Alimentazione

Agricoltura all’italiana

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Alimentazione

agricoltura

Trattori che invadono le città, mucche che pascolano davanti a Montecitorio, pastori che sfilano dietro agli striscioni sotto lo sguardo sbigottito dei turisti a Porto Rotondo.

L’estate appena trascorsa ha portato nelle case degli italiani le immagini del disagio di chi cerca di produrre e vivere in campagna, ma si trova schiacciato in un meccanismo che tende a favorire i grandi produttori e le catene distributive e che, tramite una politica di prezzi bassissimi, scarsa programmazione e speculazione, tende ad alimentare gli sprechi e a penalizzare i piccoli e i medio piccoli. E con loro, spesso, anche le produzioni di qualità.

Un paradosso se consideriamo che le aziende agricole italiane sono in media di 7,6 ettari e l’84% circa non ne occupa più di 10 (dati Istat).

Il sistema degli incentivi elargiti dall’Ue, seppur indispensabile secondo molti, non semplifica le cose e, soprattutto, favorisce i più grandi. «In Italia il 19% degli agricoltori percepisce l’88% del valore del cosiddetto pagamento unico aziendale (l’incentivo proveniente dalla Politica agricola comune dopo la riforma del 2003, ndr)», spiega Alessandro Corsi, docente di Economia e politica agraria all’Università di Torino. La ratio è sollecitare i contadini a restare nelle campagne, che altrimenti si spopolerebbero.

Negli ultimi anni il sistema di aiuti, legato un tempo alla produzione, fonte di distorsioni e di eccedenze, è stato cambiato e quelli che erano sussidi sono stati trasformati in diritto a ricevere un sussidio.

Buone intenzioni, ma la distorsione non è stata corretta del tutto. Perché, spiega Corsi: «Resta il peso del passato. Questo pagamento è stato concesso, infatti, sulla base di quello che gli agricoltori ricevevano in un periodo di riferimento precedente (2000-2002, ndr). Ed è emerso che la politica di sostegno all’agricoltura premiava i grandi produttori, che ancora oggi continuano a fare la parte del leone».

Pochi euro per chi coltiva

Non tutti i problemi arrivano dall’Europa. Quello che suscita le maggiori lamentele da parte degli agricoltori riguarda i prezzi: quelli pagati dalla distribuzione o dai trasformatori sono tenuti bassissimi. E i contadini, che non hanno la forza né il coordinamento per contrattare, si trovano costretti ad accettare condizioni da fame.

Secondo Coldiretti il 60% del valore medio finale dei prodotti agricoli finisce alla grande distribuzione, il 23% all’industria, mentre solo il 17% resta al produttore.
I rincari dall’origine al dettaglio, sempre secondo l’associazione, si aggirano mediamente intorno al 600%. Tutto a scapito del consumatore e del produttore.

Un esempio ancora più eclatante, contenuto in uno studio di Coldiretti del 2005, è quello dell’ortofrutta trasformata. Il prezzo al dettaglio di un barattolo di passata di pomodoro è composto per l’8,6% dal costo del pomodoro, il 91,4% sono i costi di filiera.
Nell’ultimo decennio più di 500 mila imprese, anche sotto il peso di costi insostenibili, sono state costrette a chiudere.

Lasciare i frutti per terra

Qualche caso limite dello scarso potere degli agricoltori lo racconta Fernando Di Chio, agronomo che lavora principalmente nel Tavoliere delle Puglie.

«Significativo quello dei pomodori - spiega - quest’anno molti agricoltori li stanno lasciando nei campi perché non hanno convenienza a raccoglierli. La filiera li paga 40 centesimi al quintale, mentre all’agricoltore produrli costa 70 centesimi. Questo è possibile anche a causa di un raggiro: l’industriale dice di non avere abbastanza camion per il trasporto, il prodotto resta a deperire e poi viene acquistato sottocosto, perché è già stato raccolto ed è sempre meglio perdere 30 centesimi che perderne settanta. In più siamo in vista della riforma dell’Ocm (Organizzazione comune di mercato) ortofrutta, per cui i contributi futuri saranno calcolati sulla base della produzione di questi due anni e in molti sono costretti a vendere sottocosto per avere le fatture».

«In questo senso dai dati Istat emerge un aspetto fondamentale - spiega Luca Falasconi, del dipartimento di Economia agraria dell’Università di Bologna - ovvero che nei campi italiani ogni anno rimane una percentuale di produzione agricola del 3,5-4%. Un valore piuttosto basso e che potrebbe sembrare fisiologico. Se poi però andiamo a vedere il valore assoluto e stringiamo questo focus solo sulle produzioni ortofrutticole fresche, scopriamo che nei campi rimane una quantità di produzione che è quasi pari a quella che gli italiani consumano». Stiamo parlando di 8,4 milioni di tonnellate fra ortofrutta fresca e surgelata consumata dalle famiglie, nel 2009, contro 7,6 milioni di tonnellate rimaste a marcire in campo. Ci si potrebbe sfamare un’altra nazione.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Federico Simonelli

Latte artificiale: pressioni (e crimini) di un mercato miliardario 7 SET 2010 INFANZIA
Paesi poveri, alla mercè dei piazzisti del farmaco 7 SET 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione