Denuncia sanitaria

L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

big pharma
La Pfizer ha raddoppiato la dose consigliata di una medicina anti-demenza per non perdere il brevetto e i relativi profitti

La Pfizer ha raddoppiato la dose consigliata di una medicina anti-demenza per non perdere il brevetto e i relativi profitti. Il tutto con l'avallo dell'Agenzia del farmaco Usa, nonostante gli effetti collaterali e i dubbi di molti neurologi

Nella roulette del casinò targato Big Pharma puntare sul numero 23 ha fruttato davvero un bel tesoretto alla Pfizer e alla Eisai. Non che i due colossi farmaceutici (statunitense il primo, giapponese il secondo) avessero disperato bisogno di denaro: Pfizer è la più grande società al mondo nella ricerca e produzione di farmaci, con i suoi 58 miliardi di dollari di fatturato (tanto per capirci: 13 miliardi in più del Pil della Tunisia). Ed Eisai si colloca comunque tra le prime 25 aziende del settore. Ma pecunia non olet e il motto vale ovunque.
Per cui, quando il brevetto di uno dei loro prodotti più redditizi stava per scadere, le due ditte hanno pensato a come tenere alla larga la concorrenza dei produttori di medicine generiche per qualche altro anno. Una soluzione a nove zeri (di fatturato), ottenuta però sulla pelle dei pazienti e minando la credibilità del sistema di controllo e prescrizione dei farmaci.

Una pillola campione d'incassi

La vicenda è questa. Ed è stata denunciata nelle settimane scorse dal prestigioso British Medical Journal. Il Donepezil (prodotto da Eisai e commercializzato da Pfizer con il nome di Aricept) è un autentico leader tra i trattamenti della demenza causata dall'Alzheimer: due miliardi di dollari di vendite, ogni anno e solo negli Stati Uniti. Dose raccomandata: 10 milligrammi. Almeno fino a quando il brevetto miliardario non è giunto quasi al capolinea. Un pericolo da scampare come la peste per i proprietari della molecola, terrorizzati dal crollo del prezzo del prodotto e dei margini di guadagno.

A quattro mesi dalla scadenza l'ideona: convincere la Food and Drug administration (l'agenzia del farmaco statunitense) ad approvare un nuovo (e curioso) dosaggio: 23 milligrammi. Tredici in più del precedente. Un numero primo, ma non un numero a caso: ventitré è, infatti, una quantità impossibile da ottenere ingerendo due pillole da dieci milligrammi o quattro da cinque. In questo modo il brevetto sarebbe stato salvo per altri tre anni.

La diga inesistente della Fda

Rimaneva da convincere la Food and Drug administration dell'effettiva utilità di raddoppiare il dosaggio consgliato. Una missione impossibile, almeno stando ai grafici della stessa Pfizer.

«L'impatto sulle funzioni globali è chiaramente identico tra i due dosaggi», spiega Guido Rodriguez, professore ordinario di Neurofisiopatologia all'università di Genova e uno dei massimi esperti italiani di Alzheimer. «Anche i vantaggi a livello cognitivo sono minimi, tanto che per misurarli è stata usata una scala che analizza condizioni già molto compromesse. Probabilmente era l'unica che mostrava una qualche differenza». Eppure dalla Fda il disco verde è arrivato.

La motivazione dice tutto: «Anche se lo studio non lo dimostra direttamente – scrive Russell Katz, direttore della divisione di neurologia della Fda – secondo me è forte la sensazione che il dosaggio da 23 mg ha molto probabilmente un effetto sul funzionamento complessivo. Credo che lo sponsor abbia dimostrato che il dosaggio di Aricept 23 è efficace. Pertanto approverò la commercializzazione».

Un via libera che giustifica sospetti. Tanto più che la Fda ha accettato anche un foglietto illustrativo secondo il quale il nuovo dosaggio avrebbe vantaggi “in entrambe le misure effettuate”. Un'affermazione palesemente falsa. Ma ci sono voluti diciotto mesi per modificarla. Nel frattempo il nuovo Aricept 23, grazie a una sapiente campagna informativa verso medici e pazienti, ha preso il largo: negli Usa viene rimborsato sia dallo Stato, sia dalle assicurazioni private e nei primi sei mesi di vendite ha fatto segnare 68 mila prescrizioni. Un boom ottenuto nonostante effetti collaterali tutt'altro che secondari: «L'Aricept porta con sé una selva di drammatici disturbi, che crescono all'aumentare della dose», denuncia Rodriguez. «Sono le analisi della stessa Pfizer ad ammetterlo»: quadruplicati i pazienti che segnalano nausea, triplicati i casi di vomito, raddoppiati quelli di diarrea e anoressia.

Farmaci anti-Alzheimer: «Soldi sprecati»

Ma non è solo la questione di dosaggio a suscitare lo sconcerto di molti esperti. Sotto accusa è più in generale l'uso della categoria di medicinali di cui il Donepezil fa parte. «Abbiamo sperato che fossero utili a migliorare la qualità di vita dei malati d'Alzheimer, ma abbiamo poi scoperto che i farmaci anticolinesterasici non servono quasi a nulla», confessa Rodriguez. «Sono utili solo al 50% delle persone affette da demenza e la ricerca ha dimostrato che il loro effetto è limitato a 6-8 mesi. Dopo, la malattia continua a progredire. Illudere i pazienti e i familiari è immorale».

Ed è anche un problema di costi. In Italia gli anticolinesterasici vengono somministrati gratis dalle unità di valutazione Alzheimer. «Ci sono poi neurologi senza scrupoli che non inviano i propri pazienti ai centri pubblici per non perdere le loro laute parcelle. Prescrivono loro stessi i farmaci che diventano un vero salasso per le famiglie».

30-40 mila euro è la cifra spesa in media per un familiare affetto da Alzheimer. «È il momento di chiederci se non sia meglio dare ai parenti dei malati i milioni spesi in medicine inutili», osserva Rodriguez. Un dubbio che si sono posti i vertici del Nice (National Institute for Health and Clinical Excellence), l'omologo britannico della Fda. L'agenzia inglese già da anni ha limitato l'uso degli anticolinesterasici a un piccolo numero di pazienti, raccomandando di non prescriverli ai malati con forme moderate di Alzheimer. Troppo basso il rapporto costi-benefici. Scelta mantenuta nonostante le enormi proteste delle associazioni di pazienti, sostenute da oltre cento parlamentari. «In Italia accadrebbe la stessa cosa», osserva Rodriguez. «Colpa di una mancanza di cultura medica e della cattiva informazione. Quando in un articolo si danno notizie scorrette, si alimentano false speranze. I media dovrebbero avere più coraggio. Solo così possiamo sperare di sconfiggere le lobby».


IL SENATO USA ACCUSA: 210 MILIONI PER ORIENTARE 13 ARTICOLI SCIENTIFICI

L'atto d'accusa fa tremare i polsi: aver orientato e manipolato il contenuto di tredici articoli scientifici. Prezzo per il lavoro: 210 milioni di dollari in diritti e compensi, accreditati sui conti correnti di esperti e consulenti. A puntare il dito è il Senato degli Stati Uniti d'America, che in un suo rapporto ha messo sotto inchiesta la Medtronic, un'azienda specializzata in apparecchiature medicali.

Oggetto dell'indagine è una proteina (nome in codice: InFuse) pensata per stimolare la crescita delle ossa e approvata undici anni fa dalla Food and Drug Administration per fondere le vertebre in caso di mal di schiena non trattabile altrimenti.

Secondo il dossier del Senato Usa, i medici avrebbero occultato gli effetti secondari dannosi dell'InFuse, enfatizzandone in modo eccessivo i benefici. Inoltre avrebbero redatto il rapporto usato poi dalla Fda per dare il via libera al prodotto concordandone i contenuti direttamente con Medtronic.

Dal canto suo, la ditta nega ogni addebito. I medici, tutti affiliati a prestigiose università americane, anche.
Ma, almeno negli Usa, il fatto che, nel redigere i loro rapporti, i medici avessero celato i legami con l'industria e i vari conflitti d'interesse è già di per sé un atto d'accusa. Tanto più che l'introduzione dell'InFuse non è stata senza conseguenze per la salute dei pazienti: alcuni sono deceduti, molti altri hanno sofferto di infiammazioni o segnalato problemi neurologici e indebolimento delle ossa. Effetti secondari che sia la ditta sia i medici coinvolti conoscevano. Ma che, nelle loro pubblicazioni, erano tutti accuratamente celati.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE
Gas contro biogas: uccidono l'agricoltura 13 GEN 2012 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione