Salute

Riso OGM, nuova multa per la Bayer

Fonte: fondazionedirittigenetici.org



La multinazionale tedesca Bayer dovrà risarcire con 48 milioni di dollari gli agricoltori statunitensi danneggiati dalla contaminazione di riso Ogm. È il quarto verdetto emesso a sfavore dell'azienda che si mostra negligente e omissiva non avendo dichiarato l'inquinamento così da poterne limitare i danni.


Il tribunale federale di St. Louis in Arkansas (Usa) ha condannato la multinazionale tedesca Bayer CropScience a risarcire dodici agricoltori per la contaminazione da riso OGM sperimentale. Si tratta del quarto verdetto emesso a sfavore dell'azienda da quando, nell'Agosto 2006, il Dipartimento Usa per l'agricoltura (USDA) denunciò la presenza nel riso convenzionale a grani lunghi dell'evento genetico LLRICE601, per la resistenza al diserbante Liberty Link, prodotto dalla Bayer.
La commercializzazione del particolare OGM non era autorizzata e l'allerta sanitaria causò forti perdite sulle piazze finanziarie nonché il blocco delle importazioni, in particolare da parte dei compratori europei e giapponesi. Nella recente sentenza emessa dai giudici federali la Bayer risulta non solo negligente rispetto al proprio prodotto sperimentale, ma anche omissiva, non avendo notificato l'avvenuto inquinamento in maniera da limitarne i danni. I coltivatori ricorsi al tribunale, dislocati nelle contee dove si concentra la coltivazione del riso - Arkansas, California, Louisiana, Mississippi, Missouri e Texas - lamentano infatti di aver saputo della contaminazione solo in seguito all'annuncio fatto dall'USDA e denunciano che l'azienda si mobilitò in ritardo, quando ormai si era prossimi alla raccolta.

La Food and Drug Administration (FDA) diffuse un rapporto in cui si dichiarava sicura la proteina transgenica presente nel riso della Bayer, deregolamentata poi nel Novembre del 2006, ma le cause legali per le perdite commerciali subite dagli agricoltori andranno comunque avanti, così come i controlli per garantire l'assenza del Liberty Link nei carichi esportati oltre Atlantico.

Intanto in Europa la Commissione, basandosi sul parere favorevole dell'Agenzia per la sicurezza alimentare (EFSA), ha chiesto agli esperti del Comitato permanente per la catena alimentare e la salute animale, che si riuniranno il 20 aprile a Bruxelles, di approvare la commercializzazione nell'UE del riso geneticamente modificato LL62, prodotto dalla Bayer, destinato a uso alimentare.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione