuove generazioni di omeopati riscoprire e portare nuova linfa al messaggio dei grandi omeopati. La rilettura delle conferenze di Kent filtrate attraverso una maggiore comprensione delle sue radici culturali ne permette un approfondimento che ne fa apprezzare a pieno la grandezza del suo pensiero di medico e di uomo. Per questo il lavoro di Veillard e collaboratori è molto apprezzabile.

Sebbene l'omeopata francese arrivi ad una semplificazione forse eccessiva e ad una separazione che non ha alcuna ragione di essere tra il pensiero e la tecnica di Kent, tuttavia l'introduzione ha il pregio di affrontare con cognizione di causa il rapporto tra Kent e Swedenborg.

Il grande svedese vissuto a cavallo tra il 1600 e il 1700 è stato un ricercatore eccezionale, conoscitore di 12 lingue, si applicava a moltissime discipline ed è stato uno dei più grandi scienziati della sua epoca. Era celebre in tutta Europa ed anche Emmanuel Kant aveva stima e scrisse un libro sulla sua figura.

Partendo da una concezione materialista e scientifica ha raggiunto nella seconda parte della sua vita le vette della spiritualità. Tutto il movimento religioso che portò alla nascita delle chiese swedenborghiane, di cui Kent era un seguace, ebbe origine dopo la sua morte e Swedenborg non ebbe alcun vantaggio economico dalla sua attività. Nel corso della sua vita l'obiettivo principale di Swedenborg fù sempre la ricerca della verità ovunque questa ricerca lo potesse condurre. Dopo essere stato uno dei più grandi ricercatori scientifici del tempo, inventore di strumenti e macchine dai molti usi e dimostrando sin dall'inizio una grande versatilità scrivendo in latino, come anche Hahnemann era solito fare nei suoi primi scritti, divenne uno dei più grandi mistici di tutti i tempi con capacità eccezionali.

La sua visione del mondo spirituale incise profondamente nella religiosità americana del secolo successivo. E' indubbio che molte delle frasi più celebri di Kent siano profondamente intrise della sua sensibilità e visione del mondo. Secondo Swedenborg il mondo naturale e quello spirituale sono strettamente correlati ed il primo non è che il riflesso del secondo attraverso la legge delle corrispondenze.

Si comprende allora come Kent vedesse della Psora la origine spirituale e immateriale, ben lontana dalla visione microbiologica elaborata da alcuni omeopati del pensiero di Hahnemann.

Era pura follia per Kent ricercare la causa materiale di un disordine che non era altro che spirituale. Partire dalla fine per arrivare all'inizio era completamente sbagliato. Proprio attraverso Swedenborg Kent era riuscito a cogliere le cause iniziali immateriali e spirituali, che Hahnemann aveva indicato nel Trattato delle Malattie Croniche, e a descriverle mirabilmente nelle sue conferenze sulla filosofia omeopatica.

L'omeopatia ha le sue radici e fondamenta in questi testi ed è impossibile separare il pensiero di Kent, al quale dobbiamo tanto come omeopati, da queste basi. In ogni caso nelle conferenze di Kent molte delle sue espressioni si possono apprezzare a pieno solo attraverso Swedenborg e la sua visione del mondo immateriale. Sebbene la mentalità scientifica più materialistica allontani sempre di più dalla filosofia omeopatica, i concetti di guarigione e di malattia debbono necessariamente passare attraverso una visione più ampia che comprenda necessariamente la componente spirituale più profonda.

Le due cose non sono per nulla in contrasto ma la materia e lo spirito sono strettamente collegate dalla legge delle corrispondenze che Swedenborg aveva illustrato mirabilmente descrivendo una verità immutabile presente anche in popoli di antichissime origini. Avendo un origine spirituale e metafisica le leggi di Swedenborg sono alla base di tutte le espressioni più caratteristiche di Kent che spesso vengono citate nelle lezioni di omeopatia. La stessa similitudine, principio di tutta la omeopatia ha nella legge delle affinità di Swedenborg una strettissima correlazione. Anche il significato delle diluizioni ascendenti di Kent potevano avere nella spiritualità di Swedenborg un significato ben più profondo.

Per ritornare alla domanda di partenza ci sembra che in effetti il pensiero di Kent non possa essere compreso appieno in tutte le sue sfaccettature e complessità se non attraverso Swedenborg.

Se consideriamo Kent una delle vette della omeopatia non possiamo ignorare del tutto la profonda influenza che su di lui ebbe il mistico svedese. Per questo il testo delle conferenze di recente pubblicato permette attraverso una ampia introduzione di collocare con precisione le basi da cui sorge la sensibilità di Kent consentendo di apprezzare a pieno la profondità dei suoi ragionamenti. Sebbene gli autori concludano che non si possa riprendere in pieno i concetti di Swedenborg per lo sforzo di modernizzazione della omeopatia, comunque rischiosa nella sua possibile eccessiva semplificazione, tuttavia proprio per il recupero e la valorizzazione delle basi più importanti e profonde della omeopatia stessa non ci sembra possibile né, in fin dei conti nemmeno utile, trascurare una così importante visione del mondo.

Se le leggi della omeopatia sono immutabili ed eterne, allora le vette del pensiero omeopatico di tutti i tempi non possono essere trascurate o tanto meno banalizzate, asserendo che possano avere solo un interesse storico. La guarigione di un paziente si verifica sempre prima di tutto sul piano immateriale con tutto ciò che questo comporta. Come omeopati dovremmo sempre tenerne conto.

--> Leggi 'Alcune Conferenze di Kent... cent'anni dopo'



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Alcune conferenze di Kent... cent'anni dopo  James Tyler Kent Societé Hahnemanienne de Normandie  Salus Infirmorum

Alcune conferenze di Kent... cent'anni dopo

Un gruppo di omeopati ha ricostruito alcune conferenze tenute da Kent cent'anni fa e ha cercato di adattare al linguaggio attuale il nucleo del suo insegnamento

James Tyler Kent, Societé Hahnemanienne de Normandie

Le Conferenze di Kent sono una delle opere basilari dell’Omeopatia e ne costituiscono una pietra miliare. Contengono, infatti, degli elementi chiave a cui ci dobbiamo continuamente riferire quando visitiamo un paziente. L'opera originale del medico americano James Tyler Kent sviluppa e commenta i paragrafi più difficili… Continua »
Pagine: 176, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
11,82 € 13,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Nunzio Chiaramida

Il ritorno alla chiarezza di Ruta graveolens 27 GIU 2016 OMEOPATIA
“Prisma”, ciò che non conosciamo delle Materia Medica Omeopatica 18 MAG 2016 OMEOPATIA
Veratrum album in Medicina Omeopatica 4 DIC 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Sintomi fisici e mentali in Platinum 24 NOV 2015 OMEOPATIA
Lezioni di Omeopatia Classica (Recensione) 11 NOV 2015 RECENSIONI
Thuja occidentalis in clinica omeopatica 10 NOV 2015 OMEOPATIA
Lo spirito libero di Tubercolinum 2 GIU 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Malattia cronica di Ghatak 1 GIU 2015 RECENSIONI
Biblioteca Elettronica di Medicina Naturale 2014 1 GIU 2015 RECENSIONI
L’Omeopatia nel reflusso gastroesofageo in età pediatrica 24 APR 2014 OMEOPATIA
L’amaro calice di Conium maculatum 21 MAR 2014 OMEOPATIA
L'Omeopatia nella cura dei Traumi del Parto 26 FEB 2014 RECENSIONI
Autismo. Oltre la disperazione l'Omeopatia ha la risposta 18 FEB 2014 RECENSIONI
Teucrium marum verum e l’assedio alle secrezioni bloccate 7 GEN 2014 OMEOPATIA
Il distacco dalla realtà di Helleborus niger 27 DIC 2013 OMEOPATIA
La Metodologia di Hahnemann 24 DIC 2013 OMEOPATIA
L’omeopatia nei disturbi del comportamento indotti dai farmaci - Un caso clinico 4 SET 2013 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Organon dell'arte del guarire 7 MAG 2013 OMEOPATIA
Materia medica omeopatica di Lathoud 20 MAR 2013 RECENSIONI
Le amare bacche di Laurocerasus 18 MAR 2013 OMEOPATIA
L’omeopatia in oncologia. Accompagnamento e cura del malato oncologico 31 GEN 2013 RECENSIONI
Scritti Minori. L’esperienza clinica di un autorevole Maestro di omeopatia 17 DIC 2012 RECENSIONI
L'omeopatia negli ambulatori degli ospedali spagnoli 27 MAG 2011 OMEOPATIA
L'omeopatia in India, storia di un successo 16 FEB 2011 OMEOPATIA
Granuli sotto esame. La ricerca in Omeopatia nelle pubblicazioni scientifiche 30 DIC 2010 OMEOPATIA
Scozia, Ospedale Omeopatico di Glasgow: l’isola che non c’è… in Italia! 15 OTT 2010 OMEOPATIA
L’importanza della clinica in Omeopatia - Intervista al Dr. Ioannis Konstantos 27 SET 2010 OMEOPATIA
Mister Sulphur e Dr. House 23 SET 2010 OMEOPATIA
Omeopatia Comparata di Gustavo Krichesky 7 GIU 2010 RECENSIONI
Gestione del simillimum omeopatico di Luc De Schepper 7 GIU 2010 RECENSIONI

Tutti gli articoli di Nunzio Chiaramida







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione