Infanzia

L'abilità che tuo figlio deve imparare per avere successo nella vita


CATEGORIE: Infanzia

bambina

Se vuoi aiutare il tuo bambino ad avere una vita felice e sana allora insegnagli a ritardare la gratificazione! La gratificazione ritardata è la capacità di resistere alla tentazione di una ricompensa immediata e attendere una ricompensa successiva. Fondamentalmente, la gratificazione ritardata è la capacità di un sistema nervoso di affrontare lo stress.

All'inizio degli anni '70 lo psicologo Walter Mischel ha portato a termine l'esperimento ribattezzato della “gratificazione ritardata”. Lo studioso faceva entrare in una stanza un bambino e gli offriva un dolcino. Allo stesso spiegava che si sarebbe dovuto assentare per 15 minuti e gli diceva che se riusciva a non mangiare  fino al suo ritorno il dolce, ne avrebbe avuto un altro in premio. Soltanto una minoranza di bambini decideva di mangiare subito il dolce mentre altri attuavano strategie per mantenere l’autocontrollo (alcuni, ad esempio, si coprivano gli occhi con le mani o si giravano per non vedere il vassoio). Più l'età dei bambini avanzava, più le strategia di autocontrollo erano sofisticate e funzionavano. I ricercatori hanno dimostrato che buona parte dei bambini in grado di aspettare sono stati quelli che successivamente hanno ottenuto anche migliori risultati sia nel campo scolastico sia in altri aspetti della loro vita.

Un crescente numero di ricerche suggerisce oggi che esiste un legame tra la gratificazione ritardata e la salute sociale, emotiva, fisica e accademica. “Sulla base della mia esperienza di lavoro con centinaia di bambini, questo collegamento è molto forte”, afferma in un articolo Victoria Prooday, psicoterapeuta canadese (di origini ucraine) specializzata in terapia occupazionale e che lavora con bambini, genitori e insegnanti.

È possibile migliorare questa abilità?
Attraverso l'ambiente, possiamo rafforzare la capacità di un bambino di ritardare la gratificazione o indebolirla. Purtroppo, l'ambiente in cui oggi vivono i nostri bambini li porta sulla strada sbagliata. Sono cresciuti infatti in un mondo di costante gratificazione immediata. Pertanto, non sorprende che tanti ragazzi oggi non possiedano questa abilità e non riescano a resistere al desiderio di ottenere ciò che vogliono nel momento in cui lo desiderano, il che ha un impatto negativo sulle loro capacità accademiche, sociali ed emotive”.

Come sviluppare l'abilità della gratificazione ritardata nei bambini?
È possibile educare i bambini alla gratificazione ritardata. In che modo? Ecco alcuni suggerimenti di Victoria Prooday ai genitori:

- Invitate i bambini a svolgere alcune faccende quotidiane (ad esempio: fare il letto, preparare la tavola, mettere i vestiti sporchi nel cesto, innaffiare le piante, caricare/scaricare la lavastoviglie, dare da mangiare a un animale domestico, smistare/piegare il bucato o lavare le auto).
- Lasciate che i bambini si annoino e non ricorrere agli schermi di apparecchi tecnologici come antidoto alla noia
- Evitate l'uso della tecnologia in auto e nei ristoranti
- Usate  i concetti di “prima” e “dopo” (dicendo ad esempio: “prima riordina i giocattoli e dopo gioca a palla”).
- Limitate gli spuntini
- Insegnate ai bambini a collezionare adesivi o punti con l'obiettivo di una ricompensa finale.
- Invitate i bambini a giocare con i giochi da tavolo per insegnare loro ad aspettare e rispettare i turni
- Esortate i bambini a fare giochi di movimento
- Insegnate ai bambini quelle attività che richiedono uno sforzo costante per ottenere risultati (ad esempio: giardinaggio, cucito, lavorazione dell'argilla, pittura, creazione di biglietti di auguri fatti a mano).
- Non affrettarti ad aiutarli: lascia che i bambini si impegnino per risolvere un problema.
- Fa' sì che nella vita quotidiana ci siano opportunità di gratificazione ritardata, ad esempio: se tuo figlio ha ricevuto molti regali di compleanno, accordati con lui per l'apertura di un regalo al giorno anziché tutti in una volta.

“Le grandi cose – conclude Victoria Prooday – succedono a quelli che aspettano”.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione