Salute

La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Salute

franco basaglia
La legge Basaglia, che 40 anni fa ha abolito i manicomi, "ruppe il muro della separazione tra normalità e follia"

Chi ha fatto politica tra la fine degli anni Sessanta e i primi Settanta del secolo scorso forse ricorda quanto fu importante Marco Cavallo, quella scultura di cartapesta voluta da Franco Basaglia, dal suo team di lavoro, e dai "matti" dell'ospedale psichiatrico di Trieste, che una domenica di marzo del 1973 uscì dal manicomio, all'aria aperta, per rompere le mura dell'isolamento, per conquistare la libertà che veniva negata a migliaia e migliaia di persone allora tenute in strutture di segregazione, di violenza, di oppressione.

 

Una volta, per seguire quell'ondata libertaria, andammo - come militanti della sinistra extra parlamentare - a manifestare davanti al Santa Maria sella Pietà, a Roma, un manicomio, e uno dei lager, neppure il peggiore, dove erano prigionieri i cosiddetti "matti", per chiederne la chiusura. Eppure, da noi militanti di sinistra che credevamo di batterci per la rivoluzione, quella vera rivoluzione voluta da Basaglia, che portò alla legge 180 del 13 maggio del 1978, all'inizio non fu molto compresa. Probabilmente perché credevamo nella politica in senso stretto, perché eravamo presi di più dai problemi socio-economici, perché forse eravamo convinti che in fin dei conti i matti esistevano davvero, anche se ritenevamo inaccettabili i trattamenti che subivano. Le camicie di forza, i letti di contenzione, gli elettroshock, erano le cose da combattere: quei lager erano un'offesa all'umanità.

 

Basaglia fece scoprire agli italiani, una realtà nascosta. E negata. Perché la società ne aveva paura. D'altronde un tempo una persona finiva in manicomio, in ospedale psichiatrico, solo perché qualcuno - spesso un familiare - la considerava non normale. Allora capimmo che il confine tra normalità è follia era, ed è, molto labile. E che forse eravamo, e siamo, tutti un po’ folli. Si pensi a quegli omicidi (non i femminicidi) che avvengono in famiglie considerate normalissime: lasciano di stucco, sorprendono, sono incomprensibili. L'omicida viene descritto dai vicini sempre con battute tipo "era una persona così tranquilla". Si pensi alle stragi compiute nelle scuole, nelle università americane, da giovani che fino al giorno prima dell'eccidio si erano comportati in modo assolutamente normale. Vuol dire che c'è un filo sottile che si può spezzare molto facilmente.

 

Andando a ritroso, e alla luce dei tanti fatti di violenza quotidiana che ci stupiscono, ora comprendiamo meglio il cambiamento culturale basagliano. Che ruppe il muro della separazione tra normalità e follia, facendo entrare quest'ultima nella nostra quotidianità, facendoci capire che potenzialmente siamo tutti un pò matti. Perciò il primo passo doveva essere il superamento dei manicomi. Non era dunque la negazione dell'esistenza della follia. Perché i disturbi mentali esistevano allora, esistono oggi. Ma la chiusura di quelle strutture di orrore, dove tanti disgraziati finivano senza un vero perché e venivano maltrattati quotidianamente, e segregati per l’intera vita, era obbligatoria. Quel mondo doveva finire. E così è stato. Anche se la salute mentale, adesso più di prima, è un problema. Non irrisolto (perché è irrisolvibile), che non viene affrontato con in modo adeguato. E perché ancora resiste qualche residuo degli orrori del passato.

 

Tuttavia, da quella data storica, sono stati fatti progressi per la conquista di una migliore salute mentale che, come sancisce anche l’Oms, “è parte integrante della salute e del benessere”. Perciò non va affrontata separatamente, ma intervenendo a 360 gradi sugli aspetti sanitari, sociali, che influiscono appunto sulla salute. Curando le persone con disturbi, aiutandole a liberarsi. Soprattutto dalle loro condizioni, dalle loro ossessioni. Un lavoro che solo un personale assistenziale "di qualità" può affrontare. Perché spesso le situazioni sono difficili da vivere e da gestire, e a volte devastanti perfino per l’equilibrio psichico di medici, infermieri, come mi spiegò una volta un addetto ai lavori. E se la 180 è stata uno spartiacque che ha aumentato il nostro livello di democrazia e soprattutto di civiltà (secondo l’Oms l’Italia ha la legge più rispettosa dei diritti delle persone con disturbi mentali), è vero che è stata una conquista anche per chi ha lavorato nei manicomi.

 

La legge con tutti i limiti, i ritardi, le difficoltà di attuazione, resta un baluardo nella difesa dei diritti civili e sociali dei soggetti più fragili. Ma, appunto, c'è molto cammino da fare. Perché dopo la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, resta il problema delle strutture separate, dei cronicari, mentre il vero obiettivo è la non separazione dei malati mentali dal loro ambiente di vita. Perciò gli addetti ai lavori scrivono che "serve un rilancio che parta dalla riqualificazione dei servizi di salute mentale e più in generale delle politiche sanitarie e sociali, insieme ad una ripresa della battaglia culturale per sradicare lo stigma, che associa pericolosità e follia, emarginando e discriminando le persone con disturbi mentali e i loro familiari". Da qui la richiesta alle istituzioni di una Conferenza nazionale sulla Salute mentale. Oggi sono necessari Dipartimenti di Salute Mentale meglio organizzati, centri di salute mentale aperti 24 ore su 24, strutture per l'integrazione sociale, personale più preparato, un volontariato consapevole, formazione per i familiari, il coinvolgimento attivo delle persone con disturbi mentali, il superamento totale degli Opg, la fine dei trattamenti violenti, più attenzione alle politiche di integrazione.

 

Bisogna riannodare i fili che dividono la normalità dalla follia, che solo nelle fasi acute può richiedere interventi coercitivi. In sostanza si tratta di prendere in carico le persone "malate". Che non sono poche. Dall'ultimo rapporto sulla Salute Mentale, risulta che nel 2015 sono state seguite dai servizi quasi 800 mila persone. Un problema sociale non marginale. E che invece chi non è coinvolto, più o meno direttamente, rimuove.

 

Un'ultima considerazione. Rispetto ai diritti e agli insegnamenti che ha portato con sé la 180, c’è qualcosa di particolare che dovremmo sempre tener presente, a maggior ragione in questa fase storica segnata da intolleranza, insofferenza, violenza: è l'accettazione, il riconoscimento, il rispetto della persona "diversa". Perché il mondo non può essere migliore se non vengono difesi i soggetti più deboli e più fragili della società. E i "matti" sono tra questi.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola 21 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI
Se "l'immunità di gregge" diventa merce di scambio 28 AGO 2017 VACCINAZIONI
La guerra sui vaccini ha scavato un grande solco 18 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le vaccinazioni e la salute, la politica e la protesta 24 LUG 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione