Infanzia

L'abilità che tuo figlio deve imparare per avere successo nella vita


CATEGORIE: Infanzia

bambina

Se vuoi aiutare il tuo bambino ad avere una vita felice e sana allora insegnagli a ritardare la gratificazione! La gratificazione ritardata è la capacità di resistere alla tentazione di una ricompensa immediata e attendere una ricompensa successiva. Fondamentalmente, la gratificazione ritardata è la capacità di un sistema nervoso di affrontare lo stress.

All'inizio degli anni '70 lo psicologo Walter Mischel ha portato a termine l'esperimento ribattezzato della “gratificazione ritardata”. Lo studioso faceva entrare in una stanza un bambino e gli offriva un dolcino. Allo stesso spiegava che si sarebbe dovuto assentare per 15 minuti e gli diceva che se riusciva a non mangiare  fino al suo ritorno il dolce, ne avrebbe avuto un altro in premio. Soltanto una minoranza di bambini decideva di mangiare subito il dolce mentre altri attuavano strategie per mantenere l’autocontrollo (alcuni, ad esempio, si coprivano gli occhi con le mani o si giravano per non vedere il vassoio). Più l'età dei bambini avanzava, più le strategia di autocontrollo erano sofisticate e funzionavano. I ricercatori hanno dimostrato che buona parte dei bambini in grado di aspettare sono stati quelli che successivamente hanno ottenuto anche migliori risultati sia nel campo scolastico sia in altri aspetti della loro vita.

Un crescente numero di ricerche suggerisce oggi che esiste un legame tra la gratificazione ritardata e la salute sociale, emotiva, fisica e accademica. “Sulla base della mia esperienza di lavoro con centinaia di bambini, questo collegamento è molto forte”, afferma in un articolo Victoria Prooday, psicoterapeuta canadese (di origini ucraine) specializzata in terapia occupazionale e che lavora con bambini, genitori e insegnanti.

È possibile migliorare questa abilità?
Attraverso l'ambiente, possiamo rafforzare la capacità di un bambino di ritardare la gratificazione o indebolirla. Purtroppo, l'ambiente in cui oggi vivono i nostri bambini li porta sulla strada sbagliata. Sono cresciuti infatti in un mondo di costante gratificazione immediata. Pertanto, non sorprende che tanti ragazzi oggi non possiedano questa abilità e non riescano a resistere al desiderio di ottenere ciò che vogliono nel momento in cui lo desiderano, il che ha un impatto negativo sulle loro capacità accademiche, sociali ed emotive”.

Come sviluppare l'abilità della gratificazione ritardata nei bambini?
È possibile educare i bambini alla gratificazione ritardata. In che modo? Ecco alcuni suggerimenti di Victoria Prooday ai genitori:

- Invitate i bambini a svolgere alcune faccende quotidiane (ad esempio: fare il letto, preparare la tavola, mettere i vestiti sporchi nel cesto, innaffiare le piante, caricare/scaricare la lavastoviglie, dare da mangiare a un animale domestico, smistare/piegare il bucato o lavare le auto).
- Lasciate che i bambini si annoino e non ricorrere agli schermi di apparecchi tecnologici come antidoto alla noia
- Evitate l'uso della tecnologia in auto e nei ristoranti
- Usate  i concetti di “prima” e “dopo” (dicendo ad esempio: “prima riordina i giocattoli e dopo gioca a palla”).
- Limitate gli spuntini
- Insegnate ai bambini a collezionare adesivi o punti con l'obiettivo di una ricompensa finale.
- Invitate i bambini a giocare con i giochi da tavolo per insegnare loro ad aspettare e rispettare i turni
- Esortate i bambini a fare giochi di movimento
- Insegnate ai bambini quelle attività che richiedono uno sforzo costante per ottenere risultati (ad esempio: giardinaggio, cucito, lavorazione dell'argilla, pittura, creazione di biglietti di auguri fatti a mano).
- Non affrettarti ad aiutarli: lascia che i bambini si impegnino per risolvere un problema.
- Fa' sì che nella vita quotidiana ci siano opportunità di gratificazione ritardata, ad esempio: se tuo figlio ha ricevuto molti regali di compleanno, accordati con lui per l'apertura di un regalo al giorno anziché tutti in una volta.

“Le grandi cose – conclude Victoria Prooday – succedono a quelli che aspettano”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

A casa o a fare la spesa durante l'orario di lavoro: medici e infermieri denunciati 16 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Non solo sport: anche la sauna fa bene al cuore 14 GEN 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Perché non dovremmo mai farci mancare lo zenzero 14 GEN 2019 ALIMENTAZIONE
“Avvelenati noi ed i nostri figli”. La nuova denuncia delle mamme no PFAS 14 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
I cinque consigli dell'OMS per una dieta sana 11 GEN 2019 ALIMENTAZIONE
Venezia: cibo scaduto nelle mense dei bambini a scuola 9 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Si dimette per conflitto di interessi un oncologo di fama mondiale 7 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Paralizzata dopo il vaccino vince due cause contro il Ministero della Salute 7 GEN 2019 VACCINAZIONI
Possibile rischio cancro: ritirato dal mercato europeo un tipo di protesi al seno 21 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Bimbi e Natale: il decalogo dei pediatri 19 DIC 2018 INFANZIA
ISS: si dimette Ricciardi. Era stato accusato di conflitto d'interessi 19 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Mal di schiena? Un'epidemia. “La chiropratica può fare molto” 17 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Tumori: il 4% dei casi causati dal sovrappeso 13 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Rischio infarto con le carni rosse: ecco perché 13 DIC 2018 ALIMENTAZIONE
Incidenti stradali: killer principale di giovani e bambini 12 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Cassazione: "Le linee guida per i medici non sono assolute”. Anche per i vaccini? 12 DIC 2018 SALUTE
Le 20 regole per evitare il diabete 10 DIC 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Ridurre l'inquinamento può salvare un milione di vite 10 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
La Toscana aggiorna e potenzia la rete delle cure palliative 7 DIC 2018 SALUTE
Pubertà precoce: sotto accusa i cosmetici delle mamme 7 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Giulia Grillo ha revocato tutti i membri non di diritto del Consiglio superiore di Sanità 5 DIC 2018 SALUTE
Sanità, D’Anna (Biologi): “Fare luce su ipotesi conflitto interesse a carico di Walter Ricciardi” 5 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Insalate in busta contaminate da batteri resistenti agli antibiotici 3 DIC 2018 ALIMENTAZIONE
Asma: più a rischio i bambini in sovrappeso 30 NOV 2018 INFANZIA
Dieci allarmi alimentari al giorno nel 2018 30 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Sistema immunitario: conta soprattutto lo stile di vita 30 NOV 2018 SALUTE
Implant Files: giornalisti denunciano lo scandalo delle protesi killer 28 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Come affrontiamo lo stress: ecco cosa danneggia il cervello 28 NOV 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Morbillo, coperture vaccinali ed epidemie: cosa dicono veramente i dati? 26 NOV 2018 VACCINAZIONI
Gas serra, nuovo record e nessun segnale positivo 26 NOV 2018 ATTUALITà

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione