Denuncia sanitaria

Alcol: anche il consumo moderato aumenta il rischio di tumori


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

alcol
L’eccessivo consumo di bevande alcoliche non solo aumenta il rischio di vari tipi di tumore ma ne ritarda anche la diagnosi

Mammella, colon, esofago, fegato, testa-collo. Il consumo di alcol si associa ad un aumentato rischio di vari tipi di cancro. Il rischio aumenta con la durata e con la quantità del consumo ma per le donne basta superare la soglia di un drink al giorno per rischiare un tumore della mammella. Un rischio che persiste per circa 20 anni, una volta dismessa l’abitudine del bere. A lanciare l'allarme è l'ASCO (American Society of Clinical Oncology) che ha condotto una ricerca che ha coinvolto con interviste telefoniche oltre 4 mila americani, un campione rappresentativo della popolazione stelle e strisce.

Negli Usa un americano su 3 sviluppa ad un certo punto della vita un disturbo da abuso di alcol e il 70% della gente non riconosce nell’alcol un fattore di rischio per tumore, come emerge dalla National Cancer Opinion Survey commissionata dall’Asco alla Harris poll all’inizio dell’anno e pubblicata il 24 ottobre.

Nel suo position paper, pubblicato su Journal of Clinical Oncology, l'ASCO riconosce che un consumo anche solo moderato di alcol può causare il cancro.  “Limitare l’assunzione di alcol significa prevenire i tumori. La buona notizia è che, così come la gente si mette le creme solari per proteggersi dal rischio di tumori della pelle, allo stesso modo, limitare l’assunzione di alcol è un qualcosa che la gente può fare per ridurre il rischio di sviluppare un tumore”, afferma  Noelle K. LoConte, primo autore del documento e oncologa presso il Carbone Cancer Center dell’Università del Wisconsin.

L’eccessivo consumo di bevande alcoliche non solo aumenta il rischio di tumore ma ne ritarda anche la diagnosi e impatta in maniera negativa sull’esito del trattamento. Varie società scientifiche americane da tempo invitano i maschi a non superare due drink (1 drink corrisponde a 14 grammi di alcol) al giorno e le donne 1 drink al giorno; ma ancora meglio sarebbe non cominciare proprio a bere.

Una volta ingerito, l'alcol subisce una trasformazione enzimatica (mediata dall’alcol deidrogenasi) che lo trasforma in acetaldeide, un noto cancerogeno; i forti bevitori rischiano soprattutto di sviluppare tumori del distretto testa-collo e dell’esofago.

“Un’eccezione rimarchevole – continua la LoConte – è il tumore della mammella; il rischio di questo tumore aumenta anche con un solo drink al giorno". Pertanto le donne sono particolarmente vulnerabili, così come gli orientali portatori di una variante del gene dell’alcol deidrogenasi che li pone a maggior rischio. L’alcol può anche influenzare il livello degli ormoni sessuali, sia nel maschio che nella femmina e si ritiene che questo sia il meccanismo patogenetico alla base del cancro della mammella. Inoltre presenta bassi livelli di folati, altro noto fattore di rischio per il cancro del colon.

Oltre a registrare il problema, l'ASCO fornisce una serie di raccomandazioni circa l’implementazione di policy basate su evidenze che potrebbero aiutare a ridurre il consumo di alcol.

Tra le proposte dell'ASCO:
- ridurre il numero di negozi con licenza di vendere bevande alcoliche e di limitare i giorni e le ore di vendita al pubblico;
- aumentare le tasse e il prezzo degli alcolici;
- inasprire le leggi contro chi vende alcol ai minori;
- limitare l’esposizione dei giovani alle pubblicità di bevande alcoliche;
- includere misure di controllo del consumo di bevande alcoliche all’interno delle strategie oncologiche complessive;
- supportare tutti gli sforzi per eliminare il ‘pinkwashing’ (cioè gli atteggiamenti di marketing ammiccanti nei confronti delle donne) dal marketing delle bevande alcoliche (ad esempio lo sfruttamento del colore rosa, o l’uso dei fiocchi rosa, quello del mese della consapevolezza del cancro della mammella, per sottolineare l’impegno dei produttori di bevande alcoliche nel sostenere la ricerca sul cancro della mammella).



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Estratto di zafferano, una potenziale arma contro l'Alzheimer? 24 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cannella, un'arma contro l'obesità 24 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Lo sport favorisce anche la memoria 24 NOV 2017 SALUTE
Fertilità maschile: ecco i cibi alleati 22 NOV 2017 SALUTE
Milano: i bambini fanno il pieno di smog 22 NOV 2017 INFANZIA
Verde urbano e gite fuori porta: i benefici della natura 20 NOV 2017 SALUTE
Vivere con un cane allunga la vita 20 NOV 2017 SALUTE
La frutta secca col guscio protegge il cuore 17 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
I contraccettivi ormonali possono provocare l'ictus? 17 NOV 2017 SALUTE
Diabete in drammatico aumento nel mondo 17 NOV 2017 SALUTE
Antibiotici: l'Italia è il Paese con il maggior consumo 17 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dieta mediterranea: un'alleata contro il tumore al pancreas 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
L'agricoltura biologica potrebbe sfamare il mondo 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Glaucoma, lo sport fa bene anche alla vista 15 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smog: “il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistenza agli antibiotici: “è crisi globale” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Mal di schiena? Si combatte con l'esercizio fisico 13 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smartphone prima di dormire: ecco perché fa male ai bambini 13 NOV 2017 INFANZIA
Glifosato: i Paesi Ue dicono "no" al rinnovo dell'autorizzazione 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza: 1 mamma su 4 non perde il vizio del fumo 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Le patatine fritte sono cancerogene? 10 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Broccoli, una possibile cura per la degenerazione maculare 8 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici, Oms: stop a uso in animali d'allevamento 8 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di deficit di attenzione e iperattività nei bambini 6 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Un'alimentazione corretta può rallentare l'Alzheimer? 6 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi in frutta e verdura compromettono la fertilità 6 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Cuore: meno rischi con poco sale e più spezie 3 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Decine di pesticidi nelle acque dell'Emilia-Romagna 3 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Shiatsu, un rimedio contro l'emicrania 3 NOV 2017 SALUTE
Glifosato al voto Ue: ipotesi rinnovo di 5 anni 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione