Omeopatia

Scienza ed informazione: l’enigma della Medicina Omeopatica. Quell’“acqua fresca” dalle strane proprietà


CATEGORIE: Omeopatia

Una ricerca condotta da un gruppo coordinato da Moshe Frenkel dell’Integrative Medicine Program-Unit del Department of Molecular Pathology dell’University of Texas M.D. Anderson Cancer Center (Houston) ha evidenziato l’efficacia farmacologica di alcuni medicinali omeopatici nel contrastare l’attività delle cellule cancerose del tumore al seno.
L’articolo, pubblicato sull’International Journal of Oncology, spiega che i rimedi omeopatici testati in laboratorio su due linee cellulari di adenocarcinoma e su una linea di cellule sane derivate da epitelio mammario umano (HMLE), hanno evidenziato “elevati effetti citotossici” nei confronti delle cellule cancerose, effetto non rilevato nel caso dell’epitelio sano.
I ricercatori hanno rilevato che l’azione dei rimedi omeopatici sembra simile a quella del paclitaxel, un chemioterapico usato per trattare il tumore al seno e che non sono stati riscontrati effetti tossici sulle cellule normali.
Secondo gli autori questo fatto solleva l’eccitante possibilità di una finestra di opportunità terapeutiche per un’eliminazione preferenziale delle cellule cancerose del seno con minimo danno al normale tessuto mammario che le circonda, grazie all’uso dei rimedi ultradiluiti esaminati nello studio.
Gli autori concludono che i risultati di questo studio dovrebbero incoraggiare un’ulteriore indagine preclinica e animale di questi rimedi come trattamenti preventivi e/o terapeutici del cancro del seno.
Sappiamo che le Medicine Non Convenzionali, e la Medicina Omeopatica in particolare, vengono accusate di mancare di dati scientifici a loro sostegno e che queste accuse che si ripetono periodicamente vengono regolarmente riprese con evidenza dai mezzi di comunicazione, sempre pronti a decretare la morte della Medicina Omeopatica.
Ricordiamo ad esempio la violenta campagna promossa nell’agosto 2005 da Lancet, a partire da un articolo che attribuiva al mero effetto placebo la pretesa efficacia della Medicina Omeopatica. Articolo del Lancet peraltro ampiamente confutato e smentito da altri ricercatori.
L’attacco più recente è venuto da un report pubblicato il 22 febbraio 2010 da parte della Commissione Parlamentare Inglese su Scienza e Tecnologia, in cui si afferma che la Medicina Omeopatica non è efficace, almeno non più che il placebo, che le spiegazioni sul meccanismo d’azione non sono scientificamente plausibili e che non è giustificato condurre ulteriori studi clinici sulla Medicina Omeopatica.
La Commissione conclude che il Sistema Sanitario Pubblico dovrebbe pertanto cessare ogni forma di finanziamento all’omeopatia e che non dovrebbe essere concessa alcuna licenza ai medicinali omeopatici.
Queste conclusioni apodittiche sono quanto meno poco scientifiche, perché la scienza ha per sua categoria irrinunciabile la provvisorietà dei suoi dati, che sono sempre rivedibili.
E infatti ecco che viene pubblicata questa ricerca di laboratorio rigorosa, condotta secondo i migliori canoni della biomedicina che smentisce tanta assolutezza.
Ci saremmo aspettati un’eco sui mezzi di comunicazione, non per affermare che la Medicina Omeopatica cura i tumori, s’intende, ma per segnalare che quella che viene presentata come semplice acqua fresca ha dimostrato in questo caso un’azione farmacologica misurabile.
E invece, o forse proprio per questo, riparte a più livelli un’offensiva per screditare e creare sfiducia nella Medicina Omeopatica.
La più recente occasione è stata data dalla diffusione di una campagna informativa sulle medicine naturali lanciata dall’Istituto Superiore di Sanità.
L’Istituto Superiore di Sanità (ISS), anche con la significativa e autorevole collaborazione delle società medico scientifiche che il Comitato per le Medicine Non Convenzionali in Italia rappresenta, aveva preparato, e da noi sottoscritto – già due anni fa, nel 2008 - questo “decalogo” per l’utilizzo appropriato delle Medicine Non Convenzionali volto a rendere consapevoli medici e pazienti che scelgono di usare questo genere di prestazioni mediche.
Un’iniziativa sacrosanta, volta a bandire ogni superficialità e scorrettezza nell’uso di queste medicine. Ma da qui a gettare un allarme sociale sulla pericolosità di queste medicine c’è un bel salto. Eppure i media hanno recepito questa campagna, relativa a un documento del 2008, paventando gravi e frequenti effetti avversi: 400 effetti avversi dal 2002, e tra questi una trentina di effetti, in genere molto lievi, per la Medicina Omeopatica, a fronte di 11 milioni di utilizzatori di Medicine Non Convenzionali secondo il “Rapporto Italia 2010” pubblicato dall’EURISPES, giustificano un tale allarme sociale?
In relazione al sistema sanitario dominante della singola nazione, sotto i nomi di “Medicine Tradizionali”, “Medicina Naturale”, “Medicine Non Convenzionali”, “Medicine Complementari e Alternative”, come statuisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO), si raggruppano vari Sistemi Medici e di Salute, Discipline e Pratiche, a base antropologica - centrate sulla persona - con profili di rischio molto differenti, cosa difficile da far apprezzare a chi non conosce a fondo l’argomento.
Il messaggio principale che l’Istituto Superiore di Sanità e le nostre Società Scientifiche intendono trasmettere è di non sottovalutare il potenziale terapeutico e, quindi, il profilo di rischio dei prodotti naturali e di rivolgersi sempre a medici rigorosamente formati, competenti e realmente esperti quando si intenda utilizzare questi medicinali.
E’ giusto richiamare a un uso consapevole di queste “Medicine”, ma siamo contro ogni allarmismo, che appare davvero ingiustificato. E soprattutto crediamo che un’informazione ampia e corretta al pubblico vada affiancata da precise scelte politiche che promuovano la severa e rigorosa competenza dei medici che fanno uso di tali Sistemi Medici.
A questo riguardo appare apprezzabile l’impostazione del documento “Linee Guida per la Formazione nelle Medicine e Pratiche Non Convenzionali” approvato a dicembre 2009 dal Consiglio Nazionale della FNOMCeO, in qualche modo in coerenza con le “Linee Guida sulle Medicine e Pratiche Non Convenzionali” emanato dalla Federazione stessa nel 2002, che, partendo da definizioni precise delle varie Medicine e Discipline, tiene alto, come noi chiediamo da sempre, il livello di competenza richiesto ai medici esperti. Non è questo l’ambito per discutere gli aspetti controversi e non risolti di questo documento, non esaustivo né completo, che deve essere doverosamente e necessariamente perfezionato, ma è importante che sia stata ribadita la necessità di un rigoroso e severo livello di formazione a garanzia dei pazienti che a queste Medicine si affidano.


Bibliografia essenziale
Moshe Frenkel et Al.: Cytotoxic effects of ultra-diluted remedies on breast cancer cells, International Journal of Oncology 36: 395-403, 2010.
Shang A, Huwiler-Mu?ntener K, Nartey L, Ju?ni P, Dörig S, Sterne JAC, Pewsner D, Egger M. Are the clinical effects of homoeopathy placebo effects? Comparative study of placebo-controlled trials of homoeopathy and allopathy, Lancet 366:726-732, 2005.
R. Luedtke, A.L.B. Rutten. The conclusions on the effectiveness of homeopathy highly depend on the set of analyzed trials. Journal of Clinical Epidemiology 61 (2008) 1197-1204.
Tobias Nuhn, Rainer Luedtke, Max Geraedts. Placebo effect sizes in homeopathic compared to conventional drugs - a systematic review of randomised controlled trials. Homeopathy (2010) 99, 76-82.
General Guidelines for Methodologies on Research and Evaluation of Traditional Medicine, WHO, Geneva, 2000
Eurispes-Rapporto Italia 2010 - Capitolo: “Curarsi con le Medicine Non Convenzionali”.
Giarelli G., Roberti di Sarsina P., Silvestrini B. (a cura di), Le Medicine Non Convenzionali in Italia.
Storia, problemi e prospettive di integrazione. Prefazione di Edwin L. Cooper (Fondatore e Direttore di eCAM Journal). Postfazione di Amedeo Bianco (Presidente FNOMCeO). FrancoAngeli, Milano 2007, pp. 416.
Cipolla C., Roberti di Sarsina P. (a cura di), Le peculiarità sociali delle Medicine Non Convenzionali. Prefazione di Bruno Silvestrini. Franco Angeli, Milano 2009, pp. 256 .
Roberti di Sarsina P., Iseppato I., Looking for a Person-centered Medicine: Non Conventional Medicine in the Conventional European and Italian Setting. Evidence-based Complementary and Alternative Medicine Journal (eCAM) doi: 10.1093/ecam/nep0 48.
Roberti di Sarsina P., Iseppato I., Non-conventional medicine in Italy: The present situation. European Journal of Integrative Medicine (Eu-JIM), 1 (2009) 65-71.
Roberti di Sarsina P., The Social Demand for a Medicine Focused on the Person: The Contribution of CAM to Healthcare and Healthgenesis, eCAM, 2007; 4(S1) 45-51.
Roberti di Sarsina P., Consensus Document on CAM in Italy, eCAM, 2005, 2: 233-5.
Roberti di Sarsina P., Iseppato I., State of Art of the Regulative Situation of Non conventional Medicines in Italy. The Journal of Alternative and Complementary Medicine (JACM), 16, 2, 2010, 141-142.
Nuzzi R., Non Conventional Medicine in Italy. History, Problems, Prospects for Integration. (Review), eCAM 2008; 5(4) 491-492.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Antonella Ronchi

Fiamo segnala: 'insegnamento dell'omeopatia a personale non medico' 1 FEB 2016 OMEOPATIA
Vaccinazioni e comunicazione: la dichiarazione degli omeopati italiani 23 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le bufale di Garattini sull’omeopatia. Smentiamo e vi diciamo perché 4 NOV 2015 OMEOPATIA
Vaccini e Omeopatia: se viene negato il pluralismo nella medicina 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
Omeopatia: un importante progetto europeo a tutela dei cittadini 14 APR 2014 OMEOPATIA
L'Omeopatia e le sue prime battaglie. Saperne di più per una scelta responsabile 3 GEN 2014 OMEOPATIA
Il Treno Sbagliato 18 AGO 2013 OMEOPATIA
Omeopatia: conoscersi, curarsi, guarire 7 GEN 2013 OMEOPATIA
Il tradimento di Ippocrate. La medicina degli affari 7 DIC 2012 RECENSIONI
Il decreto Balduzzi ed i medicinali omeopatici 27 SET 2012 OMEOPATIA
Omeopatia: conoscersi, curarsi, guarirsi 27 GEN 2012 RECENSIONI
Comunicato in relazione alla tragica vicenda del bimbo deceduto a Tricase 24 OTT 2011 OMEOPATIA
Influenza e Omeopatia - Lettera al Ministro Fazio 9 GEN 2011 OMEOPATIA
Le medicine omeopatiche? Sicure ed affidabili 16 DIC 2010 OMEOPATIA
Omeopatia e pregiudizio, la parola al presidente della FIAMO 8 NOV 2010 OMEOPATIA
Celiachia ed omeopatia: connubio possibile, anzi auspicabile! 27 SET 2010 SALUTE
Solo medici laureati ed abilitati possono esercitare l’omeopatia 15 SET 2010 OMEOPATIA
Influenza e Omeopatia di Vincenzo Mengano 7 GIU 2010 RECENSIONI
Boiron vs Garattini - Omeopatia o medicina tradizionale? 26 MAG 2010 OMEOPATIA
Svizzera: referendum popolare (67% di sì) fa entrare l’Omeopatia nella Costituzione 24 MAG 2010 OMEOPATIA
Stregoni alla riscossa 18 MAG 2010 OMEOPATIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione