Etica

Africa: gli speculatori all’attacco della terra

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Etica , Attualità

africa-campi
Africa: gli speculatori all’attacco della terra

Un rapporto dell’Oakland Institute lancia una pesante accusa contro banche e fondi d’investimento: comprano terreni africani per speculare sul prezzo del cibo. Le colture vengono sostituite con campi di fiori da recidere o convertite a biocarburanti.

Se volete trovare risposta alla crescita dei prezzi dei beni alimentari dimenticate azioni, futures e strumenti finanziari derivati. In buona parte la ragione dell’impennata del costo dei cibo a livello globale (l’indice Fao è salito del 37% dall’inizio dell’anno) potrebbe essere stata determinata da qualcosa di molto più “concreto” - e preoccupante - che si è verificato negli ultimi anni. A spiegarlo è il think tank californiano Oakland Institute, che ha lanciato un duro atto d’accusa nei confronti dei “soliti noti”: i grandi finanzieri internazionali.

Sarebbe loro, infatti, la colpa della volatilità registrata nei prezzi alimentari negli ultimi mesi. A stupire, però, è il metodo utilizzato: una corsa smodata per aggiudicarsi ampi appezzamenti di terreni in Africa. Gli hedge funds e alcuni fondi pensione avrebbero in tal modo reso instabile la produzione agricola e, di conseguenza, i mercati.

«Le stesse compagnie finanziarie che hanno provocato la recessione globale, drogando la bolla sul real-estate attraverso operazioni ad alto rischio, ora si stanno comportando nello stesso modo con il cibo», ha spiegato Anuradha Mittal, direttore esecutivo dell’istituto americano. I dati, infatti, sembrano lasciare poco spazio alle interpretazioni: solamente nel 2009 - si legge in un rapporto pubblicato lo scorso giugno - 60 milioni di ettari (la stessa estensione di un Paese come la Francia) sono passati sotto il controllo di soggetti stranieri. Un vero e proprio boom: fino al 2008 non si era superata la cifra media di 4 milioni annui. “Si stima - prosegue il report - che affari di questo tipo stiano per essere presi in considerazione in almeno 20 Stati africani. Si tratta di business incredibili”.

Grandi affari per tutti
Nell’introduzione, firmata da Howard Buffett, presidente dell’omonima associazione umanitaria, si spiega quali siano i metodi utilizzati dai fondi speculativi, che spesso godono incredibilmente dell’appoggio convinto delle istituzioni internazionali. «Solo pochi mesi fa - racconta Buffet - mi è stato personalmente offerto di investire in un affare del genere da un hedge fund, che mi ha spiegato di avere raggiunto un accordo con il governo locale. Quest’ultimo avrebbe fornito il 70% dei finanziamenti necessari e accordato un affitto di 98 anni. Il costo? Irrisorio: 2,91 dollari per acro all’anno. Un altro fondo mi ha promesso invece rendimenti tra il 15 e il 20%. Mentre i terreni agricoli negli Stati Uniti hanno garantito il 6% negli ultimi trent’anni».

Nel “business” si sono gettati in molti. Anche alcune compagnie indiane e cinesi. La fetta più grande, però, è andata ai gruppi occidentali controllati da ricchi privati americani o europei. E, soprattutto, ai fondi d’investimento hedge, spesso legati a colossi bancari come JPMorgan o Goldman Sachs. Ma la portata del fenomeno risulterebbe talmente vasta da aver coinvolto, di fatto, perfino alcune grandi università statunitensi, come Harvard, Spelman o Vanderbilt, che, avendo investito ingenti capitali in fondi come l’inglese Emergent, sono diventati proprietari di parte dei terreni.

Comunità locali derubate o raggirate
Un comportamento “scandaloso”, secondo l’Oakland Institute. «È ora di uscire da questi fondi e di investire in modi che siano in grado di costruire delle comunità, anziché devastarle», ha aggiunto Anuradha Mittal. Anche perché la maggior parte di tali investimenti sarebbe stata effettuata con metodi del tutto opachi, senza tenere in considerazione le esigenze delle popolazioni locali, dell’ambiente e minando in alcuni casi la stessa stabilità politica dei Paesi. I nuovi proprietari, infatti, spesso rimpiazzano le colture tradizionali con distese di coltivazioni per biocarburanti o di fiori da recidere. Il che ha prodotto una netta riduzione dell’offerta alimentare, con tutto ciò che questo comporta a livello internazionale. Un meccanismo speculativo tanto elementare quanto privo di scrupoli.

Ma non è tutto: alcune autorità africane (in Etiopia, Mali, Sierra Leone, Mozambico, Tanzania, e Sudan) avrebbero anche negoziato le vendite in modo del tutto superficiale. “Vengono ingaggiati agenti o coordinatori per identificare le terre oggetto delle speculazioni”, spiega il rapporto. E nei casi in cui la trattativa ha visto protagonisti direttamente i capi delle tribù locali, i fondi avrebbero spesso “pagato” con false promesse di posti di lavoro e di progresso. Mentre quando vengono corrisposti in contanti, i prezzi sono risultati stracciati: affitti da 2 dollari l’anno per ettaro in Sierra Leone e da 6,75 dollari in Etiopia. Mentre in Brasile o in Argentina sono necessari almeno 5 o 6 mila dollari per quote equivalenti di terreno.

«Nessuno può credere che questi investitori abbiano a cuore l’Africa. Questi accordi servono solo per far accumulare dollari a leader corrotti e a finanzieri stranieri», ha tuonato Obang Metho, della campagna Solidarity Movement for New Ethiopia, in un’intervista rilasciata alla CNN. Da parte loro gli hedge negano tutto. EmVest Asset Management, ad esempio, ha dichiarato di non aver mai siglato alcun accordo sospetto: «Compriamo terreni solo in modo legale e onesto». Leciti o no, gli affari dunque si fanno. E i prezzi del cibo vanno alle stelle.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano) 30 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti? 17 DIC 2014 ATTUALITà
Antartico, in mille anni mai così a rischio 4 SET 2013 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
CO2: emissioni sottostimate in Cina 15 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA
A Portland il primo edificio a 'triplo zero' 4 SET 2012 ATTUALITà
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato 3 OTT 2011 ALIMENTAZIONE
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione